Evoluzione dei sistemi politici?

Carissimi answerini, ho qui una bella domanda per esperti di politica.

Secondo voi come si evolveranno tra una cinquantina d'anni i sistemi politici attualmente in voga? Si avrà un ritorno alle dittature? Ci sarà un risveglio delle masse e si perverrà a VERE democrazie? Si cadrà nell'anarchia o in balia della legge del più forte?

Mi piacerebbe avere un'opinione che si fondi su basi, per quanto possibile, concrete.

P.s. le battute imbecilli tipo 2012 e la fine del mondo non sono gradite. Ai simpaticoni consiglio di sfruttare le vacanze di natale per andare a giocare a carte...

7 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Vedi cara Marzi@ in pochi luoghi si insegna cosa sia realmente la politica,ed il perchè le sociatà siano plasmate in un modo invece che in un altro.Quello che crea sistemi politici e società è il modo di produrre e di riflesso l' organizzazione economica che questo crea.Siamo passati noi umani in diverse fasi storiche in cui il sistema produttivo l'economia e di riflesso l'organizzazione sociale creavano società di volta in volta diverse e con assetti politici e di governo diversi.Il capitalismo selvaggio che stà portando la nostra era sull'orlo di un disastro è conseguenza di un tentativo dello stesso di frenare quei processi storici che lo avrebbero condannato,avrebbe dovuto evolversi in qualche cosa di diverso,è scritto nella materialità delle cose,nella logica della storia....invece non è accaduto,per la prima volta un sistema è stato capace, utilizzando mezzi mai sperimentati finora,tv media informatica etc,di plagiare e annichilire ogni voce che lo condannava.L'opera maestra è stata quando minando sistemi comunisti o pseudotali,incrinandoli e smantellandoli dall'interno ha distrutto,o almeno cerca di farlo il suo nemico che covava nel seno,già perchè ogni sistema ne porta in grembo un altro,ed anche se non perfetti quelli che aveva generato erano dei tentativi da cui avremmo imparato,da cui trarre insegnamenti.Non so come andrà la cosa,non so come finirà,so solo che tra noi,in questo paese non c'è nessun politico che possa riprendere in braccio quel bambino mai nato....e che la madre degenere che lo porta in grembo è disposta a cancellare metà dell'umanità per non permettergli di nascere.

    I mercati e l'assetto economico che crollerà avrà bisogno di cervelli molto svegli e scrittori molto in gamba per riscrivere un nuovo brogliaccio su cui iniziare di nuovo....

    Fonte/i: E perchè tu ti faccia una idea esatta di quello che ci attende,e tra le righe quale compito attende i politici di quella specie che non esiste che la tua generazione volente o nolente dovrà forgiare,eccoti uno a mio avviso,dei migliori siti di geopolitica.... http://www.eurasia-rivista.org/
  • 1 decennio fa

    La crisi generalizzata sicuramente porterà una stretta sia economica che politica.

    La crisi generale di sovrapproduzione porterà un innalzamento delle barriere doganali. Ogni area economica tenderà a difendersi dalle altre merci. E viceversa tenderà di invadere altri territori.

    Comunque questo non riuscirà ad evitare la terza guerra mondiale.

    E solo il risultato della guerra deciderà quale politica ne uscirà.

    Lo scontro tra le minoranze politiche deciderà un vincitore. Quale sarà?

    È chiaro che ognuno tende a tirare l'acqua al suo mulino.

    In politica non si può essere obiettivi, dato che a nostro modo siamo comunque partigiani. Di parte.

    Quindi io sono certo che uscirà vincente la mia idea politica nello scontro. Così sono certo che si arriverà all dittatura del proletariato e poi al comunismo. Questo accadrà se saremo in grado a quel tempo di avere le forze sufficenti per fermare la terza guerra mondiale. In caso contrario, l'umanità sarà ancora una volta preda dei predoni del capitale. L'abbiamo visto nella seconda guerra mondiale di cosa sono capaci.

    L'alternativa è aver la forza di fermarli. Imponendo la nostra volontà politica.

    Ciao.

  • 1 decennio fa

    Io non sono un' esperta però secondo me il popolo si ribellerà e ci sarà un periodo di anarchia..(A)

  • Anonimo
    1 decennio fa

    La globalizzazione e la crisi economica dell'occidente porteranno a stati multietnici e compositi.La stagnazione economica e il divario tra ricchi e poveri aumenteranno insieme all'ignoranza e al disinteresse politico totale di questi ultimi, in tal modo la democrazia presunta diverrà una sorte di oligarchia della quale faranno parte in virtù del loro interesse per la res publica le elitè economiche, perchè più colte e spinte da interessi economici e le elite intellettuali, portate ad emergere per capacità ed interesse per la politica

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Si arriverà alle democrazie multietniche e multiconfessionali, sulla base di quello che sta diventando l'America. Ci sarà probabilmente un nuovo boom economico, prima o poi.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    IN QUESTA SOCIETA MISANDRICA LE FEMMINE SONO IPERGARANTITE MENTRE GLI UOMINI NON HANNO PIU DIRITTI....BASTA KE UNA FEMMINA TI DENUNCIA E TI CONDANNANO SENZA PROVA .

    OLTRE AI FALSI DATI QUADRPLICATI SULLA VIOLENZA SULLE FEMMINE , CI SONO VERI DATI KE POKI VI DICONO .

    STUPRI , IL 40% SONO FALSI

    PEDOFILIA , IL 60% DEGLI ABUSI è COMMESSO DA FEMMINE

    INFNATICIDIO :OGNI 3 GIORNI IN ITALIA UN BAMBINO VIENE UCCISO DA UNA FEMMINA

    MORTI AMMAZZATI : UOMINI 600 FEMMINE 160 (italia anno)

    VIOLENZA SUGLI UOMINI, IN ITALIA 2 MILIONI DI UOMINI SUBISCONO TUTTI I TIPI DI VIOLENZA DALLA FEMMINA

    Fonti:

    GUARDATEVI TUTTI I VIDEO DEL CANAL

    http://www.youtube.com/watch?v=UoNB4tmRFv0

    Youtube thumbnail

    NAZIFEMMINISMO...AUMENTANO LE DONNE PRESIDENTI...FRA POCO NOI UOMINI CI DOVREMMO NASCONDERE COME GLI EBREI DURANTE IL NAZISMO

  • 1 decennio fa

    Si evolverà tramite il fallimento del sistema del welfare (basato su un enorme spesa pubblica) che abbiamo preso a modello dai paesi scandinavi!

    Già il fallimento delle industrie statali negli anni '80 aveva dato modo di capire l'inefficenza della gestione pubblica dell'economia, ma questa inefficenza ci costa anche caro con una pressione fiscale che raggiunge il 45% del PIL, cioé quasi la metà di quello che la gente produce va allo Stato, con una gigantesca batosta in termini di reddito per le famiglie.............oltre al danno la beffa!

    Lo Stato, nei paesi europei, è enormemente presente nell'economia, dovrà ridimensionarsi per sperare di sopravvivere!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.