Reietto ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 1 decennio fa

Cosa ne pensate di questo inizio romanzo?

Camminava lentamente sotto le luci arancioni dei lampioni, consapevole del fatto che la sera stesse cedendo il passo alla notte. Intorno a lui la vita sembrava svolgersi come sempre. Guardò l’orologio legato al polso, e non potè fare a meno di pensare a quella combinazione di numeri del tutto insignificante. Guardò il vecchio con il cappello in testa e il Jack Terrier al guinzaglio che passeggiava nella sua direzione, e pensò che forse un piccolo significato per qualcuno quei numeri dovevano averlo. Per l’uomo era il momento di portare a spasso il suo amico a quattro zampe, ad esempio; per la donna abbondante che si intravedeva dalla finestra del primo piano, ingobbita sui fornelli e circondata dal vapore acqueo, era il momento di preparare la cena; per il distinto signore con la giacca e la cravatta che stava girando la chiave nel portone azzurro a pochi metri da lui, era l’ora di rincasare.

Ma per lui non era niente. Il nulla. Potevano essere le due di notte o le sei del mattino, non avrebbe avuto importanza. A casa non c’era nessuno ad aspettarlo. Nessuno in tutto il Paese si sarebbe mai domandato che cosa stesse facendo lui in quel momento.

Una folata di vento gelido lo fece rabbrividire. Si strinse nel cappotto nero usurato, e pensò che fosse arrivato il momento di comprarne uno nuovo. Si sistemò lo zuccotto nero sulla testa, e continuando a camminare raggiunse la larga strada tappezzata di negozi illuminati, la maggior parte dei quali aveva già chiuso i battenti.

Si fermò al semaforo rosso. Le poche automobili che passavano su e giù procedevano lentamente, come se fossero stanche anche loro.

Quando il semaforo diventò verde attraversò la strada. Dall’altro lato del marciapiede due ragazze gli andavano incontro sghignazzando tra loro di chissà quali cose divertenti. Le guardò meglio. Erano due biondine, una dai capelli lunghi legati, l’altra più corti e sciolti. Erano graziose, vestite con jeans aderenti firmati e cappottini bianchi alla moda.

Quando furono abbastanza vicini una delle ragazze lo fissò negli occhi. In quel brevissimo istante gli sembrò avesse paura di lui. Si sfiorarono appena spalla con spalla, e si oltrepassarono. Con la coda dell’occhio il ragazzo la vide gettare la testa all’indietro e ridere allegramente alle parole dell’altra.

Tutto il mondo sembrava felice.

Aggiornamento:

@Bianca

è un romanzo. Parla di destini incrociati.

Aggiornamento 2:

@Lumren

Non ha molto senso quello che dici a proposito del vento. Non e' detto che se il vento è gelido ti faccia rabbrividire. C'è anche a chi non fa nessun effetto corporeo. E poi, stando al tuo ragionamento, non dovrei sottolineare il fatto che una persona perde sangue se gli sparano, poichè è sottointeso! Dunque, sempre secondo i tuoi suggirementi, il testo dovrebbe essere: "Il vento era gelido. Cadde. (non dico che si fece male, perchè è ovvio che se lo fece, se è caduto). E così via...

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    mi piace, mi sembra intrigante. Dinamico e veloce, ma allo stesso tempo descrittivo e puntiglioso. Mi sembra interessante.

    E' tuo? Complimenti!

    In caso continua con questo tono. Mi piace soprattutto che il personaggio centrale si stia scoprendo piano piano: dal cappotto, da come lo vede la ragazza, dai suoi ragionamenti mentali.

  • 1 decennio fa

    mi piace lo stile, anche se ci sono un po' di aggettivi di troppo (se il vento ti fa rabbrividire, è ovvio che è gelido... tanto per dirne una) e alcuni cliché descrittivi (larga strada tappezzata di negozi illuminati... le macchine che sono stanche anche loro... i cappottini bianchi alla moda).

    L'incipit non mi sembra particolarmente originale, però i mezzi tecnici ci sono.

    Complimenti!

  • 1 decennio fa

    Tanto di cappello. Molto brava.

  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa

    Bello, complimenti!

    Ma è una storiella o un romanzo?

    E che tipo di romanzo è?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.