Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaStoria · 10 anni fa

Riassunto storia stati unti 1865-1900?

Mi potete fare un riassunto della storia di questi anni molto breve, perché io non sono molto sintetico (: e inoltre non ci sto capendo niente dell'argomento

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Risposta preferita

    Le tensioni tra gli Stati del Nord e quelli del Sud aumentarono su argomenti quali il rapporto tra lo Stato e i governi federali, come pure la diffusione della schiavitù nei nuovi Stati membri. Abraham Lincoln fu eletto presidente nel 1860. Poco prima sette Stati schiavisti dichiararono la loro secessione. Si arrivò alla Guerra di secessione americana iniziata con l'attacco a Fort Sumter. Dopo la vittoria dell'Unione nel 1865, tre emendamenti alla Costituzione degli Stati Uniti d'America garantirono la libertà a quasi quattro milioni di africani americani un tempo schiavi, rendendoli cittadini, e donando loro il diritto di voto. La guerra e la sua risoluzione portarono ad un aumento sostanziale del potere federale.

    Nonostante la grave recessione postbellica e le crisi economiche del 1873 e del 1907, la classe dirigente americana persegue la via del guadagno e la speculazione, ed è stimolata nel rischio, nell'energia dell'iniziativa privata. L'industria tecnica ed il capitale privato sono in espansione.

    Dal 1860 al 1914 la popolazione cresce da 31,9 a 91,9 milioni di abitanti, tra cui 21 milioni di immigrati. Nel Nord, l'urbanizzazione e un afflusso senza precedenti di immigrati provenienti dagli stati meridionali e orientali affrettò il processo di industrializzazione. L'ondata di immigrazione durò fino al 1929. Tra il 1830 ed il 1860 gli immigrati sbarcati negli Stati Uniti furono 4,6 milioni; Irlandesi (39%), Tedeschi (30%), Scandinavi (15%), Anglo-americani (16%) restano tuttora l'elemento dirigente della nazione.

    Massicce protezioni tariffarie, la costruzione di infrastrutture, e nuovi regolamenti bancari, incoraggiarono la crescita economica ed i monopoli. Nel 1914 sono in testa tra i paesi produttori di ferro, carbone, petrolio, rame, argento. Il vapore è sostituito dall'elettricità che accelera la produzione nazionale. Sorgono i Trust ed i giganteschi complessi industriali dei cosiddetti re del Big Business. Famiglie come quelle degli Astor per le pellicce e le pelli, i Rockefeller per la Standard Oil Company, i Carnegie per la United States Steel Corporation, i Morgan, i Vanderbilt per le ferrovie, i Westinghouse per la Air Brake Company, i Fulton, gli Eastman per la Kodak Company, i Ford, per la Ford Motor Company, i Du Pont de Nemours per la Du Pont Company, dominano l'economia americana e mondiale. Morgan e Rockefeller controllano da soli il 20% del patrimonio nazionale (341 grandi aziende con un capitale di circa 22 miliardi di dollari).

    Le organizzazioni dei lavoratori conducono dure lotte salariali, arrivando ad oltre 1000 scioperi l'anno.

    Inizia in questi anni la politica imperialistica americana. Nel 1867 gli Stati Uniti acquistarono l'Alaska dalla Russia completando l'espansione continentale e il cui sfruttamento nel commercio delle pellicce e della scoperta dell'oro, frutteranno nel 1913 81 milioni di dollari. Il Massacro di Wounded Knee nel 1890 fu l'ultimo grande conflitto armato delle Guerre Indiane. Nel 1893 la monarchia indigena del Regno di Hawaii venne rovesciata in un colpo di stato portato avanti dagli americani residenti; gli Stati Uniti annetterono l'arcipelago nel 1898. La vittoria nella Guerra ispano-americana dello stesso anno dimostrò che gli Stati Uniti erano oramai una potenza mondiale e portò con la Pace di Parigi all'annessione di Porto Rico, Guam e delle Filippine. Le Filippine ottennero l'indipendenza solo mezzo secolo più tardi; Porto Rico e Guam rimangono ancora territori degli Stati Uniti. Nel 1899 fu la volta delle isole Samoa e di Tutuila, aumentando la propria presenza nel Pacifico. Numerosi interventi militari furono effettuati nell'America centrale e nelle Antille: Panama nel 1903 per ottenere l'area del canale, Cuba nel 1902, creando una sorta di protettorato fino alla metà del XX secolo, Nicaragua (1911), Haiti (1915). Nel 1917 sono acquistate dalla Danimarca le isole Vergini di St. Croix, St. Thomas e St. John.

    Fonte/i: Wikipedia
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.