Stabilizzatore di tensione uso domestico. Chi può darmi consigli e suggerimenti?

Ciao a tutti. Recentemente ho frequentissimi problemi di cali di tensione elettrica in casa. Penso che proprio per questo motivo mi sia giocata un decoder ed un cordless e molto probabilmente anche la batteria di un portatile. Vorrei quindi poter installare uno stabilizzatore di tensione che riesca a coprire in maniera efficace l'intera abitazione ma, siccome non sono esperta, vorrei avere dei suggeriemtni prima di affidarmi a tecnici che molto probabilmente potrebbero rivelarsi anche disonesti (sul prezzo, sull'installazione, sul modello adatto alla mia situazione ecc). Mi dareste quindi qualche dritta? PS: possibilmente vorrei evitare il gruppo di continuità (prezzo troppo esoso).

Aggiornamento:

quindi soluzione ultima è quella di verificare in loco con il tecnico? Devo cotattarne uno di un enel point oppure è consigliabile un tecnico generico?

Aggiornamento 2:

inoltre (e chiedo scusa per tutte queste aggiunte) esiste uno strumento affidabile per poter verificare correttamente e da soli la tensione in circolo?

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    L'Azienda produttrice deve garantirti una tensione entro il +/- 10%. Con queste tensioni le apparecchiature devono funzionare corettamente.

    I cali di tensione o sono dovuti ad un guasto (es: un morsetto allentato in un cavo) o ad un carico eccessivo.

    Se gli sbalzi sono improvvisi sono rarissimi i regolatori di tensione che possono seguirli, teni preente che al ritorno della tensione giusta il regolatore potrebbe essere ancora autoegolato su "aumentare la tesnione" e darti dei picchi dannosissimi. Il regolatore dovrebbe poi essere dimensionato per la corrente di picco, per cui le dimensioni e i costi diventano seri.

    La via tenicamente concreta è affrontare il problema con il supporto tecnico della Azienda distributrice dell'elettricità per una verifica.

    @tullio: visto che ci sono fior di norme e che la corrente costa, almeno che la diano buona.

    Daccordo, in caso non si risolva con tecnico ENEL per gli UPS frazionati, uno singolo costa di più e deve essere dimensionato per i picchi di assorbimento delle utenze grosse; potrei consigliare un regolatore ferrorisonante, macchina della notte dei tempi, fa quello che può a non tradisce.

    Lo strumento è il voltmetro registratore istantaneo con la lettura della tensione effiace e del picco massimo.

    Fonte/i: Cultura generale sulle analisi di impianti elettrici industriali
  • tullio
    Lv 7
    1 decennio fa

    l' intervento del tecnico enel è la soluzione più economica, quella di usare un gruppo di continuità per ogni tv e per ogni pc o per le prese ritenute più delicate sicuramente ti costerà sicuramente meno di un ups unico o di uno stabilizzatore da 3.5kw :)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.