Un parere su questi farmaci chemioterapici?

Salve, a mio padre hanno trovato 3 noduli solidi di circa 10mm di diametro ciascuno nei polmoni in sede bronchiale, due in un polmone e uno nell'altro. Sul referto c'è scritto che si sospetta siano di derivazione secondaria da un precedente carcinoma all'esofago per cui era stato operato due anni... visualizza altro Salve, a mio padre hanno trovato 3 noduli solidi di circa 10mm di diametro ciascuno nei polmoni in sede bronchiale, due in un polmone e uno nell'altro.
Sul referto c'è scritto che si sospetta siano di derivazione secondaria da un precedente carcinoma all'esofago per cui era stato operato due anni fa.
Parlando con l'oncologo, questo ha detto di fare la chemioterapia endovena che consisterà in questi farmaci chemioterapici: gemcitabina, xeloda, oxaliplatino, eloxatin.

Le domande che vi faccio sono queste (per favore se riuscite rispondete punto per punto, meglio se con dati a sostegno delle vostre risposte):
1) Cosa pensate di questi chemioterapici?
2) Hanno un'efficacia reale?
3) Quanto a tossicità come sono?
4) Esistono dati, documentazione, statistiche o altro che dimostrino che funzionano e che hanno guarito della gente o al contrario che sono stati nocivi o fatali?
5) Ho letto varie cose sulla chemio e direi che mi trovo contrario dato che devasta l'organismo, il sistema immunitario, gli organi e quindi espone ad infezioni, malattie ed altri tumori peggiorando nettamente le condizioni e la qualità della vita di una persona.
Oltre a ciò sembra che chi rifiuta le chemio viva più a lungo e in modo migliore di chi si sottopone ad essa.
Per cui cosa fare? Meglio rifiutarla e vivere il resto della vita come viene oppure sottoporsi ad essa, vivere di meno, in peggiori condizioni e magari con sofferenze ed altre patologie innescate dalla chemioterapia stessa?
6) Perchè l'oncologo ha proposto subito la chemioterapia e non ha proposto altre strade?
2 risposte 2