Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 9 anni fa

Perchè vengo odiato solo perchè mi piacciono i ragazzi? Dovrei reprimermi?

Ciao. Mi sono iscritto a Yahoo perchè ho bisogno di qualcuno con cui sfogarmi. Ho sempre vissuto una vita felice nel senso che non ho mai potuto lamentarmi delle fortune e delle sfortune che mi sono capitate. Ora invece tutto mi sta crollando addosso. Io sono gay e lo ho capito da alcuni anni. Quando avevo più o meno 14 anni ho iniziato a sentire attrazzione per altri ragazzi e col passare dei mesi ho capito che solo loro mi piacciono. Prima riuscivo a vivere tranquillamente senza dire niente a nessuno però diventando sempre più grande ho iniziato a sentire la voglia di conoscere qualche ragazzo e fare le mie esperienze. Ora ho 20 anni e per un pò sono riuscito a fare una specie di seconda vita ma ho sentito il peso di mentire continuamente (non vivo neanche in una grande città, Pescara) e ho deciso di fare coming out con i miei amici e con la mia famiglia appena me la sarei sentita. E' stato un incubo. Le persone che fino a ieri mi abbracciavano dicendo che ero "un grande amico" oggi sono state capaci di dirmi che sono "un aborto della natura". Non c'è stata una sola persona e dico una della mia compagnia che si sia messa una mano sul cuore. Solo sguardi schifati, qualche insulto e il silenzio (cell, msn, facebook). Sono andato dai miei per cercare un pò di conforto ma è stato anche peggio. Mia mamma piange ininterrottamente da questo pomeriggio e mio papà si è messo a urlare fortissimo che non accetterà mai di avere un ****** come figlio e mi guardava con uno schifo. Eppure io sono così da sempre e per tutti questi anni lo sono sempre stato. Mi piacciono i maschi, mi piace tutto dei maschi e mi innamoro solo di maschi. So che non c'è niente di sbagliato, so che l'omosessualità è naturale, so che non faccio del male a nessuno ma oggi è come se mi avessero strappato il cuore. Non ho più nessuno con cui parlare, in uni verro deriso da tutti e i miei genitori mi odiano. Sto pensando che forse vivrei meglio se mettessi un mattone sui miei sentimenti e fingessi di farmi piacere le donne. Che faccio? Please, dite qualcosa, non ho nemmeno più voglia di respirare! Ho sbagliato tutto..

20 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Migliore risposta

    E' pure vero che c'è una sezione apposita per gli omosessuali dove puoi trovare una risposta confortata da un minimo di esperienza reale...

    http://it.answers.yahoo.com/dir/index;_ylt=AhtgtbM...

    E' vero che non per forza questa attrazione significhi essere omosessuale.

    Forse dovresti almeno affrontare non tanto un percorso di repressione solo per accontentare gli altri, ma di mettere in discussione questa tua scelta. A volte, non si tratta di omosessualità.

    Cmq non sei malato, Dio non ti odia, non sei un mostro...

    Dai tempo alla tua famiglia e ai tuoi amici di metabolizzare la notizia.

    Se li hai choccati è perché non li hai mai ritenuti degni delle tue confidenze...

    Così si sono ritrovati una realtà non prevista e si sono sentiti feriti...Forse il tuo outing non è stato felice: spesso se da pace a chi lo fa (uscire da una perenne incertezza è gratificante...), devasta chi lo riceve perché entra in una condizione tale da mettere in discussione tutti i rapporti affettivi o amichevoli che prima erano considerati stabili.

    Non sono omosex, ma credo che li hai traditi, non per il fatto che sei omosessuale, ma che per anni lo hai nascosto...Per loro è come sentirsi la terra franare sotto i piedi, per te è avere risolto un problema e una ansia interiore...

    Forse hai sbagliato, ma non sei sbagliato...Tu sei quello che sei. Aiutali ad entrare nella realtà...

    Quindi accetta anche la tempesta che hai provocato...

    Chiedi perdono del modo, non certo del fatto che sei o almeno che ti senti così...

    Prova a ricucire questa situazione e accetta la realtà attuale.

    Passerà la tempesta, me lo auguro e potrai serenamente farti aiutare a valutare la tua reale identità.

    Amare i tuoi e i tuoi amici non significa accettare di farsi lavare il cervello, certo no, ma prendere seriamente in mano la situazione e guardare la realtà senza negarla...

    Poi se ne può parlare in questa sezione per le implicazioni spirituali...

  • Anonimo
    9 anni fa

    Che dirti....? . che l' ignoranza è una gran brutta bestia ? , credo che tu te ne sia già accorto ....

    la gente è abituata a giudicare, utilizzando anche le percentuali.....pensa se fossero di più gli omosessuali degli etero....si ha paura del diverso, diverso dalla maggioranza, non diverso in quanto tale, si ha paura della gente che mormora, si ha paura di un falso orgoglio di maschio.....

    ed hai voglia di dire loro che l' omosessualità non è una malattia e nemmeno una libera scelta, la stessa Chiesa vi chiama " fratelli ",ma nel momento che sfogate un " naturale " impulso, pur con adulti consenzienti, diventate peccatori....

    ciò che mi dispiace è che anche i tuoi genitori non ti capiscano, io parlo con cognizione di causa dato che ho un figlio che ha più o meno la tua stesa età, 19 anni, ed è omosessuale, lo ha confidato a noi genitori ed a sua sorella gemella 3 anni fa, la sua unica paura era che noi non gli volessimo più bene....

    certo è stato un colpo.......ma ascolta....mio figlio non si veste in modo eccentrico, non accentua volgarmente il suo essere gay, quest' anno ha la maturità ed è uno dei primi del liceo, è al settimo anno di piano al Conservatorio, è educato, rispettoso, umile.....se esce di sera per una partita di bowling con gli amici ed una pizza alle 23 è a casa ......

    sai, noi non lo cambieremmo mai con nessun altro ! e quando troverà un compagno, beh....sia fatta la volontà di Dio, che credo giudichi molto meno di quanto non giudichino gli uomini.....

    prova a far leggere questa mia risposta ai tuoi genitori.......ed auguri...!

  • Anonimo
    9 anni fa

    Prima di tutto ti sconsiglio di postare domande che riguardano l'omosessualità qui in "Religione e spiritualità", perché è pieno di cristiani omofobi (non tutti) che potrebbero buttarti giù il morale.

    Poi ti dico che

    1) non ti devi reprimere perché sei sano e normale,

    2) cerca di ignorare i tuoi compagni di classe perché sono degli strònzi anormali, per quanto riguarda i tuoi genitori, vedrai che prima o poi si calmeranno e riprenderanno a trattarti come prima (saranno un po' disorientati, ma sei pur sempre loro figlio)

    3) cercati nuovi amici ed amiche che non siano omofobi, anche su internet, l'importante è che tu abbia qualcuno con cui parlare.

    Infine ti consiglio di rifare la domanda nella sezione LGBT (che trovi in Home > Tutte le categorie > Società e culture > Culture e gruppi > Lesbiche, gay e bisessuali e transgender).

    Ciao :3

    Fonte/i: Scusami se ho risposto un po' male, ma sono in ritardo
  • mi spiace davvero :(

    è una vergogna che certa gente si faccia condizionare solo per cose che ti riguardano personalmente.

    purtroppo l' italia in generale, non è un paese con la mente aperta anche a causa di fattori esterni (vedi la chiesa)

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Gay? Con gente del genere intorno sei fortunato se a 14 anni non hai scoperto di essere Psicotico!

    Comunque non credo sia una buona cosa mettere un mattone sui sentimenti. Soffriresti tu, e lo sai. Ma faresti soffrire anche l' eventuale ragazza, se ne accorgerebbe. Ti innamori solo dei maschi, un donna capirebbe che non sei innamorato.

    E poi, seriamente, tu lo immagini un tuo amico che, con la faccia un pò depressa, si inc*la un suino perchè "Fa moda" e tutti gli avete detto che così "E'normale"? Dai...

    non è sano amare solo chi dice la massa.

    L'unica cosa è andare, appunto, nelle grandi città, dove in genere un pò di rispetto si trova (E magari anche qualcuno che ti allontana solo perchè lo sa) Immagino però che se potevi eri già scappato.

    Puoi però fare una esperienza universitaria fuori sede? Qui a Roma ci sono tre grandi università, più altre piccole e comunque non è troppo distante da Pescara (ma abbastanza), sennò ce ne sono molte in Toscana, ad esempio.

    Oppure potrebbe funzionare la scusa che altrove c'è più lavoro eccc.ecc.

    Io (per altri problemi) non potevo fare la prima e la seconda non mi è al momento possible. auguro a te maggiore fortuna.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Fuggi da questa sezione, troverai molti omofobi.

    Se hai bisogno di parlare con qualcuno che ti capisca cerca di pensare ad una persona che sai saprà sospendere il primo giudizio a favore si uno che lascerà emergere per gradi.

    Fonte/i: sempre che tu non sia un troll. Scusa ma ne passano n+1 tutti i giorni
  • Mia
    Lv 5
    9 anni fa

    Bah, non è che ci sia molto da dire. Semplicemente, hai frequentato persone che, diciamocelo, non sono granché dal punto di vista umano. Senza offesa, ma anche i tuoi genitori sono alquanto, se mi permetti l'espressione, idioti. Non si ripudia un figlio solo perché è omosessuale, e non si tratta così neanche un amico. Però sei stato fortunato. Io vado al liceo, e nella mi classe c'è un ragazzo che è dichiaratamente gay. Nessuno lo prende in giro, è anche più simpatico dei cosiddetti maschi "normali". Sei cascato male, ecco tutto. Io non ho dirette esperienze, ma se ti posso dare un consiglio spassionato, non fare finta che ti piacciano le donne quando non è così. Se rifiuterai te stesso e la tua vera natura, vivrai di ***** per tutta la vita.

  • 9 anni fa

    hai fatto bene a dire tutto, è un tuo diritto vivere la tua vita serenamente.

    i tuoi "amici"? be...ora sai quanto valgono!

    i tuoi genitori hanno bisogno di tempo presumo...non capita a tutti i genitori di sentirselo dire, e poi CHECCAPPERO!!! sei il loro figlio!!! non possono odiarti!

    su su! forza e coraggio!!! :)

    ciao :)

  • 9 anni fa

    Credimi, non hai sbagliato proprio niente. Capisco come ci si senta perchè qualche anno fa ho passato un'esperienza simile. Nonostante avessi diversi amici gay e lesbiche, l'argomento non mi aveva mai toccato in prima persona fino a che non mi sono innamorata di una mia amica e intendo davvero, davvero innamorata. Mi chiedevo perchè proprio io, su tutte le persone che c'erano al mondo, dovevo 'sbagliare' ad innamorarmi di lei, mi dicevo che sarebbe passata perchè io ero 'come tutti gli altri'.

    In realtà stavo solo capendo di essere bisessuale e nonostante si possa pensare che è facile essere bisessuali perchè non si prende una scelta vera e propria, in realtà è comunque una forte presa di coscienza.

    Ti ammiro profondamente perché sei consapevole delle tue preferenze diverse ma soprattutto hai scelto la via più difficile: l'onestà. Nessuno merita di essere trattato diversamente solo perchè non è veramente quello che pensavamo, anche se va oltre la nostra tolleranza (che cosa assurda, poi). Credimi: sei quel ragazzo splendido che ti hanno detto di essere per tutta la vita ma se sono tanto stupidi da non capirlo, hanno perso una persona ancora migliore.

    Non pensare mai a suicidarti o a cambiare ciò che sei perchè ormai hai superato il peggio (cosa che probabilmente io non farò mai). Faresti solo del male a te stesso rinnegandoti o ingannandoti, soprattutto ora che i tuoi occhi sono completamente aperti. Ci vuole un po' di egoismo nella vita e bisogna incominciare a pensare a sè: che affetto puoi dare ai tuoi amici e ai tuoi genitori, che amore puoi dare al tuo partner quando loro, per ignoranza e ottusità, non vogliono il TUO affetto o il TUO amore ma solo quello che è più comodo per loro?

    Il mio consiglio è quello di cercare delle associazioni o dei centri sociali nella tua città dove puoi parlare dei tuoi problemi e scambiare idee con persone che hanno vissuto esperienze simili, visto che già sai che non è uno sbaglio l'essere te stesso :)

    Non aver paura e per ora lascia tempo al tempo, spero che i tuoi amici capiranno e si ricrederanno, lo stesso per i tuoi genitori. Ci sono tantissime cose che vorrei dire, solo buona fortuna per il futuro e ricorda che non devi dimostrare mai niente a nessuno ma devi solo agire prima per la tua felicità, cosicchè gli altri possano avere davvero il meglio da una persona fantastica come te :)

  • Anonimo
    9 anni fa

    Chiaro che hai davvero frequentato persone sbagliate e molto stupide.

    Possibile che non te ne eri accorto?

    Cambia compagna, esistono anche, e soprattutto, persone normali, cioè non così stupide.

    Per quanto riguarda i tuoi genitori, speriamo che col tempo capiscano.

    Se no manda a quel paese pure loro e vivi più felice che puoi come tutti e come è tuo diritto/dovere.

    Fonte/i: Buon senso.
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.