F.B.
Lv 6
F.B. ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

riligioni e guerre i motivi di questo controsenso?

visto che tutte le religioni predicano la pace...

per quale motivo si continua a morire pre la propria religione?

per quale motivo si fanno le guerre in nome di un dio il quale dice pace.

ma che controsenso è?

insomma un dio che dice: amatevi e rispettatevi e dall' altra dice ammazzatevi in nome del vostro dio

ma che razza di religioni ci sono su questa terra?

NON CI CAPISCO PIÙ NULLA...

Aggiornamento:

PER CAMPARI ECC...

forse ricordo male ma le CROCIATE chi le SPONSORIZZAVA ????????

sbaglio o erano dei cristiani? sbaglio o era il papa a mandarli in terra santa ad ammazzare.

ha scusa, mi dici che è del passato... si hai ragione le religioni si addequono ai tempi

ora i cristiani non uccidono più...

ora c'è di meglio... IL CONTO IOR

Aggiornamento 2:

CONTINUA

visto che la sai cosi lunga... ed io ho bisogno di delucidazioni

mi spieghi come mai la chiesa ha praticato l' inquisizione ?

ora mi dirai NO non è stata la chiesa ad uccidere ma i tribunali civili... MA CHI LI MANDAVA LI ?

la chiesa invece di proteggere li dava in pasto ai lupi ?

dimmi la tua che mi interessa...

grazie per la risposta di prima spero che mi rispondi ancora

Aggiornamento 3:

P.S. di lacune ne ho tantissime in riquadro se no non stavo qui a chiedere

Aggiornamento 4:

visto che ci sono non è che dici la tua su questa domanda molto INTERESSANTE

http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ap...

Aggiornamento 5:

e per concludere un piccolo indovinello:

chi è nato il 25 dicembre in una grotta da una madre ecc.. ecc..

oltre a rispondermi GESÙ dimmi anche gli altri nomi

e come mai queste coincidenze

9 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    "Il fatto evidente è che la religione deve morire perché l' uomo possa sopravvivere, abbiamo le ore troppo contate per concederci il lusso di lasciare che decisioni chiave vengano prese da persone religiose, irrazionali, da coloro che governano la nave dello stato non usando una bussola, ml' equivalente della lettura delle interiora di un pollo. Fede significa creare una virtù dall' incoscienza, non è una cosa di cui vantarsi e coloro che predicano la fede, le danno potere e la esaltano sono schiavisti intellettuali, che tengono il genere umano incatenato a fantasie ed assurdità che hanno generato e giustificato tanta follia e distruzione."

    "La religione è pericolosa, perché permette agli esseri umani che non hanno risposte di credere di averle. Molta gente pensa che sia meraviglioso quando qualcuno dice : "sono pronto signore farò tutto quello che mi dirai di fare", solo che non essendoci nessun dio che in realtà parla con noi, quel vuoto è riempito da persone che sono corrotte, che hanno i loro limiti ed i loro piani. E tutti quelli che vi dicono di sapere che cosa succede quando moriamo posso assicurarvi che non lo sanno. come faccio ad esserne sicuro ? perché io non lo so, e loro non posseggono poteri mentali che non ho io. L' unico atteggiamento appropriato che deve avere l' uomo circa la "grande domanda" non è l' arrogante certezza che distingue ogni religione, ma il dubbio. Il dubbio è umile ed è così che l' uomo deve essere, considerato che la storia è solo una litania fatta di stronzate assolutamente sbagliate. Ecco perché le persone razionali, antireligiose, devono smettere di essere timide, uscire allo scoperto e cercare di farsi valere. e quelle che si considerano "moderatamente religiose" devono guardarsi allo specchio e rendersi conto che il sollievo ed il conforto portati dalla religione hanno un prezzo terribile."

    "Se appartenete ad un partito politico o ad un club che sia collegato a quel cumulo di bigottismo, misoginia, omofobia, violenza ed assoluta ignoranza che è la religione dovreste dimettervi per protesta. Diversamente sareste favoreggiatori, come le mogli dei mafiosi, favoreggiatori dei diavoli dell' estremismo che traggono la loro legittimità da miliardi di persone che credono. Sia che il mondo dovesse finire qui o chissà dove o dovesse zoppicare verso il futuro, decimato dagli effetti di un terrorismo nucleare ispirato dalla religione, ricordiamoci qual'è stato il vero problema, che abbiamo imparato come accelerare l' omicidio di massa prima di superare il disturbo neurologico di desiderarlo, tutto qui. Crescete oppure.... Morite."

    Bill Maher, citazioni dalla parte finale del film Religiolus.

    Da molto da pensare... la cosa terribile è che tutto ciò è fottùtamente vero !

  • DrEvol
    Lv 7
    1 decennio fa

    La causa di qualsiasi tipo di conflitto, piccolo e personale o grosso e globale, tra amici o tra i popoli con guerre e torture è sempre e soltanto una sola: il rifiuto delle persone di volersi dedicare alla pratica della razionalità.

    Le religioni insegnano che la verità dei valori più importanti dell'uomo si raggiunge con la fede e non con la ragione. Le religioni, quindi, sono una delle tante versioni filosofiche che insegnano all'uomo a non seguire il ragionamento logico, ma a seguire la presunta autorità di rivelazioni divine, di libri sacri, di riti, cerimonie e preghiere che presumibilmente fanno piacere a un entità supernaturale che governa l'universo.

    Questo fatto è ciò che accomuna tutte le religioni e tutte le filosofie mistiche. Si azzannano fra loro nella speranza che esse nutrono di poter diventare un giorno l'universale potenza dominatrice degli uomini in cielo e in terra. Ma tutte le religioni, a parte le loro peculiari variazioni ritualistiche, sono unite nella pratica dell'irrazionalità, nella pratica della distruzione dello strumento più importante dell'essere umano - nella pratica di distruggere la sua facoltà critica, la sua mente razionale, la distruzione proprio di quello strumento che ci distingue dagli animali. Più distruggeremo la nostra razionalità con la fede, più trasformeremo il mondo in una giungla di terroristi, pirati e predatori..

    Il mondo non soffre perché ci sono troppe persone razionali in esso. Il mondo soffre perché si insegna a dar valore alla fede e a distruggere la logica.

    ....................................................................

    ll misticismo, in tutte le sue forme, e’ il nemico della logica e quindi e’ il nemico della vera spiritualità umana. La spiritualità o spirito umano e’ un concetto metaforico per descrivere la nostra mente razionale. Qualsiasi filosofia basata sul misticismo deve richiedere che la nostra mente evada la realtà dei fatti ed eviti di aiutarci ad identificare consciamente quello che la realtà del mondo e la realtà di noi stessi sono effettivamente.

    Auguro a tutti buoni ragionamenti logici, assolutamente necessari per il successo e il miglioramento della vostra vita! Dr Evol (not Evil!)

  • 4 anni fa

    Mai fatto, perchè non sento nemmeno la necessità di demolire teorie di sette nate one hundred forty anni. Ritengo che a demolirsi ci pensano già da soli.... ....però..... Però c'è chi dà loro una certa importanza, più o meno consapevolmente. C'è chi si vuole informare su cosa dicono le varie sette di Satana. E, per informarsi, la cosa migliore è andare sul loro sito ufficiale. ....quando però leggi cose come "vietato farsi crescere la barba" o "vietato farsi le trasfusioni di sangue anche in caso di bisogno", puoi essere amorevole quanto vuoi ma l'invito advert andare in un certo posto è semplicemente spontaneo......

  • Anonimo
    1 decennio fa

    "per quale motivo si fanno le guerre in nome di un dio il quale dice pace"

    ...lascia perdere le religioni...tra 30 anni sarai allo stesso punto di adesso...

    ..Trova la tua "religione" interiore e progredirai...la vera religione è la Conoscenza...perchè la conoscenza rende liberi...

    ...

    non farti sfruttare...da chi da 2000 anni ha capito come usare la credunoleria popolare per trarne profitto...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    non è un controsenso.

    vai da un cattolico. chiedigli "qual è la vera religione da seguire?"

    ti dirà "il cattolicesimo"

    vai da un islamico. chiedigli "qual è la vera religione da seguire?"

    risponderà "l'islam"

    vai da un indù. chiedigli "qual è la vera religione da seguire?"

    dirà "l'induismo"

    vai da un ebreo. chiedigli "qual è la vera religione da seguire?"

    "l'ebraismo" dirà quest'ultimo.

    poi se provi a spiegare a tutti loro insieme che in realtà il dio è lo stesso ma è chiamato con nomi diversi (che come argomentazione è stupida e infantile) diranno tutti quanti:

    "ma la mia religione interpreta meglio il volere di dio"

    e via che partono a scannarsi.

    la sola cosa che può unire etnie diverse? la laicità e il rispetto dell'individuo e dei suoi diritti.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    l'Islam è una religione che impone la guerra e la spada per espandersi..

    http://www.diavolineri.net/ospitalieri/jihad/la-ji...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Espansione_islamica

    http://filoapiombo.blogspot.com/2008/10/il-mito-de...

    Il cristianesimo invece è la religione dell'amore ma nella quale è ammessa la legittima difesa..

    http://www.kattoliko.it/Leggendanera/modules.php?n...

    ..senza le crociate parleremmo arabo e vivremmo come in Pakistan.

  • 1 decennio fa

    Tu confondi l'insegnamento con il comportamento dei fedeli. Quante volte in Chiesa hai sentito dire: "andiamo a far la guerra!", presumo nessuna. Quindi come fai a legare i due eventi? La Chiesa non è fatta di persone? e queste persone non possono avere altri ideali, scopi o interessi al di fuori della propria religione? Supponiamo che possano esistere guerre religiose (in realtà per la religione non si son mai fatte guerre, ma si è usata solo la scusa) chi le potrebbe dividere da quelle fatte ad altri fini? Chi si è mai armato per la religione? nessuno.

    "forse ricordo male ma le CROCIATE chi le SPONSORIZZAVA?"

    Erano un investimento delle singole persone che decidevano di partire. Senza contare che le persone partite erano tutt'altro che pie persone religiose. Ma erano avidi mercenari pronti a far guerre a destra e a manca. Se ne fregavano se la ragione era una o l'altra. A questo proposito il racconto di Anna Conmena, figlia dell'imperatore Alessio, delinea le persone che potessero essere i primi crociati normanni (i normanni si convertirono al cristianesimo pochi decenni prima delle crociate. Conversione che non era "ad personanam" ma imposta istutuzionalmente dal re). Dire che "la crociata è stata voluta con forza dalla Chiesa" vuol dire ignorare i veri motivi della crociata: una forte tensione tra gli Stati europei, che non perdevano tempo a darsi contintuamente battaglia, saccheggiare e uccidere le proprie persone per impossessarsi di piccoli appezzamenti di terra. Ci si dimentica della richiesca di aiuto dell'impero Romano d'Oriente a quegli Stati occidentali che si sentivano ancora parte di un grande impero -solo per noi oggi l'impero romano ha fine nel 476. Per i contemporanei continuava con qualche modifica- all'invasione turcomanna di popolazioni minacciose. Ci si dimentica delle lotte tra imperatore e Papa, facendo apparire il loro rapporto accondiscendentemente immotivato (prima lo insulta e poi va a morire per lui?), che il secolo dopo sarebbe scaturito anche nella lotta tra Guelfi e Ghibellini. Ignorando i rapporti tra Chiesa di Oriente e Chiesa di Occidente, quando ci fu pochi anni prima uno scisma epocale facendo nascere la chiesa Ortodossa....

    "sbaglio o era il papa a mandarli in terra santa ad ammazzare."

    Il Papa Urbano II non mandò mai nessuno ad ammazzarsi, anzi, nemmeno voleva far nascere il "caso Crociate" con le sue parole nell'appello di Clermont.

    Non pensi che la tua visione di crociata fatta per la Chiesa abbia qualche lacuna?

    - "l'inqusizione" fu un miglioramento della giurispredenza, che prima, si basava sulla retorica e sull'oratorietà. Un processo lo vinceva chi ammaliava la giuria in discorsi convincenti, indipendemente da dove fosse la verità assoluta. Per questo con il cristianesimo si diffonde l'idea di verità e di inquisire (termine che vuol dire "ricerca" "indagare") dove fosse la realtà al di là dei bei giri di parole. L'inqusizione aveva poi preso connotati di indagare la fede e dei reati civili non ne era competente. Vi era solo un caso che doveva essere punito con la morte (ma che veniva dato solo in casi estremi) ovvero la Relepsi, ovvero il ricadere in errore. Molte persone pagavano per essere inquisiti dalla Chiesa piuttosto che dal tribunale civile. L'inqusizione mise molte innovazioni nel processo per evitare appunto pene ingiuste: il verbale del processo è il caso più eclatante, Prima erano processi sommari e sbrigativi; si introdussero pene come la libertà vigilata, gli arresti domiciliari, etc.

    Poi, non dobbiamo dimenticare che la Chiesa aveva comunque sempre le mani legate dai regnanti. "MA CHI LI MANDAVA LI ?" erano obbligati a farlo. Il re, o il regnante, mica stavaa guardare e passare per "fesso". Molto spesso, gli inquisiti avevano commesso reati civili, più che di fede, e il re non voleva vedersi assolvere tutti imputati. Se non aveva prove concrete del reo civile, zac, ecco la Chiesa che a suo comando condanna il colpevole. Non bisogna dividere il mondo del passato con "buoni" (atei) e "cattivi" (la Chiesa), bianci e neri, Esistevano soprattutto i grigi e anche al tempo esistevano le persone che entravano nella Chiesa senza vocazione ma con un mero interesse monetario o costretti dalla famiglia (in genere il secondo/terzo figlio era quello che veniva mandato in monastero). L'inquisizione poi era un "potere" gestito dal regnante -si veda in Spagna- e in base al risultato che si voleva ottenere si mettono a capo persone adatte ad uno scopo. Si prenda ad esempio il Ferdinando che a capo dell'inquisizione spagnola mette degli avanzi di galera per avere una strage. Il papa era solo un fantoccio.

    Per l'indovinello: E' solo oggi che esistono divisioni concettuali date da una scolarizzazione diffusa e univoca. Secoli fa, le differenze non erano così nette e chiare visto che non esistevano scuole diffuse, e ogni regione aveva la propria.

    Fonte/i: Così ci si andava a confondere con le tradizioni. Ercole è stato paragonato a Gesù, quasi a confonderlo nei palazzi dei regnanti del 1500, i popolani, non sapevano più quali erano i riti "pagani" e quali "cristiani". Ogni persona aveva il proprio Credo. Per questo serviva una inquisizione per capire se gli intenti delle persone erano "canoniche" o no. Così, se si voleva garantire "serietà" ad una storia, una tradizione, si dava origine con qualcosa che si conosceva. Come oggi facciamo risalire le nostre origini a "parenti" gloriosi. Così i romani -leggenda vuole- erano i Troiani scappati dopo la conquista della Grecia. I re diventano successori di Gesù e Machiavelli ne "il principe" delinea una sorta di Cristo re. Misericordioso ma duro come era il salvatore.
  • 1 decennio fa

    le religioni dovrebbero scomparire tutte , le religioni fomentano odio e fondamentalismo , Dio e' uno cambia solo il nome con cui lo definiamo ed e' sempre e soltanto amore

  • 1 decennio fa

    hai perfettamente ragione, e provo a dare una risposta sintetica; tutte le religioni del mondo e che appartengono al mondo, appartengono a satana. i cristiani, da non confondere con i cattolici, non fanno guerra, ma al limite muoiono uccisi. detto in 2 parole sembra che abbia detto una scemenza, ma se leggi la bibbia ti accorgerai che non mento.

    tieni presente che tutte le religioni che hanno un leader sono in realta' delle sette, perche Gesu disse che nessuno deve farsi chiamare padre, perche solo uno e' il Padre di tutti, nessuno deve farsi chiamare signore perche solo uno e' il Signore. dai un occhiata alle varie religioni e scoprirai che tutti hanno un leader come il papa che pretende di prendere le veci di Cristo sulla terra.

    non dar retta a nessuna, e leggi da solo la bibbia. lo Spirito Santo ti rivelera' quello che dovrai sapere.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.