lysandra88 ha chiesto in Matematica e scienzeMedicina · 1 decennio fa

A cosa corrispondono i toni di Korotkov ?

Nel momento in cui auscultiamo il pz e sentiamo questo rumori cosa avviene nel cuore ? A cosa corrisponde ogni tono ?

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il medico misura la pressione sistolica e diastolica attraverso mezzi indiretti utilizzando normalmente il metodo ascoltatorio. Uno stetoscopio viene posto sopra l'arteria della parte anteriore del gomito e un manicotto a pressione viene gonfiato attorno al braccio. Fino a quando la pressione che comprime il braccio è così modesta da lasciare l'arteria sempre distesa, non si generano rumori udibili con lo stetoscopio, anche se il flusso del sangue è pulsatile. Ma quando la pressione nel manicotto viene fetta salire ad un livello tale da causare la chiusura dell'arteria durante una parte del ciclo pressorio ad ogni pulsazione, si potranno udire dei rumori. Questi rumori sono chiamati toni di Korotkov e sono dovuti principalmente al getto di sangue che passa attraverso il vaso parzialmente chiuso. Il getto causa turbolenza nel vaso aperto appena oltre il manicotto e ciò genera vibrazioni che sono udibili con lo stetoscopio.

    Per determinare la pressione del sangue con il metodo ascoltatorio bisogna inizialmente innalzare la pressione all'interno del manicotto oltre il valore della pressione sistolica. Fintanto che questo valore resta superiore alla pressione sistolica, l'arteria brachiale rimarrà collassata e il sangue non potrà fluire distalmente nell'arteria durante tutto il ciclo pressorio. Non si udranno, pertanto, in alcun modo i toni di Korotkov nella parte distale dell'arteria. Ma appena la pressione del manicotto viene abbassata ad un valore inferiore a quello della pressione sistolica, il sangue comincerà a fluire durante il picco dell'onda pressoria attraverso la parte dell'arteria sottostante il manicotto e si potranno udire alla piega del gomito toni schioccanti in sincronia con il battito cardiaco. Nel momento in cui si odono questi toni, la pressione indicata dal manometro del manicotto è approssimativamente uguale alla pressione sistolica.

    Appena la pressione nel manicotto viene abbassata Ulteriormente, i toni di Korotkov cambiano di qualità e diventano meno schioccanti, più ritmici e più aspri. Infine, appena la pressione nel manicotto uguaglia la pressione diastolica, l'arteria non si chiude più durante la diastole. Ciò significa che viene a mancare il fattore che provoca i toni e cioè il getto di sangue attraverso l'arteria compressa. Allora i toni immediatamente si modificano per divenire smorzati e scompaiono completamente per un ulteriore abbassamento di 5-10 mmHg della pressione del manicotto. Si rileva allora la pressione del manometro quando i toni di Korotkov diventano smorzati ed il valore letto corrisponde all'incirca alla pressione diastolica.

    Invece i toni cardiaci sono prodotti durante il "battito cardiaco", l'aspetto sonoro della cinetica cardiaca.Tali toni vengono prodotti dalle valvole cardiache, al loro chiudersi, o dal flusso sanguigno che passa attraverso esse.

    I toni udibili dall'orecchio umano nell'individuo sano sono due, detti primo e secondo tono.

    Il primo tono è una vibrazione causata dalla chiusura quasi contemporanea delle valvole tricuspide e mitralica, all'inizio della sistole ventricolare.

    Il secondo tono è di generato dalla chiusura delle valvole polmonare e aortica.

    In entrambi i toni si possono auscultare le due componenti separatamente, soprattutto in determinate condizioni, siano esse fisiologiche che patologiche. Lo sdoppiamento del secondo tono è per esempio di più facile osservazione nel giovane e in inspirazione.

    Altri due toni, di frequenza bassa, e quindi impercettibili all'orecchio umano, sono il terzo e il quarto tono (chiamati in condizioni patologiche rispettivamente galoppo ventricolare e galoppo atriale).

    Il terzo tono compare circa 200ms dopo il secondo, ed è causato dal brusco riempimento del ventricolo. È udibile tipicamente nei bambini e i soggetti con alta gittata cardiaca.

    Il quarto tono precede di circa 100ms il primo, ed è invece generato dalla sistole atriale o presistole.

    È discussa la natura patologica di un quarto tono presente in soggetti adulti senza anomalie cardiache.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.