ricerca scolastica di mia sorella.......?

la prof le ha assegnato il compito di parlare sull'origine del cacciavite

non so come aiutarla e lei non trova nulla

grazie a tutti

3 risposte

Classificazione
  • Luna
    Lv 5
    9 anni fa
    Migliore risposta

    ecco: Il cacciavite è uno strumento creato specificatamente per inserire e stringere, o allentare e rimuovere le viti. Il cacciavite è composto da una testa o punta, che si impegna con la vite, un meccanismo per applicare torsione ruotando la punta, e alcuni accessori per posizionare e supportare il cacciavite.

    Caratteristiche

    Tipologie

    Caratteristiche

    Gli armaiuoli americani chiamano ancora il cacciavite “turnscrew”, nome con il quale ci si riferisce a una parte importante di un set di pistole. La parola era comune nei secoli passati, usata da fabbricanti di mobili, di navi e forse altri commercianti.

    Il cacciavite del fabbricante di mobile è uno di quelli con tradizione maggiore, con manico con sezione ovale o ellittica. Questo si attribuisce al miglioramento della presa o ad evitare che l’attrezzo cada dal banco di lavoro, ma non c’è ragione di pensare che queste non siano razionalizzazioni. Questa forma è stata popolare per duecento anni. In genere è associata con una testa piana per viti scanalate, ma è stata usata con teste con molte forme.

    Un tipico cacciavite manuale comprende un manico approssimativamente cilindrico, di forma e dimensioni che lo rendono adatto a essere tenuto in mano, e un’asta assiale fissata al manico, la punta della quale ha una forma diversa a seconda del tipo di vite. Il manico e l’asta permettono al cacciavite di essere posizionato e supportato e, quando ruota, di applicare torsione. I cacciavite esistono in una varietà di forme; la punta può essere ruotata manualmente o da un motore elettrico o di altro tipo. Una vite ha una testa con un contorno tale da fissarsi nella punta di un cacciavite appropriato, in modo che l’applicazione di una torsione sufficiente permetta alla vita di ruotare.

    Tipologie

    I cacciaviti di qualità hanno il manico fatto di una lega di acciaio, punte a sabbiatura, rifiniture in nichelcromo e una solida impugnatura di plastica. I tipi più comuni di punta sono quelle a stella o a taglio.

    Con punta a taglio

    i cacciaviti con punta a taglio hanno una punta dritta, affusolata che si adatta alle viti della forma corrispondente.

    Phillips

    Chiamati così in nome dell’inventore Henry F. Phillips, i cacciaviti Phillips hanno un’estremità a croce appuntita, adatta per le viti autocentranti con la testa a croce. Altre punte di cacciaviti sono esagonale, quadra e Torx, ognuna con le proprie applicazioni. Sono disponibili anche cacciaviti con punte intercambiabili, che consentono di sostituire la punta a seconda della necessità.

    I cacciavite esistono in una grande varietà di dimensioni per rispecchiare quelle delle viti, dai piccoli cacciavite del gioielliere in su. Se un cacciavite non è delle giuste dimensioni e del tipo giusto per la vite, è probabile che la vite venga danneggiata, mentre cerchi di stringerla. Questo è meno importante per PoziDriv e SupaDriv, disegnati specificatamente per tollerare meglio un errore di dimensioni. Quando stringi una vite con forza, è importante premere la testa dura nella vite, anche questo per evitare di danneggiarla.

    Alcuni cacciavite manuali hanno un’azione di arpione con la quale la lama del cacciavite è attaccata al manico nella rotazione in senso orario, ma è libera nella rotazione in senso antiorario, quando è impostato per stringere le viti; viceversa per allentarle. Alcuni tipi di cacciavite hanno un manico con testa smontabile (la parte del cacciavite impegnata con la vite). Queste teste sono chiamate punte, come quelle dei trapani, e permettono di avere un manico e diverse teste, per usare il cacciavite con viti di diverse forme e dimensioni. Questo tipo di design ha permesso lo sviluppo di cacciavite elettrici che, come suggerisce il nome, usano un motore elettrico per far ruotare la punta. Alcuni trapani possono anche usare le teste dei cacciavite.

    Esistono anche cacciavite manuali con un meccanismo di arpione a spirale per trasformare la pressione (movimento lineare) in moto rotazionale. Precedono i cacciavite elettrici. L’utilizzatore spinge il manico verso l’oggetto, causando a un dente d’arresto in una scanalatura a spirale di ruotare l’attacco della punta e la punta rimovibile.

    L’arpione può essere impostato per ruotare a sinistra o a destra con ogni spinta, o può essere bloccato in modo che l’attrezzo possa essere utilizzato come un normale cacciavite. Un tempo erano molto popolari, ma la produzione di questi strumenti con arpioni a spirale, che usano delle parti proprietarie, è stata largamente abbandonata da produttori come Stanley, anche se si possono ancora trovare nelle aste di attrezzi vintage. Compagnie come Lara Specialty Tools oggi offrono una versione moderna di cacciavite elettrici che usa componenti standard da 0,6 cm. Poichè in questo formato sono disponibili una varietà di punte da trapano, lo strumento può avere una doppia funzione e servire anche da trapano.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Wikipedia & Google

  • Anonimo
    9 anni fa

    Google ;)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.