Perchè la chiesa può essere moderna solo in chiave anti-moderna ?

Affermazione di Joseph Ratzinger del 1997, allora cardinale.

"La chiesa conosce bene le tare della modernità, cioè del capitalismo: una società per la quale la distruzione è condizione della produzione e la produzione, a sua volta, sbocca sempre nella distruzione attraverso guerre o consumismo sfrenato seguito da crisi economiche profonde.

Quando la crisi non c'è, la chiesa vi si prepara;

quando arriva, la chiesa viene paradossalmente a trovarsi all' avanguardia, riscuotendo il frutto della sua azione profetica"

Hai delle critiche da fare o meriti da riconoscere a queste parole?

Aggiornamento:

Giovanni T, è l'argomento di un intervista-recensione relativa ad un libro:

"Il secolo cattolico. la strategia geopolitica della Chiesa".

Edito da La terza e scritto dal professor Manlio Graziano, che insegna alla Sorbonne.

Purtroppo il sito del giornale su cui l' ho letta è a pagamento e le parole di Ratzinger sono senza dubbio trattate nel saggio, che mi propongo di leggere appena l' avrò trovato, perchè l' intervista è stata pubblicata solo ieri.

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Migliore risposta

    Salve claudio g

    In principio è necessario comprendere e definire il termine moderno e il conseguente opposto anti-moderno; il concetto di modernità infatti è fortemente pragmatico e le sue caratteristiche variano relativamente all’idea cui si riferiscono.

    In questo caso se ne intende l’assenza, o meglio, la rivisitazione in chiave Cristiana. La Chiesa infatti non auspica una ricerca dell’innovazione, ma è una delle tante rappresentazioni dell’espressione “stare al passo coi tempi”; è questa una scelta obbligata, visto che in maniera imparziale utilizza l’artificio del tradizionalismo per preservare quelle dottrine che inevitabilmente verrebbero danneggiate dal presente e dal futuro.

    La citazione dell’allora Vescovo Ratzinger associano l’attualità del Capitalismo e del Consumismo all’idea di una Chiesa ancora fortemente spirituale. Senza dubbio però questi termini vengono stuprati, in quanto il Capitalismo per primo è fonte di sostentamento e figlio della Chiesa stessa, tramite moderne speculazioni, scambi di denaro e onerosi prestiti esentasse. Lo stesso vale in maniera tanto poco misericordiosa quanto inimmaginabile per le sciagure umanitarie. Forse viene leggermente sottovalutato il potere delirante del consumismo, non tanto per il fine del guadagno economico che adotta, ma per i potenti strumenti visivi che utilizza, ovvero la Televisione ormai da tempo e la grande rete di Internet negli ultimi anni, che hanno sostituito la religione e diventeranno quella ufficiale delle generazioni future. Per quanto riguarda il termine “profetico” invece, viene sostanzialmente utilizzato come rafforzativo di un assente e mai provata forza ultraterrena della Chiesa, in quanto quest’ultima ha le stesse possibilità di prevedere eventi mondiali (se non tramite informazioni politiche o causandoli direttamente) di quelle che avrebbe lei scommettendo l’uscita di testa o croce nel lancio di una monetina. Nell’eventualità questo accada, di suggerire inoltre come unica soluzione quella della Fede e della Preghiera.

    Questo evidenzia come sicuramente il contrasto tra moderno e anti-moderno è una buona chiave di lettura per analizzare la fonte citata, ma personalmente ritengo che le parole dell’attuale Papa facciano trasparire la solita ripetitività e banalità dei concetti clericali, associata comunque all’idea di uno Stato ben inserito nelle dinamiche decisionali mondiali.

    Arrivederci

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    la Chiesa è moderna dato che la modernità è vecchia.

    la Chiesa segue la via stretta della Verità che la porta a non idolatrare teorie e ideologie,ma a prendervi solo quello che è secondo Dio e quindi buono per l'essere umano,scartando le visioni unilaterali che vedono solo una parte a scapito dell'altra

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    La chiesa SA DA SEMPRE che le guerre,le distruzioni e i conseguenti periodi sfrenati e spendaccioni sono Ciclici e Ripetitivi

    Da qualche parte ho letto:-Chi conosce la Storia,conosce il Futuro

    LORO LO RICORDANO MA NOI CE NE DIMENTICHIAMO Sempre DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE Proprio perchè pensiamo che la Storia sia il Passato e basta...Invece Non abbiamo mai pensato che esiste un sistema collaudato da Sempre che si DEVE RIPETERE in un modo o nell'altro mettendo in Crisi Sempre e Solo i poveri "limoni" da spremere oppure la famosa "carne da cannone" Perchè i ricchi e solo i ricchi possano rimanere tali per continuare ad Imperare

    Ecco perchè Essa arriva Sempre al momento giusto e OPPORTUNO

    Perchè SOLO quando le "pecorelle" hanno paura...arriva il buon pastore a raccoglierle per poter così ingrandire sempre più il SUO gregge

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Condivido quell'affermazione e ti ringrazio di averla segnalata.

    Mi potresti dire qual'è il documento da cui l'hai tratta e se c'è un link dove la posso vedere?

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.