sill ♥ ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 10 anni fa

penso di essere caduta in depressione, mi servono pareri?

vi prego di non giudicarmi, ho bisogno davvero di sfogare con qualcuno le cose che non riesco a tirare fuori da ormai troppo tempo.

premetto che ho 17 anni, sono pochi, lo so. però in certi casi l'età non conta,

ultimamente vedo sbriciolarsi davanti ai miei occhi tutte le cose in cui credevo, tutti i miei punti fissi.

la mia famiglia va a rotoli, mio padre tradisce mia madre e io lo so ma non riesco a dirglielo, mi tengo tutto dentro. litigano ogni giorno, si picchiano. mio padre è ancora in casa solo perchè non ha i soldi per trovarsene una sua..

mio fratello di 10 anni ha subito un trauma dalla morte di mia nonna e da allora ha delle crisi che nessuno riesce a controllare in cui urla, salta sul divano, sembra indemoniato. poi gli passa e inizia a piangere e a tremare. io sono in mezzo a tutto questo e mi sento impotente, mi chiudo in camera e piango fino a che non ho più la forza per stare in piedi e mi addormento.

inoltre da tre maledetti anni sono innamorata di un ragazzo che entra ed esce dalla mia vita come se fosse un gioco, non si tratta di una adolescenziale, io lo amo davvero. una cotta sarebbe finita, invece dopo tre anni sono ancora qui a disperarmi davanti alle sue lettere e ad attaccarmi a quei pochi ricordi positivi di me e lui insieme.. c'è stato un periodo in cui credevo di averlo dimenticato (CREDEVO, perchè lui è sempre stato dentro di me, in ogni cosa che facevo), ma i primi di gennaio mi ha scritto che gli mancavo, che sono il suo unico punto di riferimento e che ha bisogno di me perchè solo l'unica con cui si sente davvero a casa,, MI HA ILLUSA.

ieri ho scoperto che si è messo con un'altra e intende avere una storia seria con lei.. loro sono in classe insieme e la loro classe è di fronte alla mia, dovrò vederli tutti i giorni insieme e questo per me sarà insopportabile, non credo di farcela. io lo amo, lo amo e lo amo. lui è l'unica persona che mi faceva dimenticare tutti i miei problemi, tutti i fallimenti. ho bisogno di lui, e lui non c'è. e io dopo tre maledetti anni non riesco ancora ad accettare la sua assenza.

a scuola sono sempre andata bene, invece adesso inizio a vedere i primi fallimenti, era l'unica cosa in cui ancora mi sentivo forte. per tirarmi su e per riuscire a concentrarmi nello studio prendevo valium a tutto spiano (procuratomi a casa di mia nonna quando è morta), ma adesso la boccetta sta finendo e io sto andando in panico. era l'unica cosa che mi permetteva di sentirmi annebbiata, di non sentire il dolore così forte.

ieri mi sentivo frustrata, sconfitta, persa del tutto. allora sono andata in cucina e ho iniziato a mangiare tutto quello che trovavo, senza accorgermene, sentivo solo lo stomaco riempirsi, non sentivo neanche i sapori. quando ho finito mi sono sentita in colpa e ho iniziato a piangere, poi ho rimesso tutto e per convincermi che tutto ciò non fosse vero ho preso il valium e mi sono addormentata.

non ce la faccio più, non riesco a chiedere aiuto. oggi non sono riuscita a mangiare, ho paura di rimettere. ho bisogno di lui nella mia vita, ho bisogno di sentirmi bene, di tornare a sorridere naturalmente e non per l'effetto di un farmaco.

i miei non si sono neanche accorti di questa situazione, sono troppo impegnati a litigare e a curare mio fratello. mi sento sconfitta, ho paura.

7 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Tesoro mi dispiace davvero per te...la mia è una storia simile alla tua ...anche se ho solo sedici anni,in questi ultimi 6 mesi ho visto la mia famiglia sgretolarsi...mia nonna,mio nonno,mia zia tutti tra atroci sofferenze e malattia se ne andavano lontani...la famiglia per me era una delle poche cose che mi sostenevano nella mia vita...la scuola all'inizio mi dava soddisfazione,avendo una media quasi dell'otto sono passato a dover elemosinare la sufficenza...poi infine giusta prima della scuola mio padre tradisce mia madre da un anno cn un altra di cui dice di essere innamorato...una cosa che nn ti ho detto e che dall'adolescenza nn sn mai stato...diciamo un bravo ragazzo...e da li per soffocare la rabbia ho incominciato con dei miei amici a bere birra,vodka,assenzio,centerbe,rum...ogni sera la stessa storia e per fortuna avendo amici che mi supportavano riuscivo a stare lontano da casa dalla mattina fino anche le 5 del giorno dopo...oltre all'alcool...siamo passati l fumo...devo solo dire che non sono passato ancora all'erba perchè i miei amici me lo impediscono...li però era estate...potevo fare che ***** mi pareva e piaceva ...ma arrivato settembre le cose si sono complicate ..nn potendo uscire ogni giorno mi sentivo chiuso in quella prigione che i miei definiscono casa,e dovevo sfogare la mia frustrazione con qualcosa...prima la smart di mia madre,poi la mercedes di mio padre...guidare mi rilassava molto...mi faceva sentire libero e senza pensieri...anche se tornato a casa prendevo un sacco di mazzate ne valeva la pena...e poi avvolte qualche sera passavo con l'auto di qualcun'altro...io al contrario di te..nn sono mai stato innamorato...e (scusa nn ti voglio deprimere) l'amore di una donna ,nn è paragonabile a quello di un uomo,l'uomo dimentica in fretta ed è capace di passare da una ragazza all'altra molto più velocemente di quanto tu possa pensare,capisco il tuo amore,ma se vedi che lui nn è interessato,lascia perdere e passa avanti( ricorda che i bastardi esistono)...scommetto che sei una bella ragazza,nn avrai problemi a trovare qualc'unaltro...si certo tu mi dira"si ma io amo lui"...ma lui ama te?...se si fa vedere cn una ragazza della propria classe d'avanti a te,nn mi pare possibile che lui ti ami ancora...sinceramente scusami per quello che ti sto dicendo ,soffro anchio a dirti qst cose,ma lo devo fare per il tuo bene.

    Ti ribadisco lascia stare e passa avanti...per il valium, nn ti consiglio di prenderlo mai più...so anche questa volta che mi dirai"che nn ne so un ***** e che ne hai bisogno",ma anche qui ti posso dire che mio padre e farmacista, e mi sn fatto di tutto...e per il tuo bene ti consiglio di lasciare quella *****...tanto tra qualche tempo nn avrà più effetto...il valium è per usi a breve durata,dopo un po perdera efficacia e cercherai qualcosa di più forte nell'armadietto dei farmaci,credimi,nn ti servirà a nnt...

    L'unica cosa che posso consigliarti di fare è trovarti un hobby o di buttarti a capofitto nello studio...ti servirà un giorno e più o meno da una certa soddisfazione...se nn riesci a studiare a casa...studia a casa di una amica o al massimo di un amico ti terra la testa occupata e scaccera i cattivi pensieri...

    Purtroppo nn sono uno psicologo e nn ti posso supportare di persona, faccio quel che posso per farti stare meglio, e ti consiglio in questi giorni bui di nn chiuderti in te stessa...perchè tanto ne uscirai forte,ti do la mia parola...apriti al mondo,sboccia e fai vedere che bel fiore sei...troverai presto qualcuna che ti amerà sul serio e che ti farà sentire unica,libera e speciale...

    Spero di esserti stato utile...nn ti fare scrupoli a contattarmi se hai bisogno...

    Baci baci

  • 4 anni fa

    Direi che invece di sfatarlo non ha fatto altro che confermarlo. Io non guardo il GF, ma questo ragazzo mi sembra un cretino, oltre advert avere una discreta faccia a c**o che mi ispira tanta violenza...

  • ?
    Lv 4
    4 anni fa

    Liberati da ansia e attacchi di panico con questa semplice guida http://sconfiggiansia.givitry.info/?0F6J

    L'ansia e gli attacchi di panico, dettati da stress e inquietudini, sono brutti compagni di vita. Ma liberarsene non è difficile come sembra, se si sa come agire e si seguono i consigli dell'esperta

  • yaya
    Lv 5
    10 anni fa

    Una ragazza della tua età non dovrebbe sentirsi così,purtroppo succede..è una fase,è normale,ne vivrai tante nella tua vita,che è un meccanismo costante di alti e bassi..non disperare,sei giovane e hai bisogno di tempo per metabolizzare e processare le cose a modo tuo e raggiungere quelle consapevolezze che un giorno ti renderanno libera..un bel giorno non troppo distante da oggi guadagnerai la tua indipendenza e potrai agire per te stessa,già che purtroppo la tua famiglia non è in grado di darti quella serenità che meriti e di cui hai bisogno..tieni duro,non rassegnarti,devi essere la tua stessa complice di vita e farti forza per essere felice..sii positiva,sempre,anche quando senti che non hai voglia di provarci,obbligati nel farlo..c'è sempre qualcosa di bello a cui puoi pensare o che puoi fare..per la scuola non temere,quando ne uscirai non te ne ricorderai nemmeno,applicati ma non stressarti..per il ragazzo,so che adesso è difficile da capire,ma evidentemente non era il tuo momento..vedrai che quello giusto arriva prima o poi..per la famiglia,non conosco esattamente la situazione ma ti consiglio,per quanto duro sia,di aiutare con piccoli gesti e dare il tuo contributo senza farti condizionare troppo da quello che succede,perchè se ti fai carico delle fatiche altrui non ne esci più..in bocca al lupo!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    Ciao senti anch'io ho pubblicato poco fa la stessa tua domanda, devo dirti che la tua storia è diversa dalla mia, ma che entrambe stiamo passando un bruttissimo periodo... La prima cosa che mi viene da dirti è di non prenderti il valium perchè ne stai diventando dipendente, così come sto diventando dipendente io del lorazepam :(! Ascolta, io non voglio andare da uno psicologo, ma io dall'esterno posso consigliarti di andarti, di chiedere aiuto e sfogarti con lui, se proprio non riesci con i tuoi.

    Per quanto riguarda quel ragazzo voglio dirti solo una cosa: mandalo a fanc*lo una volta per tutte, butta le lettere, le foto, insomma tutto ciò che ti possa farlo ricordare!!! Devi metterti in testa che ti illude sempre e devi cacciarlo dal tuo cuore, fatti aiutare anche dalle amiche, esci, svagati, divertiti, ridi e quando stai a casa tieni le cuffie alle orecchie come faccio io per non sentire niente... mi dispiace, dobbiamo essere forti e cercare di uscire da tutto questo... Un abbraccio!!!

  • Anonimo
    10 anni fa

    non sei tu che devi essere giudicata,ma i tuoi genitori!!

    mi sento una coltellata al cuore avendo sentito la tua storia..mi dispiace veramente;

    tutto ciò che posso dirti è che nn devi mollare ma soprattutto dimenticati di colui che ami perché da come ho capito sa solo sfruttarti nel momento del suo bisogno,mentre non cè quando ne hai veramente tu di bisogno!!!

    spero che tutto si risolva nel migliore dei modi,e se ci credi sono sicuro che uscirai da questa brutta situazione!!

    notte....

  • 10 anni fa

    è un periodo difficile ma nn depressione... cmq mangia tanta cioccolata k tira su il morale

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.