Anonimo
Anonimo ha chiesto in Bellezza e stileModa e accessori · 9 anni fa

ragazzi aiutoo! dovrei fare una breve ricerca sulla GONNA AD ANFORA..?

ciao a tutti :) dovrei fare questa mini ricerca su questa gonna.. sapete dirmi qualcosa? tipo un pò di storia? grazie mille in anticipo!

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Migliore risposta

    ciao qui c'è un pò di storia della gonna in genere , come introduzione

    http://gianluisa.splinder.com/post/19930777/lindum...

    GONNA AD ANFORA: AMPIA E DRAPPEGGIATA SUI FIANCHI SI RESTRINGE AL GINOCCHIO E PROSEGUE A TUBO FINO ALLA CAVIGLIA. NATA NEGLI ANNI VENTI È TORNATA NEGLI ULTIMI DECENNI SIA NEGLI ABITI DA SERA CHE NEI MODELLI DA GIORNO.

    Storia della Gonna

    Definire il momento esatto in cui la gonna venne inventata è probabilmente impossibile, forse perché non vi fu mai una data ufficiale, forse perché non venne mai davvero inventata o, più semplicemente, perché è sempre esistita.

    Pensandoci, infatti, un semplice pezzo di pelliccia, stretto in vita a mo di gonna, deve essere stato l'indumento più semplice da creare presso le popolazioni primitive.

    Questo tipo di abbigliamento però, non sarebbe proprio da catalogare come 'storia della moda', ma sarebbe più adatto per la voce 'meglio di niente'; per analizzare la storia della gonna quindi, sarà meglio partire da qualche secolo più tardi, quando la gonna, simbolo di autorità e potere, figurava ancora come indumento maschile.

    Ci troviamo a cavallo fra il III ed il IV millennio a.C., tra le popolazioni mesopotamiche e sumeriche; lunghi indumenti che fasciano i fianchi figurano tra gli abiti tradizionali per rituali e cerimonie, li indossano sacerdoti, dignitari di corte, regnanti, proprio come ci dimostrano le statuette ritrovate nel corso degli scavi.

    Il tempo passa, ma questi antenati della gonna restano indosso ad uomini e donne, diffondendosi però anche tra i ceti sociali più differenti: dagli artigiani, ai mercanti, fino ai guerrieri.

    Per moltissimi secoli, la gonna rimase un indumento assolutamente 'bisex', sia per uomo che per donna, sia nella cultura Occidentale che in quella Orientale e lo dimostrano le innumerevoli testimonianze iconografiche come statue, affreschi, immagini su anfore ecc?

    La gonna si identificò come indumento femminile solo con l'arrivo delle popolazioni barbariche che introdussero un indumento strettamente maschile: il pantalone o, meglio, il bisnonno del pantalone moderno. Ecco allora che la gonna (termine di origine iraniana) o, sottana, diviene, per contro, un campo femminile, cambiando anche il proprio significato simbolico: la gonna non è più simbolo di potere, ma è simbolo di sottomissione e pudore.

    Giungono poi i gloriosi anni del Rinascimento a cui fanno seguito correnti artistiche di grande rilievo come il barocco ed il rococò; qui la gonna, pur restando un indumento per sole donne, assume dimensioni spropositate, colori vivaci, si arricchisce di nastri e fiocchi per divenire così motivo di vanto.

    Ora, la gonna non è più una questione di sottomissione, purezza e pudore: è questione di moda.

    Neanche a dirlo, il passare dei secoli, l'andamento delle mode, l'avvento delle passerelle non fecero che influire sull'aspetto della gonna, dalla lunghezza, al colore, fino alle fogge.

    Una delle poche date certe legate alla gonna è però il 1963, data impossibile da dimenticare poiché, in questo anno nasce la minigonna!

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.