Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 9 anni fa

ciao, mi potreste aiutare...10 pnt assicurati?

che differenze ci sono tra il romano impero e il sacro romano impero?

ciao e grazie

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Migliore risposta

    Il Sacro Romano Impero può essere definito come una restaurazione dell’Impero Romano d’Occidente; questo fu possibile a Carlo Magno grazie all’assunzione della difesa del papato e dell’intera cristianità. Nel Sacro Romano Impero il sovrano e i suoi funzionari risiedevano nella corte, che aveva sede in Aquisgrana, ma che poteva essere spostata a seconda delle esigenze militari e politiche. La gestione dell’amministrazione centrale dell’impero era affidata a due funzionari: il conte palatino, cioè un laico incaricato dell’esercizio dell’alta giustizia; e l’arcicappellano, un ecclesiastico responsabile degli affari religiosi e della gestione della cancelleria regia.

    Nell’Impero Romano d’Occidente invece, oltre all’imperatore, c’era la potestà tribunicia e l’impero proconsolare ; inoltre vi era l’ordine senatorio e l’ordine equestre che avevano delle cariche particolari.

    Nel Sacro Romano Impero l’impero si divideva in: contee, cioè circoscrizione interne governate dai conti, i quali esercitavano funzioni civili e militari; marche, cioè circoscrizioni poste nelle zone di confine dell’impero, che venivano governate dai marchesi; e infine i ducati, cioè distretti abitati da popoli ostili all’inserimento nell’Impero Carolingio. Un’altra importante funzione era quella dei missi dominici, cioè un vescovo e un laico, inviati dal sovrano con il compito di segnalare e reprimere gli eventuali abusi di governanti e amministratori. Vi erano però delle zone di immunità, nelle quali nessun funzionario pubblico poteva entrare, e quindi non vi si poteva esigere il pagamento delle imposte, amministrare la giustizia o reclutare le truppe. Inoltre conti e marchesi non ricevevano stipendio: in compenso dei loro servizi ottenevano terre e il diritto di percepire un terzo del reddito prodotto nella regione da loro amministrata.

    Nell’Impero Romano d’Occidente invece le province erano divise in senatorie e imperiali: quelle senatorie erano governate da senatori nella qualitа di proconsoli; quelle imperiali erano sempre governate da senatori, ma questa volta nella qualitа di legati dell’imperatore.

    Inoltre nel Sacro Romano Impero, Carlo Magno attuò anche una ben precisa iniziativa in campo culturale, dato l’analfabetismo presente nel suo regno. I monasteri erano gli unici luoghi dove era presente la produzione di libri, grazie all’impiego di monaci specializzati nella difficile arte della ricopiatura e della miniatura, cioè gli amanuensi. L’esigenza di chiarezza nell’espressione scritta portò alla trasformazione delle varie grafie in uso nell’impero, e alla loro riduzione a un’unica tipologia, ossia la minuscola carolina. Inoltre, per assicurare un’appropriata formazione sia ai chierici che ai laici, fu fondata la Schola Palatina, la quale rappresentт un qualificato centro di insegnamento alle sette arti liberali, divise in trivio, cioè grammatica, retorica e dialettica; e in quadrivio, cioè aritmetica, geometria, musica e astronomia.

    Fonte/i: Spero sia esauriente ;)
  • Anonimo
    9 anni fa

    L'Impero Romano è quello che, camuffato da restaurazione della Repubblica, inizia sotto Ottaviano Augusto nel 27 a.C, sebbene la tradizione medievale (e quindi anche dantesca, se è questo che ti serve), considerasse come primo imperatore di Roma proprio Giulio Cesare.

    Il sacro romano impero GERMANICO nacque nell'Alto Medioevo e comprendeva nazioni dell'area, appunto, germanica, oltre ad una porzione del Nord Italia.

    Stringato ma chiaro. Spero.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Innanzitutto si deve rilevare la differenza riferita al territorio occupato dai due domini: quello romano era affacciato sul Mediterraneo mentre quello carolingio era di tipo continentale.

    Da un punto di vista religioso, poi, l'impero carolingio era fortemente legato al cristianesimo mentre quello romano era caratterizzato da una religione pagana, e solo negli ultimi secoli di disfacimento si assiste ad un'avvicinamento al cristianesimo.

    Toccando poi l'aspetto economico, l'impero romano aveva vie di comunicazione veloci e sicure, sia terrestri che marittime, le quali permettevano scambi commerciali tra tutti i paesi che si affacciavano sul Mediterraneo. Nell' impero carolingio c'era un economia di pura sussistenza, poichè i feudi producevano il minimo indispensabile, diventando così entità autosufficienti e restringendo al minimo gli scambi commerciali, che si limitavano a prodotti indispensabili come ad esempio il sale.

    Nell'impero romano i centri pulsanti dell'economia erano le città in cui avvenivano non solo gli scambi commerciali ma anche quelli riferiti alla mentalità e ai modi di vita. Nell' impero carolingio invece le città non erano più così importanti, riducendosi spesso a piccoli borghi, perchè la popolazione e l'economia erano soprattutto legate alla terra: quello di Carlo Magno era in pratica un impero rurale.

    L'impero romano era molto unito e legato fortemente al potere centrale (quello imperiale), quello carolingio invece non fu mai unitario, o questo accadde solamente quando al potere vi era Carlomagno, poichè vi era un rapporto tra i collaboratori e l'imperatore di semplice fiducia.

    Nell'impero romano l'esercito era una milizia professionale e l'imperatore ne era il capo (non a caso "imperator" significava capo dell'esercito). In quello carolingio invece ogni feudatario possedeva un suo esercito e, secondo il patto di vassallaggio, ogni volta che l'imperatore riteneva giusto l'intervento militare, l'esercito doveva essere pronto ad intervenire.

    Roma culturalmente era molto sviluppata: non a caso era stata in contatto con la Grecia, la civiltà che gettò le basi delle discipline matematiche, filosofiche e letterarie. Se l' istruzione a Roma non mancava, anche nel Sacro Romano Impero si assiste però d una grande rinascita culturale favorita da Carlomagno il quale impose il latino come lingua ufficiale e per diffondere una certa cultura generale raccolse a palazzo gli uomini più istruiti, i quali diedero vita alla SCHOLA PALATINA che divenne il modello delle scuole che naquero poi in ogni monastero. Inoltre per diffondere il sapere c' era bisogno di testi e così si favorì una copiatura sistematica di scritti antichi (grazie al lavoro paziente degli amanuensi).

  • Anonimo
    9 anni fa

    Il Sacro Romano Impero (SRI) (in tedesco Heiliges Römisches Reich (HRR), in latino Imperium Romanum Sacrum (IRS)), dal 1512[1] tramite decreto cambia nome in Sacro Romano Impero della Nazione Germanica (in tedesco Heiliges Römisches Reich Deutscher Nation, in latino Imperium Romanum Sacrum Nationis Germanicae), noto anche come Primo Reich, fu un agglomerato politico medioevale di territori dell'Europa centrale e occidentale che nacque durante l'alto Medioevo e si dissolse formalmente nel 1806. La data di inizio dell'Impero è il 962, quando Ottone I di Sassonia si fece incoronare da papa Giovanni XII come imperatore di un'entità che comprendeva Germania e Italia (e in seguito la Borgogna) che ereditava gran parte dell'Impero carolingio, ma che ne era distinto, non comprendendo più la "Francia occidentale", ovvero più o meno l'odierna Francia. Il Sacro Romano Impero della Nazione Germanica raggiunse l'apice della propria potenza nel corso del Basso Medioevo e costituì, insieme al Papato, uno dei due poteri universali.

    .........................

    Impero romano

    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    Impero romano

    Visita il Portale Antica Roma

    (dettagli) (dettagli)

    Motto: Senatus PopulusQue Romanus (traduzione: "Il Senato e il popolo romano")

    Descrizione generale

    Nome ufficiale: RESPUBLICA POPULI ROMANI

    Lingue: latino: ufficiale, di cultura e, in Occidente, d'uso; greco: di cultura e, in Oriente, d'uso

    Capitale: Roma

    Altre capitali: Treviri, Milano, Nicomedia, Sirmio, Ravenna, Antiochia e Costantinopoli

    Forma politica

    Forma di governo: Principato, Dominato

    Imperatore (Cesare e Augusto): Elenco

    Organi deliberativi: Senato romano

    Nascita: 16 gennaio 27 a.C. con Augusto

    Causa: Guerre civili

    Fine: 17 gennaio 395 con Teodosio I

    Causa: Divisione tra gli eredi al trono Onorio e Arcadio

    Territorio e popolazione

    Bacino geografico: Europa e bacino del Mediterraneo

    Territorio originale: Italia

    Province: elenco

    Massima estensione: 2,3 milioni di miglia quadrate (circa 5.957.000 km²) nel II secolo

    Popolazione: tra 55 milioni e 120 milioni nel IV secolo

    Economia

    Moneta: Solido, aureo, denario, sesterzio, asse

    Risorse: oro, argento, ferro, stagno, ambra, cereali, pesca, ulivo, vite, marmi

    Produzioni: vasellame, oreficeria, armi

    Commerci con: Parti, Africa subsahariana, India, Arabia, Ceylon, Cina

    Esportazioni: oro

    Importazioni: schiavi, animali, seta, spezie

    Religione e Società

    Religioni preminenti: religione romana, religione greca, religione egiziana, mitraismo

    Religione di stato: religione romana sino al 27 febbraio 380, quindi religione cristiana

    Religioni minoritarie: religione ebraica, druidismo

    Classi sociali: cittadini romani (nobilitas e populus; senatores, equites (cavalieri) e resto del populus; dal III secolo d.C. in poi: honestiores e humiliores), peregrini (sudditi dell'impero senza cittadinanza, solo fino al 212), stranieri, liberti, schiavi

    Evoluzione storica

    Preceduto da:

    Succeduto da:

    Repubblica Romana Impero romano d'Occidente

    Impero romano d'Oriente

    L'Impero romano (in latino Imperium Romanum) è lo Stato romano consolidatosi nell'area euro-mediterranea tra il I secolo a.C. e il IV secolo.

    Le due date che generalmente identificano l'inizio e la fine di un'entità statuale unica sono il 27 a.C., primo anno del principato di Ottaviano, con il conferimento del titolo di Augusto, e il 395, allorquando, alla morte di Teodosio I, l'impero viene suddiviso in una pars occidentalis e in una orientalis. L'Impero romano d'Occidente si fa terminare per convenzione nel 476, anno in cui Odoacre depone l'ultimo imperatore legittimo, Romolo Augusto. La vita dell'Impero romano d'Oriente si protrarrà invece fino al momento della conquista di Costantinopoli da parte degli Ottomani nel 1453.

    Fonte/i: wiki
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    L'impero carolingio(impero romano) era strettamente correlato alla figura del suo fondatore Carlo Magno ed alla sua discendenza carolingia, alle sue conquiste ed allo speciale rapporto che esso aveva con il papato.

    L'impero romano-germanico (il Sacro Romano Impero) invece, era germogliato dall'esperienza carolingia, ma essendo venuta a mancare la parte fondamentale del regno di Francia, non poteva esserne erede, se non nella stessa misura della corona francese.

    Il titolo imperiale però rimase in un certo senso continuo, per questo nel conto degli imperatori si vuole talvolta cominciare proprio da Carlo Magno.

  • 3 anni fa

    il tuo cuore deve decidere!!!!pensa intensamente ki ti manca,o.ok. si fa piu sentire o.ok. si apre di piu con te e vedrai ke verrà sola la conclusione ki sarà il ragazzo giusto x te!

  • Marco
    Lv 4
    9 anni fa

    Che il sacro romano impero era sacro..mentre il romano impero no .. LOL

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.