luke ha chiesto in Matematica e scienzeIngegneria · 10 anni fa

Propulsione navale tramite sfruttamento del dipolo molecolare dell'acqua?

Buogiorno,

nel link di seguito indicato si può vedere un banale esperimento di fisica durante il quale viene deviato un flusso d'acqua tramite un campo elettrico.

http://www.canal-u.tv/producteurs/science_en_cours...

Mi stavo chiedendo se questo fenomeno non possa essere sfruttato per generare una forza propulsiva predisponendo un opportuno campo elettrico (oscillante ?) lungo lo scafo.

Qualcuno avrebe qualche idea in proposito oppure è a conoscenza di studi o di ricerche in tal senso ? Grazie

Aggiornamento 2:

http://www.canal-u.tv/

/producteurs/science_en_cours

/dossier_programmes

/physique_a_main_levee

/electricite

/comment_devier_un_filet_d_eau

Aggiornamento 3:

AGGIUNTA DEL 10-2-2011

Innanzi tutto ringrazio per le interessanti risposte.

In effetti sono incompetente in materia, ma l'idea era quella di generare una moltiplicità di campi elettrici di ridotta potenza distribuiti lungo lo scafo (ma che però forse potrebbero interferire ?) in modo da agire il più possibile localmente sulle molecole H2O circostanti.

Se ciò fosse possibile, forse (1) si potrebbero attenuare gli effetti nocivi, (2) si potrebbe ridurre la resistenza all'avanzamento (3) si potrebbero evitare fenomeni quali turbolenze e cavitazione ?

L'altra cosa che mi stavo chiedendo era se il fatto di avere molecole di H2O polarizzate "IN MOVIMENTO" (anche se relativo) non possa implicare l'introduzioni di fenomeni magnetici e quindi eventualmente l'utilizzo di campi magnetici per la propulsione (una volta avviato il movimento dello scafo).

Scusate se proferisco nozioni a vanvera senza padroneggiarle !

P.S. Per Dottor K: grazie per il link ma purtroppo non riesco ad accedervi. (ww

3 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Direi che spostare l'intera nave muovendo una traveling wave lungo una bobina abbastanza grande sia impossibile o quasi, senza contare che un campo elettrico di potenza come quella descritta da Geppetto ucciderebbe qualsiasi forma di vita istantaneamente,

    L'alternativa con un rendimento maggiore sarebbe quella di un reattore che sposti acqua ma ti faccio presente che in oltre quarant'anni di guerra fredda nessuno e' riuscito a spingere un sommergibile nucleare con un sistema di propulsione che non avendo parti meccaniche in movimento garantirebbe la perfetta propulsione silenziosa. ( ad esclusione di Ottobre Rosso e si tratta di un libro/film ai limiti della fantascienza)

    Comunque l'idea e' studiata ti lascio una pubblicazione svizzera con un reattoresimile a quello descritto , studiato per piccolissimi vascelli ( sommergibili senza pilota UAV o simili)

  • 10 anni fa

    Dal punto di vista teorico la questione mi sembra fattibile, si tratta di applicare i principi dell’induzione elettrostatica sfruttando la polarità intrinseca della molecola d'acqua http://it.wikipedia.org/wiki/Induzione_elettrostat...

    Su questo principio, utilizzando però il solo magnetismo, sono stati costruiti i treni a levitazione magnetica.

    Ho comunque dei dubbi sia sul costo che sull'efficienza del sistema, c’è da considerare infatti che, nell’induzione elettrostatica, la forza di attrazione o repulsione diminuisce rapidamente con la distanza che separa i corpi interagenti, quindi l’effetto coinvolgerebbe solo le particelle d’acqua vicine allo scafo.

    Inoltre, sempre a lume di naso (per fare calcoli esatti ci vorrebbero mesi) credo che il campo elettrico oscillante necessario dovrebbe essere ad alta intensità, sarebbe quindi necessaria una differenza di potenziale di decine di migliaia di volt cioè tale da renderlo realmente pericoloso sia per i passeggeri che per la vita marina.

  • 10 anni fa

    Parti con un dato: la propulsione di una nave ad eliche richiede dai 12.000 kW a 86.000 kW, cioè la sola motorizzazione oggi pesa dalle 400 alle 2200 tonnellate più tutti gli ausiliari e funziona anche in moto ondoso, carena incrostata da alghe e denti di cane.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.