Anonimo
Anonimo ha chiesto in SportCorsa · 1 decennio fa

Ciao a tutti, mi continua a far male alla gamba sinistra? mi potete aiutare?

Premetto col dire che era da mesi che non facevo attività fisica e quindi ero fuori allenamento, sono un ragazzo di 19 anni e ho un buon fisico, sono alto e ben messo; in pratica da metà dicembre a metà gennaio ho fatto un mese di corsa all' aperto, ho fatto circa 45 minuti di corsa al giorno e dopo un mese ho cominciato ad avere dolori alla gamba sinistra, precisamente alla parte esterna della rotula, in pratica quando piego la gamba per camminare e peggio ancora se provo a correre, sento come una fitta che mi impedisce di continuare, adesso mi è un pò passato ma tipo una sett fa non riuscivo neanche a camminare dal dolore...allora 2 sett fa circa sono andato dal medico che mi ha consigliato di non forzare la gamba e di usare il fastum gel e del ghiaccio da mettere ogni giorno...così ho ho messo del fastum gel e del ghiaccio sulla parte interessata e subito dopo mi è venuto fuori una fitta alla gamba destra sullo stesso punto della gamba sinistra!!! così oltre ad avere dolore alla gamba sinistra, l avevo anche alla gamba destra!! col passare dei giorni mi è passato il dolore alla gamba destra ma il dolore persiste sulla gamba sinistra e non so che fare...sicuramente il dolore si è accentuato visto che uso giornalmente fastum gel, però vedo che piu di tanto non passa...cosa devo fare? aspettare? è da settimane che non corro piu...uso le gambe solo per andare a scuola ormai...può essere che sia una cosa piu grave di un semplice affaticamento? dovrei andare da un fisioterapista o è solo questione di tempo? grazie a tutti

7 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    sindrome della bandelletta tibiale (più correttamente, ileotibiale), nota anche come ginocchio del corridore, sindrome da frizione o sindrome della benderella ileotibiale, è un processo di tipo infiammatorio a carico della zona ileotibiale che è l'ultimo tratto della fascia femorale (o fascia lata), quella che riveste i muscoli superficiali della coscia. La stragrande maggioranza degli autori ritiene che la funzione principale della bandelletta tibiale sia quella di rendere stabile la componente antero-laterale del ginocchiÈ una sindrome che colpisce in particolar modo i podisti, ma non è infrequente anche in coloro che praticano altri tipi di sport come, per esempio, i calciatori, i cestisti e i pallavolisti.

    Le causeLa sindrome della bandelletta ileo-tibiale può essere considerata, sostanzialmente, una sindrome da sovraccarico le cui cause possono essere fatte risalire al concorso di fattori predisponenti e di condizioni di tipo sportivo. I fattori predisponenti sono generalmente di natura anatomica, tra questi ricordiamo il varismo del ginocchio, il varismo della tibia, la prominenza dell'epicondilo femorale laterale, la dismetria degli arti inferiori e il piede tendente alla pronazione; le principali condizioni di tipo sportivo che, unite ai sopracitati fattori, sono causa dei ripetuti microtraumi che alla fine scatenano il processo infiammatorio, sono la corsa su fondo inclinato o irregolare, un chilometraggio eccessivo , una brusca modifica in eccesso dei carichi allenanti o la scelta di lunghi circuiti che presentano un'eccessiva alternanza di salite e discese o, ancora, gli allenamenti per la forza esplosiva particolarmente intensi. Un altro fattore predisponente, spesso scarsamente considerato, è il sovrappeso atletico.

    La sintomatologia e la diagnosi

    La patologia si presenta con un dolore generalmente continuo, ma non acuto, sulla faccia laterale del ginocchio; il dolore si accentua quando la bandelletta passa sopra il condilo femorale laterale, ossia quando il ginocchio forma un arco di circa 30 gradi in flessione. La dolenzia si sviluppa di solito dopo un determinato periodo di tempo dall'inizio dell'allenamento e tende a ridursi con il riposo.

    Trattamento

    Questo infortunio rientra nei casi in cui il metodo Stop&Go risulta molto efficace; poiché l'infiammazione provoca un dolore continuo, ma non acuto sulla parte esterna del ginocchio, l'atleta è spesso portato a continuare gli allenamenti, magari riducendoli quantitativamente. Niente di più errato perché si predispone a un aggravamento della patologia. Il periodo di stop consigliato è di 20 giorni con terapie self (crioterapia). Se l'infortunio non si risolve, l'ortopedico interviene di solito con infiltrazioni di anestetico e farmaci steroidei, ionoforesi, ultrasuoni, tecarterapia, laserterapia ecc. In alcuni casi, invero molto rari, è necessario l'intervento chirurgico sulla bandelletta.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Il fastum gel ha funzionato all'inizio alleviando un pò il dolore, poi il corpo si è abituato e l'effetto si è ridotto notevolmente. Il mio consiglio è quello di andare da un fisioterapista o un osteopata che è sicuramente molto più qualificato e preparato rispetto al normale medico di famiglia, poco ma sicuro.

    Lui ti visita e ti sa dire con certezza qual'è il problema e cerca di metterti a posto subito.

    Il fatto è che se continui così, una cosa che magari si risolve in fretta te la porti avanti più del tempo necessario, invece se ti vai a fare visitare ti levi subito il pensiero.

    Può anche essere una sciocchezza (come una caviglia fuori asse) che però se non viene messa a posto continua a farti male e a darti problemi a tutta la gamba. Le medicine alleviano il dolore al momento, poi quando torni a fare attività fisica ti torna il male perchè c'è qualcosa che non va bene di fondo.

    In gamba!

    Fonte/i: Palestra ed esperienze personali
  • Acqua
    Lv 4
    1 decennio fa

    Maledetta bandelletta tibiale !!

  • 1 decennio fa

    45 minuti tutti i giorni non va bene...

    Fatti fare i raggi, sia per tendini che per ossa, escluso danni seri vai da un fisioterapista

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    vai da un medico che sicuramente saprà eliminare il problema magari sottoponiti ad una lastra..

  • 1 decennio fa

    vai da un medico che ne sa più di noi ragazzi e adulti non specializzati

  • 1 decennio fa

    Avrai fatto quanche brusco movimento a freddo ... Stappo muscolare .. tieni la gamba al caldo e a riposo .. mettiti creme se prorpio il dolore non lo sopporti .... Non credo sia un qualcosa collegato coi tendini staresti già per terra agonizzante ...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.