Posso denunciare il cardiologo (x esperti di medicina e legge)....?

Mia madre ha 46 anni ed è da quasi vent'anni portartice di pace maker. Negli ultimi 4 anni ha dovuto subire 4 interventi in quanto il pace maker sporgeva al di fuori e quindi bisognama metterlo a posto!

Tutto ciò è accaduto in cura ad un cardiologo specialista in elettrostimolazione cardiaca di cui mia mamma aveva molta fiducia.

L'anno scorso però mia mamma avvertiva un forte bruciore al cuore e andando dal cardiologo disse di non riuscire più a dormire a causa del male che provava! La sua risposta fu "signora dorma dall'altro lato". Mia mamma si decise allora ad andare a Pisa e farsi operare li; all'ospedale pisano le trovarono uno stafilococco ovvero un virus che le aveva procurato lo staccamento di un cateterino che si era impigliato nel cuore! Risultato? Ha dovuto subire 3 interventi di cui 1 si presumeva fosse di cardio chirurgia (a cuore aperto). Grazie alla dottoressa Maria Grazia Bongiorni però mia mamma riuscì a farsi esportare il cateterino senza la cardiochirurgia ma solo grazie alla tecnica di questa eccezionale professionista! Ora è passato quasi un anno, mia mamma non riesce a dormire più e quelle poche volte che lo fa ha degli incubi! Ha subito a mio avviso danni psicologici e fisici! Siamo però una famiglia modesta senza competenze in questo campo dopo tutto questo tempo ho deciso di voler denunciare tutto ciò che mia madre ha subito! Vorrei sapere come fare? A chi rivolgermi alla polizia o carabinieri o ad un avvocato? Posso con queste tesi denunciare il precedente cardiologo? Per quali danni? non fa niente che è passato tutto questo tempo? e poi ci vuole un avvocato civile o penale! Scusate la mia ignoranza in materia ma non ho idea di come fare! Vi ringrazio x avermi ascoltato tutto questo tempo e anche se nn riuscite ad esaudire le mie domande vi ringrazio nuovamente augurandovi tt il bene di questo mondo!!! Bacioni!!!

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Posso comprendere la tua frustrazione e la tua voglia di vendetta contro quel cardiologo, infondo è tua madre. Ma la cosa a cui dovresti pensare è: questa denuncia riuscirebbe a risolvere la situazione?

    Perchè invece di pensare a rovinare la vita di quel cardiologo, non pensi ad un rimedio per tua madre?

    O è più importante una denuncia che non ti porta alcun beneficio? Certo quel cardiologo è stato un idiota, ma davvero non servirebbe a niente denunciarlo, o almeno non al bene della tua mamma.

    Trova al più presto un rimedio per tua madre, invece di dar sfogo a queste piccole seti di vendetta.

  • 1 decennio fa

    Ciao, mi chiamo Andrea Kleiner, ho 30 anni e sono un Medico specialista in Medicina Interna, mi occupo in particolare di Diabetologia e Cardiologia.

    Mi dispiace molto di quanto è successo, ma vanno fatte delle precisazioni.

    Quello che hanno trovato a tua mamma, da come ho capito, è un endocardite batterica stafilococcica, verosimilmente correlata al posizionamento del pacemaker.

    Devi sapere che l'endocardite può dare molti sintomi e segni (febbre, brivido, un soffio cardiaco di nuova insorgenza) e che può complicarsi in diversi modi (diffusione ematogena dei batteri, rottura di corda tendinea, insufficienza valvolare acuta per rottura di valvola, fenomeni ischemici periferici per distacco della vegetazione cariaca ed embolia settica, vasculiti da immunocomplessi etc.).

    Un sintomo che l'endocardite NON DA' è proprio il bruciore al petto.

    Il bruciore retrosternale può essere piuttosto dovuto, specialmente se notturno, anche a una banale malattia da reflusso gastroesofageo, che va curata con antiacidi (inibitori di pompa protonica).

    Naturalmente bisognerebbe sentire esattamente da tua madre la descrizione dei sintomi per capire meglio la cosa (ad esempio, anche un'infezione cutanea può dare dolore/bruciore al petto, ma in genere è assolutamnete visibile all'ispezione).

    Con questa mia risposta non voglio per forza difendere la categoria, dico soltanto che le cose sono in genere molto più complesse di come si pensa.

    Ricorda infine che, anche in caso di ragione lampante, quando si entra in un tribunale non si sa mai come va a finire. Immaginati di fare causa e, dopo una decina di anni (questi sono i tempi), magari pure di perderla: ti trovi con la mamma uguale a prima, solo con migliaia di euro da pagare per le spese legali e, se dici qualcosa di troppo, magari anche una causa a tuo carico per diffamazione da parte del cardiologo. Bella prospettiva no?

  • Luisa
    Lv 7
    1 decennio fa

    Ciao, è vero, come dice l'altro utente che denunciando il cardiologo, non risolvi comunque i problemi di tua madre, però è anche vero che se nessuno provvede a fermare questo genere di medici, continueranno a lavorare indisturbati ed a rovinare la vita di altre persone, che si affidano alle loro cure, inconsapevoli della loro incompetenza.

    La tua non è sete di vendetta bensì di giustizia perchè tutto ciò che ha subito tua madre è inaccettabile e comunque noi da persone esterne al problema, non potremo mai capire al 100% quello che tu e la tua famiglia avete passato e state ancora passando.

    L'unica cosa da fare, in questo caso, è prendere tutte le cartelle cliniche e le prescrizioni terapeutiche firmate da questo signore e portarle da un medico legale che in collaborazione con un avvocato, visionate le carte e rilevati i presupposti per una denuncia, inizieranno un appropriato iter burocratico per arrivare ad un risarcimento danni. I medici incompetenti devono smetterla di rovinare e spezzare vite umane, ma se noi comuni cittadini, non facciamo nulla per cambiare il sistema, questi signori rimarranno sempre impuniti.

  • 1 decennio fa

    Ciao.. bhè di certo di medico ha sbagliato a non fare controllo dal momento in cui tua madre diceva di avere dolore..quindi ha sbagliato... in te prima di andare da polizia o carabinieri sentirei un avocato..gli spieghi tutta la situazione e vedi cosa ti consiglia di fare..

    P.s. certi medici lavorano tanto x lavorare.. anche se gli dici che hai male..ti danno risp tipo quella che ha dato a tua madre.. dovrebbero prendere questa strada solo coloro che veramente vogliono fare la proffessione di medico perchè gli piace veramente e non tanto x fare!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Ciao! Mi spiace per tua mamma, ma sono sicura che tutto si risolverà. Per questo tipo di problema dovresti rivolgerti ad un medico legale. Lui analizzerà la situazione e risponderà a ogni tua domanda.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.