Sfogo di una ragazza che è appena stata mollata dal suo primo e unico amore. (I parte)?

Non so perchè mi trovo qui, non so perchè sto iniziando a scrivere. Sento solo questo gran bisogno di sfogarmi, di raccontare anche solo a un display del computer la mia meravigliosa storia d'amore di 11 mesi, terminata perchè c'è gente crudele in giro, gente squallida che si intromette sempre.

Avete presente la frase LOVE > DISTANCE ? Ecco io ci credevo. Anzi, NOI ci credevamo. Io e il mio (ex) ragazzo, io di 15 e lui quasi 17 anni. Troppo piccoli forse per parlare d'amore intenso, ma era un sentimento talmente forte che ci sovrastava, che non potevamo impedirlo. Lui, il mio amore di una vita: ci conoscevamo fin da bambini, e io tutte le estati in cui lo rincontravo, provavo per lui un sentimento diverso rispetto a ciò che potevo sentire verso gli altri: mi ha sempre attratto, fin da bambina. Dopo esserci persi di vista per 4 anni, a causa soprattutto della distanza (io Brescia lui Bologna) un giorno mi feci il profilo di Facebook, perchè volevo assolutamente riallacciare i rapporti con lui: non l'avevo mai dimenticato,semplicemente era rimasto in un angolino del mio cuore che mi aspettava. Così, dopo esserci ritrovati sul social network più famoso al mondo, incominciammo a sentirci, ogni giorno di più. Passavamo ore ed ore al telefono, la nostra era una conoscenza basata sulle telefonate, ma vi assicuro che non ho mai conosciuto tanto una persona quanto io abbia conosciuto lui. Incominciammo ad utilizzare la web cam, per cominciare a guardarci "negli occhi". Ma noi desideravamo l'arrivo dell'estate, il giorno in cui avremmo potuto stringerci, dove avremmo potuto finalmente toccarci e sentire che non era un sogno. Bene, quel giorno arrivò, più in fretta della luce: 30 luglio 2010, stazione di Bellaria Igea-Marina, un paesino sulla riviera romagnola, il luogo delle nostre vacanze, il posto dove ci incontravamo da quando eravamo nati. Mi recai alla stazione, col cuore a mille, le mani sudate, la salivazione azzerata; ero in panico. E se non gli fossi piaciuta nella realtà? E se si fosse pentito d'avermi scelta? Tutti quei punti interrogativi si sciolsero quando vidi aprirsi le porte del treno e me lo trovai di fronte; Bello, bello bello. Ancora più bello che nelle foto. Una meraviglia, era lui il mio cavaliere, lo urlò subito il mio cuore. Così mi prese, mi abbracciò forte forte mi guardò dolcemente, e ci fu il nostro primo bacio. Ricordo ancora i brividi lungo la schiena, quell'emozione incancellabile che mi fece provare quel ragazzo alto, moro, con gli occhi che cambiavano colore a seconda della luce. Lui, la mia vita.

Passammo delle splendide vacanze assieme, sentivamo un'attrazione peggio della forza di gravità: non riuscivamo a stare lontani l'uno dall'altro nemmeno per un minuto, dovevamo rimanere sempre abbracciati e sentire i nostri cuori che uniti formavano una splendida sinfonia. Dopo le vacanze estive, continuammo a vederci; lui venne nella mia città per un po' di giorni, io invece ero quella più fantasiosa. Mi piaceva stupirlo facendomi trovare per esempio la mattina alle 8 a suonare il campanello di casa con le briosche calde in mano, oppure presentarmi il giorno del suo compleanno (14 ottobre) davanti alla porta di casa, dopo esser uscita di fretta da scuola e chiedere il permesso a mia mamma di portarmi giù, di percorrere quei maledetti 215 km che ci separavano. La nostra giornata era basata sulle telefonate: la mattina mi svegliavo mezzora prima per chiamarlo e rimanere al telefono fino a quando non era tardissimo, tornata da scuola, dopo aver mangiato, mi fiondavo verso il cellulare per sapere come gli era andata la giornata, passavamo il pomeriggio a studiare con i vari messaggini che ci distraevano,e la sera rimanevamo a parlare anche per 3 ore di fila, senza stancarmi mai, senza sentire un minuto di silenzio imbarazzante. Eravamo bellissimi, ogni volta che ci rincontravamo era una gioia, ogni bacio era come il primom bacio: non cambiava mai quell'emozione. Eravamo una coppia indissolubile, tanto che il 23 dicembre si presentò a casa mia, si inginocchiò, mi prese la mano sinistra e mi infilò al dito un anello, il nostro pegno d'amore. Non mi spaventava quel gesto, io volevo viverlo, lo volevo per sempre. Volevo sposarlo, volevo avere una famiglia con lui. Sembrerà troppo presto per una ragazzina di 15 anni, ma io lo sognavo seriamente. Sapevo che era lui la mia ragione di vita. Ma, una settimana prima del mio compleanno, mi chiese una pausa di riflessione: sua madre gli impedì di vederci fino a quest'estate a causa del suo rendimento scolastico; gli amici gli dicevano che era assurdo stare con una ragazza lontana quando aveva la possbilità di stare con una del suo paese. Infatti, un'altra si mise in mezzo, una vacca s'intromise. Mi mollò 3 giorni prima dei miei 15 anni. Passai una settimana infernale, persi 6 kg in 14 giorni. *CONTINUO DEL RACCONTO CON UN ALTRO POST*

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Risposta preferita

    anch'io aspetto la seconda parte...sei dolcissima.....già quelle emozioni sono uniche...in quei momenti quelle sensazioni sono così forti e dense che sembra di respirarle..non so cos'è successo...ma sono sempre stata convinta che persone che stanno così bene insieme non possono stare lontani per sempre...almeno lo spero..in bocca al lupo

    p.s: se poi ti va passi a dirmi la tua opinione?!

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Al...

    grazie =)

  • 10 anni fa

    Ciao,

    a parte le ultime due righe, fino a qui è una bellissima storia; aspetto con ansia la seconda parte.

  • 10 anni fa

    bella storia sei dolcissima aspetto con ansia la 2 parte ciao.

  • 10 anni fa

    Aspetto la seconda parte..

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    Che dolce che sei, mi hai commossa con il tuo racconto sai.... Nella vita capita a tutti di soffrire prima o poi.. purtroppo è così... credimi, con il tempo ti passerà e tornerai a sorridere....

    un abbraccio!! *-*

  • alisme
    Lv 4
    4 anni fa

    Ciao, è stata una storia intensa, fatta di attese interminabili according to stare insieme e di brevi ed indimenticabili momenti quando c'era la possibilità di annullare la grande distanza che vi separava. è stata una relazione che ha cavalcato le ali dell'esuberanza e della spensieratezza della vostra giovane età, che vi ha riempito la vita dandole un senso che prima non aveva, che vi ha fatto scoprire parti del vostro essere che prima non sapevate nemmeno di avere. Poteva durare according to sempre, certo, poteva essere il rapporto perfetto, nel quale ognuno si sarebbe sentito appagato according to la semplice presenza dell'altro, ma purtroppo così non è stato. Il pace, le persone, gli eventi che la vita mette davanti advert ognuno lo trasformano, influiscono sul suo pensiero e possono a techniques crollare certezze che sembravano inespugnabili: questo è quello che è successo a lui e, sebbene darebbe molta soddisfazione, non è possibile additare un unico colpevole according to la high-quality della vostra storia. Il suo amico non avrebbe dovuto cercare di convicerlo? Quella ragazza non avrebbe dovuto provarci? Lui avrebbe dovuto rifiutare? Potremmo rispondere si a tutte queste domande farlo vorrebbe dire guardare le cose da un unico punto di vista quando invece dovremmo conoscere esattamente i motivi di ognuno di questi comportamenti e cosa pensava ognuno dei protagonisti in ogni situazione, cosa che non conosciamo. Lui, penso consapevolmente, ha fatto le sue scelte e, nel bene o nel male ne pagherà il prezzo. Questo non cambia nè cancella in alcun modo quello che di bello c'è stato tra voi, le emozioni che hai provato e che ti hanno fatto scoprire te stessa sotto una nuova luce. la maturità e la serietà con cui hai gestito questa situazione non facile sono da ammirare e nonostante il dolore che adesso ti brucia dentro, questi sono insegnamenti che ti porterai dietro tutta la vita e ti saranno molto utili. Guarda a te stessa, alla tua felicità, a quello che vuoi essere domani e, concentrandoti su di te, allontana il dolore che adesso ti stringe. Domani sarà una nuova alba: quando il sole si alzerà, fatti trovare pronta e lascia che la sua luce torni di nuovo advert illuminare le tue giornate. Se ti aprirai verso il mondo, scoprirai quant'altro di buono la vita può offrirti oltre a quel ragazzo che, in ogni caso, sarà according to sempre un dolce ricordo. In bocca al lupo!

  • 10 anni fa

    Attendo con ansia la seconda parte... si capisce che lo amavi davvero...

  • Anonimo
    10 anni fa

    Ciao di dove 6? Tranq ne troverai 1 altro scrivimi

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.