Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 9 anni fa

E' urgentissimo, vi prego entrate!?? 10 punti al migliore?

Ciao, è urgente.

mi servono tutte le informazioni sulla salma trafugata di mike bongiorno da quando è stata rubata fino a oggi.

10 punti al più veloce(sempre se sia il migliore)

grazie

7 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Migliore risposta

    [Esplora il significato del termine: MILANO - La salma di Mike Bongiorno è stata trafugata nella notte dal cimitero di Dagnente, piccola frazione di Arona (Novara). Per rubare le spoglie del noto presentatore, deceduto l’8 settembre del 2009, il ladro (o i ladri) hanno prima rotto la lapide della tomba. «Siamo sgomenti e increduli» ha commentato a caldo Michele Bongiorno junior, figlio primogenito del noto volto tv. «Non ci sono parole per commentare l’accaduto - ha aggiunto - è successo questa notte e l’abbiamo saputo un’ora fa. Adesso ci sono le forze dell’ordine che se ne stanno occupando, noi non abbiamo davvero parole». Al momento, non è giunta alcuna rivendicazione del furto, né sono arrivate alla famiglie richieste di denaro per la restituzione della bara, la cui scomparsa è stata denunciata martedì mattina dal custode del cimitero. A dare l’allarme un anziano che si era recato a portare dei fiori sulla tomba di famiglia. Il pensionato Giuseppe Buscaglia si era recato al cimitero poco dopo le 10:30, come fa tutti i giorni, per fare visita ai suoi cari defunti, la moglie Teresina, il fratello, i genitori. «Ho visto la lapide tolta, i mattoni per terra e il loculo vuoto. Non c’era altro». Buscaglia, che è stato il primo a essere sentito dai carabinieri, nella caserma di Arona, dice di «non avere mai visto persone strane nel cimitero. Anzi - aggiunge - spesso non c’è nessuno oltre me». ] MILANO - La salma di Mike Bongiorno è stata trafugata nella notte dal cimitero di Dagnente, piccola frazione di Arona (Novara). Per rubare le spoglie del noto presentatore, deceduto l'8 settembre del 2009, il ladro (o i ladri) hanno prima rotto la lapide della tomba. «Siamo sgomenti e increduli» ha commentato a caldo Michele Bongiorno junior, figlio primogenito del noto volto tv. «Non ci sono parole per commentare l'accaduto - ha aggiunto - è successo questa notte e l'abbiamo saputo un'ora fa. Adesso ci sono le forze dell'ordine che se ne stanno occupando, noi non abbiamo davvero parole». Al momento, non è giunta alcuna rivendicazione del furto, né sono arrivate alla famiglie richieste di denaro per la restituzione della bara, la cui scomparsa è stata denunciata martedì mattina dal custode del cimitero. A dare l'allarme un anziano che si era recato a portare dei fiori sulla tomba di famiglia. Il pensionato Giuseppe Buscaglia si era recato al cimitero poco dopo le 10:30, come fa tutti i giorni, per fare visita ai suoi cari defunti, la moglie Teresina, il fratello, i genitori. «Ho visto la lapide tolta, i mattoni per terra e il loculo vuoto. Non c'era altro». Buscaglia, che è stato il primo a essere sentito dai carabinieri, nella caserma di Arona, dice di «non avere mai visto persone strane nel cimitero. Anzi - aggiunge - spesso non c'è nessuno oltre me».

    I RIS SUL POSTO - Sull'episodio indagano i carabinieri e sul posto sono arrivati in elicottero gli esperti del Ris di Parma. I militari stanno anche visionando tra le altre cose i filmati di alcune telecamere a circuito chiuso posizionate all'esterno del cimitero. Mike Bongiorno aveva una villa ad Arona dove trascorreva parecchio tempo: dopo la sua morte, la moglie aveva voluto che il corpo del marito fosse seppellito nel piccolo camposanto di Dagnente. La notizia del furto della salma ha colpito molto la piccola comunità di Arona. «È il segno del mondo in cui viviamo, dove non c'è più rispetto per nessuno» ha detto Don Mauro Pozzi, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista a Dagnente. «Non vedo alcun motivo - ha aggiunto - per un gesto simile se non un possibile tentativo di estorsione». «È una notizia terribile, appena l'ho saputa ho chiamato la famiglia, in particolare la moglie Daniela, e le ho espresso la solidarietà di tutta la città» ha spiegato il sindaco di Arona, Alberto Gusmeroli.

    IL RITROVAMENTO

    E' stato un anziano che era andato al cimitero per portare i fiori sulla tomba di sua moglie ad accorgersi che la salma del conduttore televisivo era stata trafugata. Ha avvisato il custode che, a sua volta, ha chiamato le forze dell'ordine. I carabinieri hanno trovato divelta la lapide che chiudeva il loculo e sfondato il muro che chiudeva la cassa. I militari hanno anche visionato i filmati di alcune telecamere a circuito chiuso posizionate all'esterno del cimitero. Secondo l'assessore ai lavori pubblici del luogo, però, non ci sono immagini del furto: "Sono state portate via anche le registrazioni delle telecamere, chi ha commesso il fatto ha anche asportato il supporto che si trovava all'interno del cimitero dove erano registrate le immagini".

    Fonte/i: -corriere della sera. -virgilio notizie.
  • 9 anni fa

    è stata rubata la salma d mike xk le persone sono pazze.... e i malati in giro ce ne sono...cmq boh...

  • 9 anni fa

    Trafugata la salma di Mike Bongiorno

    È successo nel cimitero di Dagnente, piccola frazione

    di Arona. La famiglia: «Sgomenti e increduli»

    Al cimitero di Dagnente - Il videoreportage

    di Nino Luca (Corriere della Sera) - H24

    MILANO - La salma di Mike Bongiorno è stata trafugata nella notte dal cimitero di Dagnente, piccola frazione di Arona (Novara). Per rubare le spoglie del noto presentatore, deceduto l'8 settembre del 2009, il ladro (o i ladri) hanno prima rotto la lapide della tomba. «Siamo sgomenti e increduli» ha commentato a caldo Michele Bongiorno junior, figlio primogenito del noto volto tv. «Non ci sono parole per commentare l'accaduto - ha aggiunto - è successo questa notte e l'abbiamo saputo un'ora fa. Adesso ci sono le forze dell'ordine che se ne stanno occupando, noi non abbiamo davvero parole». Al momento, non è giunta alcuna rivendicazione del furto, né sono arrivate alla famiglie richieste di denaro per la restituzione della bara, la cui scomparsa è stata denunciata martedì mattina dal custode del cimitero. A dare l'allarme un anziano che si era recato a portare dei fiori sulla tomba di famiglia. Il pensionato Giuseppe Buscaglia si era recato al cimitero poco dopo le 10:30, come fa tutti i giorni, per fare visita ai suoi cari defunti, la moglie Teresina, il fratello, i genitori. «Ho visto la lapide tolta, i mattoni per terra e il loculo vuoto. Non c'era altro». Buscaglia, che è stato il primo a essere sentito dai carabinieri, nella caserma di Arona, dice di «non avere mai visto persone strane nel cimitero. Anzi - aggiunge - spesso non c'è nessuno oltre me».

    Il testimone: ho visto un'auto allontanarsi

    di Andrea Berton (Rcd)

    I RIS SUL POSTO - Sull'episodio indagano i carabinieri e sul posto sono arrivati in elicottero gli esperti del Ris di Parma. I militari stanno anche visionando tra le altre cose i filmati di alcune telecamere a circuito chiuso posizionate all'esterno del cimitero. Mike Bongiorno aveva una villa ad Arona dove trascorreva parecchio tempo: dopo la sua morte, la moglie aveva voluto che il corpo del marito fosse seppellito nel piccolo camposanto di Dagnente. La notizia del furto della salma ha colpito molto la piccola comunità di Arona. «È il segno del mondo in cui viviamo, dove non c'è più rispetto per nessuno» ha detto Don Mauro Pozzi, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista a Dagnente. «Non vedo alcun motivo - ha aggiunto - per un gesto simile se non un possibile tentativo di estorsione». «È una notizia terribile, appena l'ho saputa ho chiamato la famiglia, in particolare la moglie Daniela, e le ho espresso la solidarietà di tutta la città» ha spiegato il sindaco di Arona, Alberto Gusmeroli.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    ecco un'articolo del corriere della sera

    MILANO - La salma di Mike Bongiorno è stata trafugata nella notte dal cimitero di Dagnente, piccola frazione di Arona (Novara). Per rubare le spoglie del noto presentatore, deceduto l'8 settembre del 2009, il ladro (o i ladri) hanno prima rotto la lapide della tomba. «Siamo sgomenti e increduli» ha commentato a caldo Michele Bongiorno junior, figlio primogenito del noto volto tv. «Non ci sono parole per commentare l'accaduto - ha aggiunto - è successo questa notte e l'abbiamo saputo un'ora fa. Adesso ci sono le forze dell'ordine che se ne stanno occupando, noi non abbiamo davvero parole». Al momento, non è giunta alcuna rivendicazione del furto, né sono arrivate alla famiglie richieste di denaro per la restituzione della bara, la cui scomparsa è stata denunciata martedì mattina dal custode del cimitero. A dare l'allarme un anziano che si era recato a portare dei fiori sulla tomba di famiglia. Il pensionato Giuseppe Buscaglia si era recato al cimitero poco dopo le 10:30, come fa tutti i giorni, per fare visita ai suoi cari defunti, la moglie Teresina, il fratello, i genitori. «Ho visto la lapide tolta, i mattoni per terra e il loculo vuoto. Non c'era altro». Buscaglia, che è stato il primo a essere sentito dai carabinieri, nella caserma di Arona, dice di «non avere mai visto persone strane nel cimitero. Anzi - aggiunge - spesso non c'è nessuno oltre me».

    I RIS SUL POSTO - Sull'episodio indagano i carabinieri e sul posto sono arrivati in elicottero gli esperti del Ris di Parma. I militari stanno anche visionando tra le altre cose i filmati di alcune telecamere a circuito chiuso posizionate all'esterno del cimitero. Mike Bongiorno aveva una villa ad Arona dove trascorreva parecchio tempo: dopo la sua morte, la moglie aveva voluto che il corpo del marito fosse seppellito nel piccolo camposanto di Dagnente. La notizia del furto della salma ha colpito molto la piccola comunità di Arona. «È il segno del mondo in cui viviamo, dove non c'è più rispetto per nessuno» ha detto Don Mauro Pozzi, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista a Dagnente. «Non vedo alcun motivo - ha aggiunto - per un gesto simile se non un possibile tentativo di estorsione». «È una notizia terribile, appena l'ho saputa ho chiamato la famiglia, in particolare la moglie Daniela, e le ho espresso la solidarietà di tutta la città» ha spiegato il sindaco di Arona, Alberto Gusmeroli.

  • Anonimo
    9 anni fa

    La salma di Mike Bongiorno è stata trafugata dal cimitero di Arona (Novara). Il furto è avvenuto durante la notte nel cimitero della frazione di Dagnente. Secondo fonti dell'Arma dei Carabinieri, la salma è stata prelevata dopo che è stata rotta la lapide della tomba.

    Bongiorno è scomparso nel settembre di due anni fa. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione sulla sparizione della salma, la cui scomparsa è stata denunciata stamattina dal custode del cimitero. I carabinieri del ris di Parma effettueranno alcuni rilievi nel piccolo cimitero di Dagnente per cercare elementi utili a ricostruire l'accaduto. Le indagini vengono svolte dai militari di Arona e Novara, coordinati dal procuratore Giulia Perrotti e dal sostituto Fabrizio Argentieri, della procura della Repubblica di Verbania.

    Il furto scoperto da un visitatore del cimitero

    È stato un visitatore del cimitero ad accorgersi, questa mattina, che la salma del conduttore televisivo, morto l'8 settembre 2009, era stata trafugata. L'anziano era andato al camposanto per portare dei fiori sulla tomba della moglie, quando ha visto che quella di Bongiorno era aperta e ha avvisato il custode, che a sua volta ha chiamato le forze dell'ordine. I carabinieri hanno trovato divelta la lapide che chiudeva il loculo e sfondato il muro che chiudeva la cassa. Altri segni di effrazione sono in corso di verifica da parte del personale del Ris di Parma. I militari stanno anche visionando i filmati di alcune telecamere a circuito chiuso posizionate all'esterno del cimitero.

    Nessuna richiesta di riscatto

    Allo stato attuale, spiegano gli inquirenti, «ogni pista è aperta» e si indaga a 360 gradi, anche perchè i carabinieri escludono «nel modo più assoluto» che ad ora siano pervenute richieste di riscatto per riconsegnare la salma.

    TI PREGO DAMMI 10 PUNTI!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • 9 anni fa

    MILANO - La salma di Mike Bongiorno è stata trafugata nella notte dal cimitero di Dagnente, piccola frazione di Arona (Novara). Per rubare le spoglie del noto presentatore, deceduto l'8 settembre del 2009, il ladro (o i ladri) hanno prima rotto la lapide della tomba. «Siamo sgomenti e increduli» ha commentato a caldo Michele Bongiorno junior, figlio primogenito del noto volto tv. «Non ci sono parole per commentare l'accaduto - ha aggiunto - è successo questa notte e l'abbiamo saputo un'ora fa. Adesso ci sono le forze dell'ordine che se ne stanno occupando, noi non abbiamo davvero parole». Al momento, non è giunta alcuna rivendicazione del furto, né sono arrivate alla famiglie richieste di denaro per la restituzione della bara, la cui scomparsa è stata denunciata martedì mattina dal custode del cimitero. A dare l'allarme un anziano che si era recato a portare dei fiori sulla tomba di famiglia. Il pensionato Giuseppe Buscaglia si era recato al cimitero poco dopo le 10:30, come fa tutti i giorni, per fare visita ai suoi cari defunti, la moglie Teresina, il fratello, i genitori. «Ho visto la lapide tolta, i mattoni per terra e il loculo vuoto. Non c'era altro». Buscaglia, che è stato il primo a essere sentito dai carabinieri, nella caserma di Arona, dice di «non avere mai visto persone strane nel cimitero. Anzi - aggiunge - spesso non c'è nessuno oltre me».

    Il testimone: ho visto un'auto allontanarsi

    di Andrea Berton (Rcd)

    I RIS SUL POSTO - Sull'episodio indagano i carabinieri e sul posto sono arrivati in elicottero gli esperti del Ris di Parma. I militari stanno anche visionando tra le altre cose i filmati di alcune telecamere a circuito chiuso posizionate all'esterno del cimitero. Mike Bongiorno aveva una villa ad Arona dove trascorreva parecchio tempo: dopo la sua morte, la moglie aveva voluto che il corpo del marito fosse seppellito nel piccolo camposanto di Dagnente. La notizia del furto della salma ha colpito molto la piccola comunità di Arona. «È il segno del mondo in cui viviamo, dove non c'è più rispetto per nessuno» ha detto Don Mauro Pozzi, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista a Dagnente. «Non vedo alcun motivo - ha aggiunto - per un gesto simile se non un possibile tentativo di estorsione». «È una notizia terribile, appena l'ho saputa ho chiamato la famiglia, in particolare la moglie Daniela, e le ho espresso la solidarietà di tutta la città» ha spiegato il sindaco di Arona,

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.