“Guadagnerò tremila euro al giorno...”?

3.000€ per giorno lavorativo.

15.000€ la settimana.

60.000€ al mese. Lordi, naturalmente.

Contratto per due anni, opzione per il terzo.

Non male vero, di questi tempi...?

Il tutto per circa cinque minuti al giorno, subito dopo il TG1 delle 20, di un comizio dove verranno spiegate al telespettatore cose tipo "... è uno scandalo sapere di Berlusconi quello che sappiamo.", oppure tipo "La crociata neopuritana è la vergogna dello Stato italiano", oppure ancora "sull’inchiesta di Milano ho le idee chiare: è un processo stregonesco, messo in piedi da pedinatori, giornalisti e magistrati."

Insomma, come dice lo stesso fortunato firmatario del contratto cui sopra, "“Guadagnerò tremila euro al giorno per difendere il Cavaliere".

E' accettabile che si paghi con i soldi di tutti, un comiziante, per cinque minuti al giorno per cinque giorni, quanto si paga un bravissimo ricercatore universitario in un anno?

E' accettabile che "per difendere il Cavaliere" sia giusto che siamo noi a pagargli profumatamente il difensore, e neanche d'ufficio, ma che oltretutto si è pure scelto?

E' accettabile che un servizio pubblico, pagato con i soldi di tutti, spenda cifre del genere per l'interesse di un singolo personaggio, potente ed influente quanto si vuole, ma sempre e soltanto uno dei circa 60.221.211 italiani?

E' accettabile che un'azienda pubblica investa i soldi pubblici in un programma che lo stesso autore definisce così: «Ferrara non fa ascolto, gli spettatori scappano. Vedo già i titoli di alcuni giornali»?

E' accettabile?

Aggiornamento:

Mirta- Che quelle cifre siano abnormi per un comune mortale è pacifico, chiunque se le intaschi.

Ma è, in questo caso, fuorviante.

Come è fuorviante metterla sul piano della "simpatia" personale per Tizio o per Caio; a me Ferrara piace anche, guarda un pò, ma non è neanche questo il punto.

Il punto è: la Rai Radiotelevisione Italiana è un'azienda pubblica, finanziata dai cittadini con canone governativo e, ove non bastasse il gettito, e non basta mai, con adeguata quota di tasse statali.

E' un'azienda sul mercato e con il mercato si confronta; noi ne siamo i finanziatori.

Se lo stipendio stellare di un conduttore è la decima parte di quanto il suo programma fa incassare all'azienda che lo manda in onda, si può anche discutere di quanto quella cifra sia sproporzionata e perfino offensiva, o di quanto lo siano i contenuti della sua trasmissione, ma commercialmente non c'è niente da ridire; quel conduttore è un bene per l'azienda, perchè la fa guadagnare.

Ferrara sa, e non solo lui, che "

Aggiornamento 2:

"gli spettatori scappano", come già scappano da quella sottospecie di cinegiornale Luce che lo precede, e con gli spettatori scapperanno anche gli inserzionisti pubblicitari, quindi il suo stipendio è un costo vivo e non la sua parte di un guadagno procurato.

Una perdita già messa in conto.

Si buttano soldi di tutti per fare un favore a qualcuno; è accettabile?

Aggiornamento 3:

CB27- Santiddio figliolo, Berlusconi non gestisce la Rai?

Il miglior Utilizzatore Finale degli ultimi 150 anni "gestisce" un governo che a sua volta "gestisce" i dirigenti che a loro volta gestiscono la Rai.

Ergo: secondo te da che parte pende la gestione della Rai?

15 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Il problema principale non è paragonare il suo compenso con quello degli altri, bensì il fatto che, come in molti altri casi di cui siamo a conoscenza ( vedi anche, tra l' altro, la compravendita delle vacche in Parlamento) si tratti di ricompensa ( pubblica) per l' operato già svolto a favore dell' interesse di un singolo ( privato).

    E se si vuole premiare pecuniaramente i propri impiegati propagandisti, che si caccino le mani nelle private tasche... piuttosto che nei fondi pubblici, pagati come al solito dalle classi medio-basse dello stato.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    - La Clerici prente un milione e ottocentomila euro all'anno....

    Masi 700.000....pure all'anno

    - Morandi ha preso 500.000 ero al giorno per Sanremo

    - Benigni 200,000 pure a Sanremo

    - La suocera di Fini un milione e mezzo di euro dalla RAI...

    Queste son le cifre in RAI....beati loro...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Guarda, mettiamola così:

    Un servizio pubblico deve essere pluralista, quindi mi può andare bene anche che Ferrara ci sia.

    Sul suo cachet, faccio lo stesso ragionamento, invertito, che molti fanno su quello di Santoro.

    -Se pagato con soldi pubblici, è troppo alto.

    -MA, la paga di santoro è interamente (e abbondantemente) ripagata dagli sponsor.

    -QUINDI se gli spazi pubblicitari nella trasmissione di ferrara (verosimilmente un solo break, visto che è molto corta) saranno venduti a un prezzo sufficiente a remunerare il ciccione e i costi della trasmissione, per me ci può stare.

    -DIVERSAMENTE, è una trasmissione in perdita. Non dico che vada rimossa, proprio per ragioni di pluralismo, ma andrebbe ritoccato il suo costo, a cominciare dalla remunerazione del trippone.

    @Mirta: comunque, in questo caso, eticamente, Mirta ha ragione. Spesso diciamo "ma tanto sono soldi degli sponsor e non pubblici" scordandoci che "gli sponsor" sono aziende con un budget. I soldi che destinano a questi scopi, li devono poi tirare fuori da qualche altra parte. Magari potrebbero usarne una parte (non tutti: non dico di non fare pubblicità!) per dare stipendi più dignitosi ai loro dipendenti.

    Se i signori dello spettacolo percepissero uno stipendio mensile di 10.000 euro al mese anzichè 60.000, credo vivrebbero agiatamente lo stesso!

    @CB27: fammi capire, ora i soldi pubblici sono soldi di Berlusconi?

    @CB27: ti chiarisco una cosa, perchè non ce l'hai mica chiara: Ferrara lavorerà sulla RAI, la televisione PUBBLICA, non su Mediaset.. Lo stipendio gli sarà pagato dalla RAI, con i soldi pubblici RAI non da Berlusconi in persona.

    Capito, ora, la questione?

    Fonte/i: Nel giorno del giudizio universale Satana è preoccupato "Oddio, stanno arrivando i cinesi! Dove li metto... dove li metto.... ah ecco! Ferrara, spostati! Bene, ora c'è lo spazio per i cinesi!"
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    ti scandalizzi?

    io dopo aver saputo che sono stati reclutati disoccupati per la manifestazione in piazza san giovanni a roma con un compenso di 100€ per il solo fatto di far numero e indossare la maglietta "meno male che silvio c'è"....non mi scandalizzo più!

    ovvio che non è accettabile.

    ieri sera guardavo le iene....un celebroprivo, tale nando del gf11, per un servizio fotografico intascava 11mila €....stic@zzi mi vien da dire!!!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Tara
    Lv 7
    9 anni fa

    Ha anche la faccia tosta di spiattellare queste cifre di fronte a gente che deve campare con 500 euro al mese.Ma il sentirci impotenti di fronte a questi soprusi,fa scattare una rabbia indescrivibile.Ormai ci sfidano.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Mirta
    Lv 5
    9 anni fa

    NO

    Troppi, troppi, troppi, anche per il miglior giornalista del mondo.

    Troppi anche per Fazio circa due milioni di euro annui, o per Benigni e Saviano, troppi per il Sant'orotelepredicatore che tenta di scuotere le coscienze a mezzo Tv tentando di convertire i suoi telespettatori a una ideologia morta e sepolta.

    Troppi e inaccettabili davanti alla miseria di migliaia di pensionati, ai giovani precari, alle famiglie monoreddito che fanno i salti mortali per poi non arrivare a fine mese.

    A te non sembrano troppi anche i contratti ipermilionari sopra citati? O solo uno è inaccettabile?

    ahahahhhhhhh!!! come al solito ..... Si buttano soldi di tutti per fare un favore a qualcuno; è accettabile? LA RISPOSTA ETICA MORALE sinistra cattocomunista ornitologa giustizialista ....... .NOOOOOOOOOOOOO

    E' però accettabile se li diamo a Fazio e a compagnia bella cantante inno bandiera rossa.

    Ahahahhhhhhh!!!! a me non me ne frega niente, a me non m'è simpatico nessuno e DICO che PERCEPISCONO TROPPO TUTTI per essere pro e contro e a favore o sfavore di QUALCUNO.

    Che c'è da discutere oltre?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Guardo La7 già da un bel po'. La cosa migliore da fare è far sprofondare gli ascolti, e Ferrara insieme a loro. Per le retribuzioni, purtroppo hanno ragione quelli che ti hanno ricordato altri emolumenti sparpagliati a destra e a sinistra, con soldi nostri. Ciò che trovo davvero immorale è che gli stipendi di chi va in TV non hanno rapporto alcuno con gli stipendi della gente "normale", cioè i nostri. Che ci devono fare con tutti quei soldi, comprarsi gli abiti "di rappresentanza", pagarsi il parrucchiere e l'estetista? per me è incomprensibile.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    non saprei ho idee contrastanti a riguardo... il riferimento al ricercatore non è corretto, sono due cose diverse... ferrara è uno che ironizza su se stesso... non è assolutamente accettabile che il premier abbia un difensore dopo quello schifo di tg.....il fatto che il servizio pubblico spende 3000 € al giorno sono affari dell'amministrazione, potremmo anche dire che 250.000 euro sono troppi per benigni, che bravo quanto vogliamo però non se li meriterebbe perchè attacca silvio, è un discorso che non si può fare....

    quello che non è accettabile è che silvio è premier dal 94' e gli italiani lo votano pure. poi lui compra qualche "RESPONSABILE" e il gioco è fatto.. l'Italia a volte mi fa schifo e gli italiani stupidi pure.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • No, non è accettabile.

    Però è accettato, obtorto collo magari, ma accettato...

    Eppure basterebbe così poco, una semplicissima e stupidissima regoletta che più o meno reciti:

    "Le trasmissioni di intrattenimento che non raggiungono almeno la completa e totale copertura delle spese di realizzazione aumentata del 20% non saranno messe in onda. Le trasmissioni di approfondimento politico e/o di costume che non raggiungano almeno il pareggio dei costi non saranno messe in onda. Le trasmissioni di servizio, di divulgazione scientifica e culturale sono escluse da questi parametri.I dirigenti sono ritenuti direttamente e personalmente responsabili di eventuali perdite finanziarie che originino dalle loro scelte".

    Avremmo sanato buona parte dei problemi in Rai, salvato la sua specifica caratteristica di servizio pubblico e legato la parte commerciale a delle serie regole commerciali, e assegnato delle giuste responsabilità a dirigenti che troppo spesso vanno in direzione opposta al bene dell'azienda, depotenziando parecchio anche l'influenza politica in quelle scelte.

    Però nessuno che potrebbe farlo lo fa, nè promette di farlo se potesse.

    E i cittadini continuano a pagare in silenzio...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Guadagna tanto perchè si deve nutrire, povero Giulianino.

    La ciccia costa

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.