Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 10 anni fa

Devo fare un TEMA per un film: IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE. Mi aiutate? :)?

Devo fare questo tema scrivendo delle frasi significative e un riassunto che non sia copiato pari pari di sana pianta da un sito. GRAZIE. : )

Aggiornamento:

Sono copiati par pari? Da che sito?

4 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Bruno è un bambino di otto anni, che durante la seconda guerra mondiale vive una vita agiata e confortevole in una bella casa di Berlino. Suo padre Ralf è un ufficiale nazista autoritario che si trasferisce con la famiglia in campagna per incarichi di lavoro. Bruno non è affatto contento di questo trasferimento: deve lasciare la sua bella casa e i suoi amici. Nella nuova casa non ha nessuno con cui giocare; in più sua mamma gli proibisce di "esplorare" i dintorni, vietandogli anche solo di andare nel giardino sul retro.

    Dalla finestra della sua camera, però, Bruno vede ogni giorno delle persone all'interno di un recinto, tutte uguali e vestite con un "pigiama" a righe. La mamma, a disagio di fronte alle sue domande, gli lascia credere che siano "contadini" al lavoro in una "fattoria". A Bruno però viene espressamente vietato di andare alla fattoria per giocare con i bambini che si trovano lì, perché sono "strani" e "diversi" da lui.

    Intanto a casa di Bruno arriva un nuovo istitutore, che educa lui e la sorella maggiore Gretel di 11 anni secondo l'ideologia nazista. Gretel, affascinata anche da un giovane tenente delle SS, Kotler, comincia ad aderire a questa ideologia; Bruno, invece, non riesce a capire perché gli ebrei debbano essere considerati cattivi, anche perché Pavel, un prigioniero ebreo che lavora in casa, è molto gentile con il bambino.

    Finalmente Bruno scopre il modo per "evadere" da casa e si lancia nell'esplorazione del bosco vicino, fin quando non arriva alla tanto agognata fattoria. Qui, oltre una barriera di filo spinato, incontra un bambino ebreo polacco della sua età, Shmuel, anche lui con il pigiama a righe. Parlando con Shmuel, Bruno comincia a capire che nella fattoria c'è qualcosa che non va, qualcosa di brutto, e che proprio suo padre ne è responsabile. Infine, una sera, Pavel viene ucciso dal tenente delle SS e Gretel rivela al fratello che la "fattoria" non è che un lager.

    Bruno è sconcertato nello scoprire che suo papà, un eroico soldato, faccia cose tanto cattive. Nello stesso tempo la mamma comincia a comportarsi in modo strano; in realtà la donna ha scoperto che il campo è dotato di forni crematori, ed è quindi un campo di sterminio, e affronta il marito affermando di non voler essere complice di un simile orrore.

    Un giorno Bruno ha una bella sorpresa: Shmuel è stato portato in casa, con il compito di lucidare l'argenteria in vista di una grande festa. Felice di vedere l'amico, Bruno gli offre dei dolci: ma quando il tenente delle SS, che li sorprende insieme, lo accusa di aver dato cibo a un "verme" ebreo, Bruno si spaventa e nega; di conseguenza, Shmuel viene duramente picchiato e ricondotto al lager. Bruno è pentito e vergognoso del suo atto di vigliaccheria, ma si consola quando vede un film di propaganda nazista in cui i lager sono rappresentati come pacifici villaggi; il bambino si convince che il suo papà è un brav'uomo di cui può essere orgoglioso. Ora desidera soltanto fare la pace con il suo amico Shmuel.

    Il papà gli dice però che, d'accordo con la mamma, lui e Gretel andranno presto a stare con la zia, in un luogo più adatto a dei bambini. Bruno corre ad avvertire Shmuel, e lo trova assai preoccupato: il padre, ciabattino del lager, è scomparso. Bruno scopre di poter passare sotto il filo spinato, e si offre di aiutare Shmuel a trovare il suo papà, in modo da farsi perdonare. I due bambini decidono di compiere questa "missione segreta" il giorno successivo, appena prima della partenza di Bruno.

    Secondo il "piano", Shmuel procura un altro "pigiama" e Bruno, mimetizzato, entra nel lager; qui si rende conto che la realtà è molto diversa dal film di propaganda che aveva visto, e vuole tornare a casa. Poi però non riesce ad abbandonare l'amico ed entra con lui in una delle baracche del campo.

    Intanto, a casa, la mamma e Gretel si accorgono della scomparsa di Bruno e ne seguono le tracce, fino a scoprire che il bambino si è inoltrato nel bosco; corrono allora ad avvertire il papà che si precipita alla sua ricerca. Scoppia un tremendo temporale, proprio quando il papà arriva al reticolato e trova i vestiti di Bruno: capisce allora che il figlio deve essere nel campo.

    Bruno è sempre nella baracca con Shmuel e fatica a capire quello che vede e sente, quando scoppia un gran trambusto: tutti urlano, e cominciano a correre fuori. Guardie armate di bastone li spingono, e chi rimane indietro viene ucciso. Alla fine tutti entrano in un edificio di cemento: Bruno pensa che sia un riparo dalla pioggia, ma qualcuno spiega che sono lì per fare la doccia. Bruno e Shmuel si spogliano, poi tenendosi per mano entrano con tutti gli altri in una stanza. La porta di ferro viene chiusa e la luce si spegne. Quando il papà di Bruno arriva alla camera a gas, c'è solo silenzio. Il film si conclude con lo spegnimento delle luci dell'edificio, il che lascia intendere che ormai per Bruno e Shmuel non ci sono più speranze.

  • 10 anni fa

    Trama

    Bruno è un bambino tedesco di otto anni, che nel 1942, durante la seconda guerra mondiale vive una vita agiata e confortevole in una bella casa di Berlino. Suo padre Ralf è un ufficiale nazista autoritario che, dopo una promozione, si trasferisce con la famiglia in campagna per incarichi di lavoro. Bruno non è affatto contento di questo trasferimento: deve lasciare la sua bella casa e i suoi amici. Nella nuova casa non ha nessuno con cui giocare; in più sua mamma gli proibisce di "esplorare" i dintorni, vietandogli anche solo di andare nel giardino sul retro. Dalla finestra della sua camera, però, Bruno vede ogni giorno delle persone all'interno di un recinto, tutte uguali e vestite con un "pigiama a righe". La mamma, a disagio di fronte alle sue domande, gli lascia credere che siano "contadini" al lavoro in una "fattoria". A Bruno però viene espressamente vietato di andare alla fattoria per giocare con i bambini che si trovano lì, perché sono "strani" e "diversi" da lui.

    Intanto a casa di Bruno arriva un nuovo tutore, che educa lui e la sorella maggiore Gretel di 12 anni secondo l'ideologia nazista. Gretel, affascinata anche da un giovane tenente delle SS, comincia ad aderire a questa ideologia; Bruno, invece, non riesce a capire perché gli ebrei debbano essere considerati cattivi, anche perché Pavel, un prigioniero ebreo che lavora in casa, è molto gentile con il bambino. Finalmente Bruno scopre il modo per "evadere" da casa e si lancia nell'esplorazione del bosco vicino, fin quando non arriva alla tanto agognata fattoria, in realtà un campo di concentramento, dove conosce Shmuel, un bambino ebreo rinchiuso nel campo, i due bambini diventano subito amici. Bruno va a trovarlo tutti i giorni portandogli del cibo. Un giorno, Bruno scopre di poter oltrepassare il filo spinato che lo separa dal campo, e si offre così di aiutare Shmuel a trovare il suo papà, che non vede da tre giorni. Shmuel procura un altro "pigiama" e Bruno, mimetizzato, entra nel lager. Ad un certo punto scoppia un gran trambusto: le guardie armate di bastone spingono gli ebrei e li fanno entrare in un edificio di cemento. Dopo essersi spogliati pensando si dovessero fare una doccia, Bruno e Shmuel, tenendosi per mano, vedono aprire una botola sul tetto dell'edificio da dove entra un gas nocivo all'uomo. La madre di Bruno si accorge dell'assenza del figlio quando non lo vede più in giardino, sull'altalena; pensa subito al peggio e avverte il marito che lo fà cercare dai suoi uomini anche vicino al campo di concentramento dove trovano un passaggio aperto nella recinzione di filo spinato e i vestiti di Bruno. Quando il papà di Bruno arriva alla camera a gas c'è solo silenzio: la loro morte è già giunta.

    Differenze con il libro

    Nel libro, Bruno ha nove anni e non otto, come viene detto nel film.

    Nel libro il campo di concentramento è a meno di 20 metri di distanza dalla nuova casa di Bruno, nel film invece è più lontano.

    Nel film i familiari scoprono subito la fine del bambino, mentre nel libro passano alcuni mesi e non si vede l'arrivo delle truppe alleate.

    Gretel nel film è molto più gentile con Bruno che nel libro.

    Il tenente Kotler nel libro viene cacciato perché provava simpatia per la madre di Bruno, invece nel film viene cacciato per tradimento del padre al regime.

    Nel libro, Bruno, quando passa dall'altra parte della rete, ha i capelli rasati perché ha preso i pidocchi, mentre nel film è l'unico dalla parte della rete ad avere ancora i capelli.

    Il padre di Bruno si chiama Louis nel libro e Ralf nel film.

    Fonte/i: 10 punti...
  • Anonimo
    10 anni fa

    Bruno è un bambino di otto anni, che durante la seconda guerra mondiale vive una vita agiata e confortevole in una bella casa di Berlino. Suo padre Ralf è un ufficiale nazista autoritario che si trasferisce con la famiglia in campagna per incarichi di lavoro. Bruno non è affatto contento di questo trasferimento: deve lasciare la sua bella casa e i suoi amici. Nella nuova casa non ha nessuno con cui giocare; in più la sua mamma gli proibisce di "esplorare" i dintorni, vietandogli anche solo di andare nel giardino sul retro.Dalla finestra della sua camera, però, Bruno vede ogni giorno delle persone all'interno di un recinto, tutte uguali e vestite con un "pigiama" a righe. La mamma, a disagio di fronte alle sue domande, gli fa credere che siano "contadini" al lavoro in una "fattoria". A Bruno però viene espressamente vietato di andare alla fattoria per giocare con i bambini che si trovano lì, perché sono "strani" e "diversi" da lui.Intanto a casa di Bruno arriva un nuovo istitutore, che educa lui e la sorella maggiore Gretel secondo l'ideologia nazista. Gretel, affascinata anche da un giovane tenente delle SS, comincia ad aderire a questa ideologia; Bruno, invece, non riesce a capire perché gli ebrei debbano essere considerati cattivi, anche perché Pavel, un prigioniero ebreo che lavora in casa, è molto gentile con il bambino.Finalmente Bruno scopre il modo per "evadere" da casa e si lancia nell'esplorazione del bosco vicino, fin quando non arriva alla tanto agognata fattoria. Qui, oltre una barriera di filo spinato, incontra un bambino della sua età, Shmuel, anche lui con il pigiama a righe. Parlando con Shmuel, Bruno comincia a capire che nella fattoria c'è qualcosa che non va, qualcosa di brutto, e che proprio suo padre ne è responsabile. Infine, una sera, Pavel viene ucciso dal tenente delle SS e Gretel rivela al fratellino che la "fattoria" altro non è che un lager.Bruno è sconcertato nello scoprire che il suo papà, un eroico soldato, faccia cose tanto cattive. Nello stesso tempo la mamma comincia a comportarsi in modo strano; in realtà la donna ha scoperto che il campo è dotato di forni crematori, ed è quindi un campo di sterminio, e affronta il marito affermando di non voler essere complice di un simile orrore.Un giorno Bruno ha una bella sorpresa: Shmuel è stato portato in casa, con il compito di lucidare l'argenteria in vista di una grande festa. Felice di vedere l'amico, Bruno gli offre dei dolci: ma quando il tenente delle SS, che li sorprende insieme, lo accusa di aver dato cibo a un "verme" ebreo, Bruno si spaventa e nega; di conseguenza, Shmuel viene duramente picchiato e ricondotto al lager. Bruno è pentito e vergognoso del suo atto di vigliaccheria, ma si consola quando vede un film di propaganda nazista in cui i lager sono rappresentati come pacifici villaggi; il bambino si convince che il suo papà è un brav'uomo di cui può essere orgoglioso. Ora desidera soltanto fare la pace con il suo amico Shmuel.Il papà gli dice però che, d'accordo con la mamma, lui e Gretel andranno presto a stare con la zia, in un luogo più sicuro (sul campo cominciano incursioni aeree nemiche) e più adatto a dei bambini. Bruno corre ad avvertire Shmuel, e lo trova assai preoccupato: il padre, ciabattino del lager, è scomparso. Bruno scopre di poter passare sotto il filo spinato, e si offre di aiutare Shmuel a trovare il suo papà, in modo da farsi perdonare. I due bambini decidono di compiere questa "missione segreta" il giorno successivo, appena prima della partenza di Bruno.Secondo il "piano", Shmuel procura un altro "pigiama" e Bruno, mimetizzato, entra nel lager; qui si rende conto che la realtà è molto diversa dal film di propaganda che aveva visto, e vuole tornare a casa. Poi però non riesce ad abbandonare l'amico ed entra con lui in una delle baracche del campo.Intanto, a casa, la mamma e Gretel si accorgono della scomparsa di Bruno e ne seguono le tracce, fino a scoprire che il bambino si è inoltrato nel bosco; corrono allora ad avvertire il papà che si precipita alla sua ricerca. Scoppia un tremendo temporale, proprio quando il papà arriva al reticolato e trova i vestiti di Bruno: capisce allora che il figlio deve essere nel campo.Bruno è sempre nella baracca con Shmuel e fatica a capire quello che vede e sente, quando scoppia un gran trambusto: tutti urlano, e cominciano a correre fuori. Guardie armate di bastone li spingono, e chi rimane indietro viene ucciso. Alla fine tutti entrano in un edificio di cemento: Bruno pensa che sia un riparo dalla pioggia, ma qualcuno spiega che sono lì per fare la doccia. Bruno e Shmuel si spogliano, poi tenendosi per mano entrano con tutti gli altri in una stanza. La porta di ferro viene chiusa e la luce si spegne. Quando il papà di Bruno arriva alla camera a gas, c'è solo silenzio. Il film si conclude con lo spegnimento delle luci dell'edificio, il che fa capire chiaramente che ormai per Bruno e Shmuel non ci sono più speranze.

    Fonte/i: -Quello che puoi sapere del mio lavoro qui Bruno è che è molto importante per il nostro paese. -Te lo avevo detto che erano strani... vanno in giro in pigiama! -Tu sei il mio miglior amico Shmuel... il mio amico per la pelle -Anche se Bruno era basso per la sua età, la sua mano era sana e piena di vita. Le vene non si vedevano attraverso la pelle, le dita non erano poco più di bastoncini secchi. La mano di Shmuel raccontava una storia molto diversa. -Shmuel non piangeva più. Guardava il pavimento, come per convincere la sua anima a non vivere più nel suo corpicino, ma scivolare via e volare attraverso la porta fino in cielo, veleggiando fra le nuvole fino a sparire lontano e non tornare mai più in questo mondo.
  • Anonimo
    10 anni fa

    Il bambino col pigiama a righe, è questo il titolo del romanzo scritto da Boyne John, ambientato nel 1940, periodo nazista, ad “auscit”. È questo il nome che dà Bruno, un bambino di appena nove anni, al luogo dove è costretto a trasferirsi con la famiglia a causa del lavoro del padre. Qui Bruno vive delle esperienze e vede delle cose che non capisce, ma che comunque nessun bambino e nessun adulto dovrebbe mai vedere. La casa ad “auscit” è completamente diversa dalla casa in cui Bruno abitava inizialmente, infatti questa era molto più piccola, e dalla sua finestra non vede più strade e bancarelle, ma soltanto una grande rete che contiene delle persone: queste portano tutte lo stesso pigiama a righe e un berretto di tela in testa. Bruno adorava la casa di Berlino, soprattutto perché era grande ed ogni giorno aveva sempre qualcosa di nuovo da esplorare, ma lì ad auscit non c’è nulla da esplorare. Questo spinge il bambino a cercare divertimento al di fuori delle mura domestiche e ad esplorare la grande rete che ogni giorno vede dalla sua finestra. E li oltre la rete trova un nuovo amico : Shmuel. I due bambini, anche se diversi per alcuni versi, sono molto simili. Durante l’anno diventano grandi amici, anche se si limitano a parlare, perché a causa della rete che li divide non possono giocare assieme. Bruno decide di tenere la famiglia all’oscuro della sua nuova amicizia e di far si che sia tutta per se. Ed ogni giorno di quell’ anno esce di nascosto per andare a trovare il suo amico. Dopo un anno trascorso ad “aucsit” la madre decide di riportarlo a Berlino, e così Bruno decide di compire con Shmuel la sua ultima grande esplorazione.

    Il titolo del libro è naturalmente riferito al modo di vestire di Shmuel e di tutte quelle altre persone al di là della rete, che Bruno chiama appunto in pigiama.

    Il protagonista di questo libro è Bruno un bambino di nove anni che è costretto al trasferimento da Berlino ad “auscit” a causa del lavoro del padre. La passione di bruno è esplorare e scoprire cose nuove. Con questo personaggio l’autore ci fa vivere una vicenda, che è stata sicuramente una delle peggiori avvenute nel corso della storia, attraverso gi occhi di un bambino, che sicuramente non capisce la gravità della situazione. Un bambino che subisce forti condizionamenti dai parenti ( in modo particolare dal padre), ma il cui modo di pensare ed agire resta innocente ed ingenuo. Il padre di Bruno lavora nell’esercito, ed’è a causa del suo lavoro che la famiglia è costretta al trasferimento, infatti “il Furio” dice che ha grandi progetti per lui. È un uomo molto rigido e attento al rispetto delle regole. Viene sempre ammirato dal piccolo Bruno, che lo vede come un idolo.

    Shmuel è l’amico di Bruno che vive dall’altra parte della rete con tutte l altre persone che indossano il pigiama a righe, è nato lo stesso giorno di Bruno, ed ‘è il suo unico amico in quel brutto posto chiamato “auscit”. Shmuel è l’unico motivo che spinge bruno ad andare avanti e a resistere alle noiose giornate che gli si prospettavano di fronte. In breve tempo diventa il suo miglior amico. Gli altri due componenti della famiglia sono Gretel e la madre, queste sono entrambe coscienti di quello che si verifica dietro la rete e degli orrori che si svolgono al suo interno, ma nonostante questo partecipano passivamente alle vicende. Con questo libro l’autore ci vuole dare l’idea della diversità con cui i due bambini vivono la vicenda. Infatti vivendo da parti diverse della rete vivono in due mondi completamente diversi, nonostante questo ne Shmuel ne Bruno sono completamente coscienti di quello che accade loro intorno. Le terribili cose che avvengono all’interno della rete vengono amplificate viste dal punto di vista di un bambino. E nonostante vivono in due mondi completamente diversi l’amicizia che unisce i due bambini è simbolo dell’uguaglianza tra gli uomini, uguaglianza che magari non viene compresa dal padre, ma che si vede in maniera evidente attraverso la figura dei bambini. Questo libro mi è piaciuto molto, ha sicuramente un finale non scontato, e la sua lettura si adatta non solo ai ragazzi, ma anche agli adulti. Aiuta a non dimenticare il segno che l’olocausto ha lasciato all’umanità. Ci fa capire che tutti hanno dei sogni da piccoli e che inizialmente siamo tutti uguali, ma a causa dei pregiudizi verso le religioni, il colore della pelle e le altre nazionalità, spingono l’uomo a disprezzare gli altri, e come in questo caso, persino ad uccidere. E mette in chiara luce che il male che noi infliggiamo agli altri in qualche modo si ripercuote anche sulle persone a noi care. Bambini. Che hanno voglia di giocare, che non capiscono i grandi, che non sanno cosa sta accadendo attorno a loro. Perché vivono di favole che proprio i grandi desiderano annientare e basta, con il loro egoismo e con il loro egocentrismo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.