Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeIngegneria · 10 anni fa

AIUTO con un generatore di impulso elettromagnetico (EMP) ?

Sono un ricercatore medico, ma svolgo saltuariamente un secondo lavoro relativo l'informatica presso I.Net per il maintraining di sistemi Posix (standard IEEE 1003), maintraining sia hardware che software.

Ho bisogno di costruire un generatore di impulsi elettromagnetici (Electro-Magnetic Pulse [EMP] generator) per testare la schermatura di sistemi elettronici, soprattutto computer e mainframe, e la qualità dell'Hardware (che pago di più proprio perché, teoricamente, schermato).

CERCO SCHEMI PER LA SUA COSTRUZIONE, mi serve non troppo pesante né grande poiché lo devo trasportare, non solo nell'ambiente di lavoro ma anche in giro per la stanza stessa in cui lavorerà, non mi importa quanto complicato sia lo schema.

Do 10 punti a chiunque mi aiuterà a costruire un generatore di impulsi elettromagnetici con un'onda stabile (usabile quantomeno per i test) e che possibilmente, ma non necessariamente, scali di poco la frequenza per poterlo utilizzare al meglio ...

Potete anche disegnare lo schema e inviarmelo per email dopo aver scritto qui che mi avete inviato le immagini per email o darmi il link di uno schema già fatto ... grazie anticipatamente, anche se penso che avrò ben poche risposte ...

GRAZIE MILLE COMUNQUE!!!

Aggiornamento:

In poche parole dici di alimentare il condensatore e collegarlo all'induttanza avvolta in fil di rame grosso al cui centro inserisco un nucleo ferroso, in teoria con 24v ed un impiantino fatto bene potrei produrre un impulso elettromagnetico sufficiente a interagire con una schermatura di un mainframe zEnterprise con z196 o un System z10 ? Se non li conosci ... sono mainframe che hanno un sistema di schermatura proprio basica che li dovrebbe proteggere dagli impulsi elettromagnetici ambientali e casuali, non causali, è proprio una schermatura basica, dovrebbe funzionare ? Comunque un induttanza radiale a 68 mH potrebbe andar bene ? O devo usarne una assiale ? Non sono molto esperto di questo tipo di circuiti ...

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Risposta preferita

    Generare una serie di impulsi elettromagnetici tali da influenzare un oggetto a distanza è difficile, e richiede potenze non indifferenti...

    Ma generare impulsi che interagiscano da vicino è relativamente facile, con un condensatore, una induttanza e un nucleo ferroso

    Carichi il condensatore, poi lo colleghi all'induttanza e questa genera una variazione del campo elettromagnetico, il nucleo ferroso lo inserisci all'interno dell'induttanza... ovviamente la distanza a cui l'impulso continuerà a perturbare lo spazio sarà legata alla potenza sviluppata dall'attrezzo.... ma diciamo che se non vuoi correre il rischio di cuocerti da solo meglio tenere le potenze basse e lavorare da vicino XD

    È lo stesso concetto utilizzato nei trasformatori (quelli non switching) e negli alimentatori wireless!

    Risposta ai dettagli aggiuntivi:

    Guarda sinceramente io di elettronica ne capisco poco niente. Ho studiato al liceo scientifico e la parte di elettronica è stata più che trascurata a favore della fisica dei quanti e adesso sto studiando ingegneria meccanica e sono ancora al primo anno, ho iniziato fisica 2 da un paio di settimane! XD

    Quindi purtroppo più di così posso darti solo supposizioni.

    Quello che consiglio io, è di realizzare una induttanza assiale (un tipo un filo avvolto su una matita) avvolto su un nucleo ferroso che a parità di effetto induttivo dovrebbe garantire la necessità di meno spire se non ricordo male.

    Ecco un'idea del circuito che dovrai realizzare:

    http://www.aostanet.com/astro-radio/videoregistrat...

    A dire la verità non è molto simile, ma meglio di niente è come partenza.

    Se aspetti stasera o domani ti faccio un disegno di quello che ho in mente, così magari puoi vedere cosa intendo.

    Secondo edit:

    Ecco cosa intendo

    http://img69.imageshack.us/img69/7347/immagineek.j...

    Insomma un circuito RLC.

    Un circuito del genere, dovrebbe oscillare all'infinito se la resistenza del tutto tende a zero, ma dato che dubito che sia possibile realizzare una cosa del genre, diciamo che darà alcuni impulsi utili poi l'induzione sul circuito bersaglio calerà progressivamente.

    In Teoria basterebbe un circuito LC, però poi devi scaricarlo altrimenti il condensatore ti rimane carico, e le scosse capacitive non sono molto divertenti... per farlo hai due possibilità:

    O ci metti un potenziometro (come quello nel disegno che ho fatto) che normalmente sta a 0 (ossia conduce) mentre quando vuoi scaricare il circuito lo sposti verso un altro valore, oppure metti una resistenza in parallelo al circuito collegata tramite un interruttore.

    Il vantaggio del primo sistema è che ti consente di regolare la velocità con cui si scarica l'apparecchio, lo svantaggio è che ti serve un potenziometro ben raffreddato, altrimenti ti prende fuoco.

    Il secondo sistema invece è più semplice ma non hai controllo sulla velocità di scaricamento.

    Più o meno i costi si equivalgono, però il potenziometro potrebbe essere difficile da reperire.

    Per il funzionamento di un circuito RLC, anche se sono sicuro che tu già lo conosca, ti do un link:

    http://www.walter-fendt.de/ph14i/osccirc_i.htm

    Qui trovi un simulatore di circuito RLC, puoi anche variare i parametri entro un certo range.

    Come vedi, teoricamente può darti molti impulsi a resistenza zero, ma come ti ho già detto secondo me non riesci ad avere molti impulsi utili...

    Per come dimensionare i componenti... dipende da cosa vuoi..

    A che frequenza vorresti che oscillasse?

    Scusa c'è qualche imprecisione, ma come ti ho scritto prima non è il mio campo :D

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.