può una madre dopo il parto rifiutare l'allattamento e preferire il biberon?

scusate sarò un po' più dura del solito, ma non voglio giudizi di alcun tipo nè prediche sull'allattamento materno ecc.

è una situazione un po' così, ma non voglio parlarne.

tuttavia dato che mi è impossibile attingere a esperienze personali, potrei come madre chiedere di non attaccare il bambino al seno e che venga usato il biberon non so se tirando il latte o con il latte in polvere?

aiutatemi per favore, è una situazione che mi sta a cuore

Aggiornamento:

cioè voglio dire capisco che le ostetriche predicheranno il contrario e la guarderanno storto, ma in teoria

non dovrebbe andare incontro a nulla tipo chiamare psicologa o segnalarla per depressione ecc...

Aggiornamento 2:

a onor di cronaca, non è per me

21 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    certo che si può e non si è tenuti nemmeno a giustificarsi, quando è nato il mio primo figlio la mia compagna di stanza in sala parto subito dopo che è nato il figlio si è fatta dare le pastiglie per non far nemmeno venire la montata, aveva le sue ragioni che non ha dovuto spiegare a nessuno, l'ospedale le ha fornito l'artificiale per i giorni di ricovero e ogni tot ore andava il nido a scaldarlo..Allattare non è un obbligo, ci possono essere motivi fisici o psicologici per cui una persona non se la sente ma può anche essere che semplicemente una mamma non ne abbia voglia e nessuno può mettere bocca in una decisione totalmente personale

    ----------------

    no appunto, come dici, magari cercheranno di convincerla, le chiederanno se davvero non vuole nemmeno provare ma non possono segnalare un bel niente a nessuno, non fa violenza sul bimbo, non lo maltratta ne niente..semplicemente lo nutrirà diversamente, lei non è nemmeno tenuta a dire PERCHE' non vuole! Ricorda però a questa persona di chiedere le pastiglie per mandare indietro il latte se non vuole poi ingorghi e problemi vari!

  • 10 anni fa

    Nel mio caso si, visto che ho tanti problemi con il mio seno e nella seconda gravidanza e' stata proprio l' ostetrica conoscendo la mia situazione a consigliarmelo.

  • Elena
    Lv 5
    10 anni fa

    ovvio che puoi.. figlio tuo... puoi richiedere di alimentarlo in altro modo. nessuna predica sull'allattamento ma se proprio non è possibile allattarlo al seno almeno è consigliabile usare il proprio latte levandolo con un tiralatte. calcola però che il tiralatte, soprattutto all'inizio prima della montata lattea, in alcuni casi può provocare dei disagi. ad ogni modo le ostetriche e le infermiere del repartoti sapranno indicare il modo corretto di usarlo... con il passare del tempo ti devo però dire che primo: la tiralatte non è paragonabile alla suzione del bimbo quindi non stimolando il seno correttamente è difficile che tu riesca ad avere latte per più di 6 mesi, soprattutto quando si iniza lo svezzamento il seno viene meno stimolato perchè la richiesta alimentare cambia, secondo.... sono due scatole alucinanti: impieghi il doppio del tempo per ciascun pasto, notte compresa se vuoi mantenere buona la quantità del latte prodotto. Quindi.. onestamente nessun giudizio su questa scelta, figlio tuo, alla sua salute ci devi pensare te...ma guarda... veramente è spossante un allattamento con latte materno e tiralatte... io non sono riuscita ad arrivare oltre i 3 mesi e mezzo... non avevo nemmeno tempo per respirare.. avevo disponibile tra un pasto e l'altro 45 min al max 1 ora... cmq spero che queste info ti siano utili.

    Fonte/i: personali
  • Ti parlo per esperienza personale e ti dico che si puo' fare assolutamente...

    Al massimo ci sarà un convincimento da parte delle ostetriche o infermiere per allattare,ma una volta che le si dice che non si vuole allattare per i proprio motivi(che non si è dovuti a spiegare alle infermiere)danno il biberon e basta...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    Mia cognata era traumatizzata all' idea di allattare suo figlio perché sua madre aveva perso due (e dico 2!) bambini dopo alcuni mesi dalla nascita a causa del suo latte, parliamo del 1958/60 dove inspiegabilmente i bambini sono morti e attribuirono solo al secondo decesso la causa al suo latte (cosa avesse non l' ho mai capito!), pensava di aver ereditato chissachè e provò in ospedale ma con un' ansia terribile, non spiegò nulla alle ostetriche e quando al 3° giorno fu dimessa mio fratello andò a comprare il latte (consigliato dal pediatra alla dimissione).

    Il rifiuto senza "giusta" causa comunque nasconde qualcosa...mia madre non volle allattare mia sorella (nata 7 anni prima di me) causa un parto difficile dove rischiarono la vita entrambe e successiva crisi post-parto...mio padre però si fece aiutare dal dottore di famiglia che la seguì...

    io sono stata allattata da lei senza problemi....

  • una scelta libera e nessuno puo dirti cio che devi fare a me invece e successo il contrario le infermiere non volevano che llattassi al seno...ma non le ho ascoltate e sono ben 16 mesi k allatto ...forse xke mi vedevano piccola boh avevo 16 anni..,ma ki se ne frega

    Fonte/i: mamma da 16 mesi
  • 10 anni fa

    Certamente! E' una scelta assolutamente personale!

  • 10 anni fa

    assolutamente si..

    dove ho partorito io sono nazisti dell'allattamento al seno, ma c'era una signora che non voleva allattare, ho sentito le ostetriche fare commenti sgradevoli ma il bibe al bambino lo davano; per fortuna è una libera scelta della madre allattare o meno...

  • 10 anni fa

    certo che si! e non ci si deve sentire in colpa per questo!!! sicuramente ti sentirai dire che i bambini crescono meglio con il latte materno e che hanno bisogno del contatto con la mamma. ma dare il biberon è comunque un momento intimo solo tuo e del tuo bambino, e il contatto c'è comunque, perchè lo abbracci forte e con immenso amore lo stesso. io ho fatto questa scelta per problemi lavorativi. la mia bambina sta benissimo e cresce in perfetta forma e felice. sa che la sua mamma le vuole un bene dell'anima anche se non l'ha allattata al seno. e questo nonostante tutti i benpensanti che mi hanno tacciata di egoismo... non è stata una scelta facile, sia emotivamente che economicamente, ma non per questo io amo di meno mia figlia. penso che un figlio sia felice se anche la sua mamma lo è, quindi si deve fare ciò che si ritiene piu' giusto per se stessi

  • Simone
    Lv 6
    10 anni fa

    E' tuo pieno diritto prendere decisioni consapevoli.

    Se tu sai cosa esattamente significa ALLATTARE e cosa comporta per tuo figlio non farlo.....sei liberissima di scegliere.

    Ciaoooooo

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.