Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaCani · 1 decennio fa

descrizione di un pastore tedesco !!!!!!!!!!!!!!?

ciao a scuola ci hanno detto di fare una descrizione di un pastore tedesco, devo parlare delle abitudini cioè se gli piace uscire , fare delle passegiate , , cosa mangia , se gli piace giocare

10 punti al migliore

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il pastore tedesco è una razza canina di origine tedesca (come dice il nome). Il pastore tedesco viene anche chiamato pastore alsaziano, in quanto, nella Francia e nell'Inghilterra della prima guerra mondiale, ogni nome che ricordasse i popoli nemici veniva cambiato; così si diffuse l'uso di definire la razza pastore alsaziano. Questo uso si è in parte mantenuto fino ai giorni nostri per definire per lo più i soggetti di grande taglia e a pelo lungo.

    La sua dote principale è quella della versatilità di impiego in numerosi campi. Oggi viene raramente utilizzato come conduttore di gregge, mentre è molto diffuso nei servizi di protezione civile come cane da valanga, e da ricerca di persone disperse, sia in superficie che in macerie; è diffuso come cane da guida per ciechi (anche se in questo campo sta venendo soppiantato da razze come il Golden Retriever ed il Labrador Retriever), ed è diffusamente impiegato dalle Forze di Polizia di tutto il mondo come cane antidroga e antisommossa. Tutto questo oltre ad essere un eccellente cane da compagnia, oltre che da guardia della proprietà e da difesa personale. Il Pastore tedesco è anche una razza molto utilizzata nell'ambito cinematografico. In Italia la razza è ben allevata ormai da diversi decenni. La più importante manifestazione cinotecnica al mondo di questa razza è la "Siegerschau" che si svolge annualmente in Germania, alla quale partecipano centinaia di soggetti, tra i più rappresentativi del mondo. Attualmente dagli allevatori tedeschi viene fatta una dura selezione che adotta come criteri la funzionalità e il carattere.

    Fonte/i: wikipedia
  • John
    Lv 4
    4 anni fa

    Ci sono dei corsi apposta per imparare ad educare un cane...questo è uno dei migliori http://corsoaddestramentocani.latis.info/?El93

    L’educazione del cucciolo è sicuramente più semplice di quella del cane adulto, ma ricorda che non è mai tropo tardi per iniziare. Ogni cane apprende con velocità diverse e preferisce alcune modalità ad altre, ma sono davvero poche le cose che non si potranno insegnare al vostro amico

  • 1 decennio fa

    STORIA E CARATTERISTICHE DEL PASTORE TEDESCO

    La maggioranza delle persone, pensando ad un cane di razza, immagina immediatamente il Cane Lupo, o Pastore Tedesco, o Alsaziano, o più semplicemente il Lupo.

    Già il Cane da Pastore Tedesco è l’unico fra i cani che viene spesso chiamato semplicemente lupo, proprio come il progenitore di tutti i cani, lo sfuggente e affascinante cugino selvaggio, per il suo aspetto certo, ma anche per la sua regalità e per la sua intelligenza.

    Per comprendere appieno l’attuale evoluzione della razza, è necessario conoscere, almeno nei suoi tratti essenziali, le sue stesse origini e la storia dei cani e degli uomini protagonisti di questa meravigliosa esperienza.

    Dal XVII al XVIII secolo, negli ambienti agresti della sterminata pianura tedesca, la pastorizia forniva la lana ovvero la più importante materia prima di cui si poteva disporre ai fini tessili.

    Le pecore moltitudini di greggi, grandi e piccoli in tutto il territorio tedesco, i pastori dovevano guidare gli ovini di giorno e proteggerli di notte, spostandosi per migliaia di chilometri nelle lunghe transumanze.

    I nemici del gregge potevano essere di volta in volta i ladri, i lupi, i cani inselvatichiti e ancora una volta a coadiuvare i pastori, nella guardia come nella conduzione, c’erano numerosi cani anche molto differenti fra loro, eppure gran parte degli esemplari utilizzati proveniva da ceppi comuni, probabilmente originari della regione balcanica nella area geografica del Montenegro, della Serbia e della Macedonia.

    In questi territori infatti esisteva una millenaria tradizione pastorizia, e l’uomo si serviva da tempi immemorabili di cani di tipo lipoide, di media taglia estremamente efficaci nella duplice attitudine: conduzione degli armenti e guardia al gregge.

    E’ a partire da questi due presupposti che si svilupperà scientificamente, alla fine dell’800, la selezione del pastore tedesco moderno.

    Se comprendiamo appieno questo duplice impiego del pastore tedesco ai suoi albori, ci appariranno sempre chiare ed intelligibili le qualità morfologiche e caratteriali che appartengono alla razza oggi come ieri.

    Pensiamo alle enormi distanze da coprire mantenendo andature medie o lente, ciò ha fatto si che i pastori preferissero i cani che più di altri disponevano di un trotto ampio e leggero, caratteristica questa che consentiva a questi esemplari una grande resistenza.

    Quindi è inesatto pensare che la fissazione e la selezione morfo-funzionale degli angoli sia promotrice dell’efficacia del leggendario trotto del pastore tedesco, è vero invece il contrario: lo studio dello scheletro e la comprensione dei fulcri e delle leve è successiva ad una prima, lenta ed intuitiva selezione del leggendario trotto allungato del cane da pastore tedesco, selezione rustica realizzata efficacemente dai suoi antichi padroni.

    Nella conduzione vera e propria del gregge questi cani mordevano delicatamente (per un’inibizione dell’istinto predatorio) i garretti delle pecore che uscivano dalla formazione, e la chiusura a tenaglia del morso si rivelò meno dannosa per la lana.

    Il suo manto con il pelo da corto a medio, semi fitre e fitto, evitava al cane di impigliarsi negli arbusti del sottobosco oltre a consentire al cane di asciugarsi abbastanza in fretta dopo le forti piogge; i colori erano prevalentemente scuri, dal bruno al grigio al nero, così i pastori individuavano immediatamente la posizione dei cani nel movimento del gregge.

    Le dimensioni medie furono privilegiate per l’esigenza di avere soggetti dotati al contempo di agilità e forza, di resistenza e dinamismo, il cane da pastore doveva essere un cane non troppo pesante per i lunghi spostamenti da affrontare, ma allo stesso tempo di dimensioni sufficienti ad essere efficace nella guardia alle pecore ed ai pastori stessi.

    Il suo carattere doveva essere equilibrato e docile fra i gruppi di pastori, diffidente e impavido con gli estranei, che molto spesso in quegli anni erano ladri o malintenzionati.

    Con le pecore doveva avere un comportamento deciso, ma delicato, con reazioni e azioni misurate, con i lupi invece doveva essere aggressivo, ma senza lasciarsi andare ad attacchi sconsiderati e frenetici, anzi avrebbe dovuto conservare una certa freddezza in modo da coordinarsi agli altri cani nella difesa del gregge.

    Non poteva abbandonarsi alla foga, ma doveva calibrare i contrattacchi senza allontanarsi in inseguimenti che molto probabilmente l’avrebbero attratto in imboscate letali.

    Doveva infine obbedire ai secchi comandi del pastore con tempi di comprensione e reazione rapidissimi.

    Il cane dei pastori tedeschi eseguiva con dedizione e competenza questa enorme mole di compiti che gli venivano affidati, esaltandosi per una carezza ricevuta vicino al fuoco di un bivacco e rinfrancandosi nel fisico e nello spirito con il meritatissimo pasto, ricevuto alla fine della lunga e faticosa giornata.

    PS HO GUARDATO IN UN SITO X MAGGIORI INFORMAZIONI

  • 1 decennio fa

    http://www.ilpastoretedesco.com/index1.html

    LO STANDARD:

    origine: Germania

    classificazione F.C.I.:

    Gruppo 1 - Cani da pastore e bovari

    Sezione 1 - Cani da gregge con brevetto di lavoro

    impiego: Cane da utilità, cane da pastore e cane di servizio polivalente

    CARATTERI GENERALI

    Il Cane da Pastore Tedesco (PT) è di taglia media, leggermente allungato, forte e ben muscoloso, con ossatura asciutta e struttura solida

    L'altezza al garrese è da cm 60 a 65 per i maschi e da cm 55 a 60 per le femmine. La lunghezza del tronco supera la misura dell'altezza al garrese di circa il 10-17%.

    CARATTERE

    Il PT deve essere equilibrato, saldo di nervi, sicuro di sé, disinvolto e (salvo provocazione) di indole assolutamente buona. Deve essere altresì vigile e docile, per essere idoneo come cane da accompagnamento, da guardia, da difesa, di servizio e da pastore, deve possedere inoltre coraggio, combattività e tempra.

    TESTA

    La testa è cuneiforme e proporzionata alla taglia (lunghezza all'incirca del 40% dell'altezza al garrese), senza essere tozza o troppo allungata, asciutta nell'insieme e moderatamente larga tra le orecchie. La fronte, vista sia dal davanti che di lato, appare solo leggermente convessa, senza o con un solco mediano appena accennato. Il rapporto cranio-muso è 50:50%. La larghezza del cranio corrisponde all'incirca alla sua lunghezza. Vista dall'alto la testa si restringe regolarmente verso il muso cuneiforme, dalle orecchie al tartufo, con salto naso-frontale non molto accentuato. Mascella e mandibola sono ben sviluppate e forti. La canna nasale è diritta; è indesiderata una canna nasale avvallata o montonina. Le labbra sono tese, combaciano bene e sono di colore scuro

    http://www.inseparabile.com/cani/pastore_tedesco.h...

    Il pastore tedesco presenta spiccate caratteristiche di vivacità, attenzione, fedeltà, stato di perpetua vigilanza in caso di rumori e movimenti, atteggiamento privo di timore, ma sospettoso con gli estranei, a differenza dell'espansività mostrata da altre razze. È dotato inoltre di rilevanti doti mentali e di temperamento, che ne fanno senza dubbio uno dei cani più intelligenti e più indicati per la collaborazione con l'uomo. Il pastore tedesco è incondizionatamente devoto al proprio padrone, ama la compagnia dell'uomo tanto che i secoli di lavoro trascorsi con lui come cane pastore, lo hanno reso percettivo al massimo grado. Questo elemento si è rivelato molto importante per i suoi successi come cane poliziotto, come guida per i non vedenti, come cane da guardia e in molti altri servizi quali quelli delle squadre di soccorso nei casi di valanga e per le pattuglie militari. In questo ultimo caso, per esempio, i cani pastore sono stati talvolta direttamente autori del salvataggio di vite umane e inoltre alcuni pastori tedeschi si sono distinti per il loro coraggio nel corso di difficili missioni in tempo di guerra, tanto che alcuni di loro hanno ricevuto la medaglia per l'eroismo dimostrato.

    Il pastore tedesco mostra un innato senso protettivo, soprattutto nei confronti dei bambini, che accudisce come un vero e proprio guardiano. Coraggioso e molto generoso, il pastore tedesco è sempre pronto a difenderli da qualsiasi pericolo e ad avvisare il padrone se si presenta qualche problema.

    Educazione e addestramento – Tra le numerose doti appartenenti al pastore tedesco va segnalata anche la grande addestrabilità, non comune tra le razze di cani. Può essere così educato come ottimo cane da guardia o come perfetto amico e compagno per la famiglia, ma è importante e indispensabile che riceva un addestramento corretto da parte di una persona competente, in grado di far comprendere al cane chi è il capo e chi il subalterno, ma sempre con estrema sensibilità. Deve essere comunque il padrone a impartire gli ordini e a dare al cane le indicazioni di comportamento; solo in questo modo il cane sarà controllato in ogni momento, anche quando attacca, e da questo apprendimento dipenderanno le reazioni future dell'animale. Bisogna mantenersi coerenti sin da subito, impartendo gli ordini e mostrandosi inflessibili, senza ricorrere mai però alla violenza. Essendo abituato a rispettare la gerarchia del branco, deve capire da subito chi comanda, mantenendo il rispetto e la fiducia nei confronti del padrone. Vista la mole, necessita di molto esercizio fisico e ama infatti correre all'aria aperta: portatelo quindi fuori spesso e fate sport insieme. Se dovete assentarvi per alcuni giorni, colmatelo di attenzioni sia prima di partire sia al ritorno. Ricordatevi che questo cane preferisce mille volte ricevere carezze, coccole e parole dolci, piuttosto che una manciata di crocchette, per quanto appetitose possano essere.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    http://www.cinofilionline.it/razze/gruppo1/pastore...

    controlla questo sito...sto studiando come cinofila e devo aggiornarmi sempre sulle caratteristiche dei cani qui c'è una descrizione abbastanza dettagliata del pastore tedesco ^.^

  • 1 decennio fa

    Il pastore tedesco è una razza canina di origine tedesca (come dice il nome). Il pastore tedesco viene anche chiamato pastore alsaziano, in quanto, nella Francia e nell'Inghilterra della prima guerra mondiale, ogni nome che ricordasse i popoli nemici veniva cambiato; così si diffuse l'uso di definire la razza pastore alsaziano. Questo uso si è in parte mantenuto fino ai giorni nostri per definire per lo più i soggetti di grande taglia e a pelo lungo.

    La sua dote principale è quella della versatilità di impiego in numerosi campi. Oggi viene raramente utilizzato come conduttore di gregge, mentre è molto diffuso nei servizi di protezione civile come cane da valanga, e da ricerca di persone disperse, sia in superficie che in macerie; è diffuso come cane da guida per ciechi (anche se in questo campo sta venendo soppiantato da razze come il Golden Retriever ed il Labrador Retriever), ed è diffusamente impiegato dalle Forze di Polizia di tutto il mondo come cane antidroga e antisommossa. Tutto questo oltre ad essere un eccellente cane da compagnia, oltre che da guardia della proprietà e da difesa personale. Il Pastore tedesco è anche una razza molto utilizzata nell'ambito cinematografico. In Italia la razza è ben allevata ormai da diversi decenni. La più importante manifestazione cinotecnica al mondo di questa razza è la "Siegerschau" che si svolge annualmente in Germania, alla quale partecipano centinaia di soggetti, tra i più rappresentativi del mondo. Attualmente dagli allevatori tedeschi viene fatta una dura selezione che adotta come criteri la funzionalità e il carattere. Il pastore tedesco è un cane di taglia medio-grande, leggermente allungato, forte e ben muscoloso. Il carattere è equilibrato, dai nervi saldi e sicuro di sè, di indole normalmente tranquilla con i familiari, non si può però dire lo stesso del suo rapporto con altri animali ed umani estranei. È docile, caratterizzato da buona combattività, tempra e coraggio, caratteristiche che lo rendono facilmente addestrabile a tutti gli impieghi, dalla guardia alla difesa, dalla pastorizia all'accompagnamento.L'altezza media, per i maschi, è tra i 60 e i 65 cm ed il peso va dai 30 ai 40 kg. In media per le femmine l'altezza è tra 55 e 60 cm con peso tra 22 e 32 kg.

    Le patologie più ricorrenti, dovute più ad uno spregiudicato allevamento commerciale che ad una predisposizione morfologica, sono la displasia congenita dell'anca, del gomito e del ginocchio, la piodermite profonda, le fistole perianali.

  • Linux
    Lv 4
    1 decennio fa

    Il pastore tedesco: caratteristiche di razza

    - Translate

    Il pastore tedesco (German Shepherd), il cane per eccellenza nell'immaginario comune. Fedele compagno dell'uomo, il pastore tedesco è uno dei cani più diffusi al mondo.

    www.petclub.it/cani/razze/pastore-tedesco - Cached

    #

    PASTORE TEDESCO: Razza, Cane, Allevamento e Cuccioli

    - Translate

    Razza cane: PASTORE TEDESCO, Scheda, Origine ... Già il Cane da Pastore Tedesco è l’unico fra i cani che ... Divergenze dalle caratteristiche della razza come ...

    www.inseparabile.com/cani/pastore_tedesco.htm - Cached

  • Anonimo
    1 decennio fa

    d

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.