Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 10 anni fa

Racconto giallo....HelpHelp?

Mi fate un racconto giallo che parli di un corpo che galleggia con la faccia rivolta verso il basso nella piscina di un grande albergo che viene notato da un cameriere (questa scena viene osservata da una ragazza colpita dal fascino del cameriere) grazieeeee

10punti assicurati

1 risposta

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Era l’alba e una nebbiolina leggera si alzava facendo scintillare sotto i primi raggi del sole, l’acqua della piscina situata nel parco dell’hotel ai piedi delle dolomiti. Tutto era ancora avvolto in un sonnecchiante far niente, gli ospiti riposavano ed il personale cominciava appena a intraprendere le attivita’ quotidiane. Le uniche due persone mattiniere erano Giorgio, il cameriere di sala ed Elena, la segretaria in vacanza da alcuni giorni . Elena, dalla finestra della sua camera osservava Giorgio, di cui era segretamente invaghita, Il che passeggiava indolente nel parco godendosi la prima sigaretta della giornata, quando ,in prossimita’ della piscina, lo vide immobilizzarsi. La ragazza aguzzo’ lo sguardo, cambio’ posizione per avere una migliore visuale e stufe patta vide nell’acqua trasparente, galleggiare un corpo. Senza pensarci due volte usci’ dalla camera e corse fuori nel prato raggiungendo Giorgio che attonito osservava il cadavere che galleggiava a faccia sotto. I due ragazzi svegliarono tutto l’hotel ed il direttore chiamo’ la polizia. Il parco era gremito di curiosi, non solo gli ospiti dell’albergo ma anche gli abitanti del paese dove la notizia si era sparsa velocemente. Tutto intorno fino alla piscina era un tappeto di orme ed agli investigatori parve subito chiaro che le eventuali tracce erano state cancellate.Il cadavere fu ripescato ed adagiato sul bordo. Non era un uomo come al primo momento aveva fatto credere l’abbigliamento, bensi’ una signora di mezza eta’. Nessuno la conosceva, non era stata vista ne’ in paese ne’ all’albergo ma tutti si guardavano con sospetto. Il corpo fu portato via e cominciarono le indagini. Dagli esami si risali’ all’identita’ di una ricca possidente straniera e si penso’ che il movente fosse il denaro. Si scopri’ poi che la donna aveva un marito e anche un amante e si penso’ allora alla gelosia, ma non si riusciva a capire quale arma fosse stata usata perche’ il corpo non presentava alcun segno se non un puntino rosso che andava sbiadendo, sotto il collo. Tutti, in paese e negli alberghi si avvantaggiarono dalle lungaggini richieste dall’autopsia perche’ la notizia porto’ cronisti, giornalisti e curiosi alla ricerca del mostro della piscina. Giorgio ed Elena vissero a stretto contatto e la ragazza capi’ che il cameriere non era il suo tipo e sposto’ la sua attenzione su un reporter appena arrivato. Dopo una settimana di ipotesi, servizi televisivi che dipingevano un quadro a fosche tinte arrivo’ il responso che lascio’ tutti senza parole: la signora era morta perche’, mentre passeggiava, era stata punta da una vespa, aveva perso l’equilibrio ed era caduta in acqua. Forse la sconosciuta sapeva di essere allergica ma non aveva potuto fare nulla e lo schok anafilattico ne aveva provocato il decesso

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.