Anonimo
Anonimo ha chiesto in Gravidanza e genitoriNeonati e bambini · 10 anni fa

Mamme, i "progressi" e i tempi dei bambini sono ereditari?

Nel senso, genitori precoci, bimbi precoci, e genitori lenti, bimbi lenti? E le predisposizioni sono ereditarie?

O non c'entra un tubo?

Io ho camminato a 11 mesi, mio marito a 19, Alex a 15, per cui ha fatto la media perfetta!

Le prime parole, io a 11 mesi dicevo praticamente tutto, a 13 facevo le frasi, mio marito le prime parole comprensibili le ha dette a 20 mesi.

Io a 4 anni leggevo e scrivevo (merito di mio padre, che mi rompeva di continuo le scatole), mio marito odia leggere e scrivere, l'ha imparato giusto a scuola per necessità.

Poi vabbè, io ho la manualità di uno scimpanzè, mio marito ha le mani d'oro.

Io tecnologicamente sono un'imbranata, mio marito è fanatico della tecnologia.

Alex cosa prenderà di noi?

I vostri figli, nelle attitudini e nei progressi, assomigliano a voi e/o ai vostri mariti?

In che cosa?

E cosa vorreste che prendessero da voi, e cosa dai loro papà?

Baci, Si.

7 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Risposta preferita

    Io credo ci sia una base ereditaria e una forte componente dell'ambiente in cui si vive: i genitori dei bimbi che curo non sanno fare nessun lavoro pratico le bambine sanno progettare addirittura gioielli (non scherzo, li hanno fatti realizzare in una gioielleria per la mamma....) con qualsiasi cosa o materiale fanno un gioco, non hanno paura dell'acqua sanno nuotare sciare andare a cavallo. La madre bè se sa galleggiare è già un miracolo....ecco hanno difficoltà di linguaggio quello sì ma credo sia legato al fatto che sentono parlare la mamma che non è italiana e per quanto sia brava qualche errore lo fa e anche spesso, infatti i bimbi fanno i suoi stessi errori.

    Il carattere schizzato lo hanno ereditato in pieno.

    Una mia amica ha ereditato dalla madre il disegno e l'arte di scrivere poesie. Però io penso che anche se si ereditano certi talenti e poi non li si fa emergere rimarranno sempre latenti.

  • 10 anni fa

    bhe, per come mi trattavano i miei mia figlia dovrebbe essere un genio rispetto a me sicuramente!!!

    quanto a mio marito lui è il secondo figlio, nato ad appena 11 mesi di distanza dal fratello, mia suocera li ha stimolati molto e i bamnini si sono stimolati a vicenda.

    - camminare: lei 13 mesi, mio marito a 12. Io a 18mesi ....(e te credo la maggior parte del tempo mi lasciavno nel box e nel girello)

    - le prime parole e discorsi... mia figlia a 20 mesi si capiva bene quello che diceva e voleva, mio marito pure 20 mesi mesi io a 2 anni e mezzo (se la maggior parte del tempo lo passi con una nonna che parlà solo dialetto e ogni 3 aprole usa parolacce...meglio che ho parlato tardi... la scuola materna mi ha aiutata tantissimo).

    i primi discorsi mia figlia a 2 anni, mio marito pure io a 3 anni... grazie alla materna..

    - mio marito leggeva e scriveva come te a 4 anni. io ho iniziato a scrivere le letterine all'ultimo anno della materna e ho imparato a leggere con molta difficoltà durante la prima elementare e con molta difficoltà... me le ricordo benissimo le prime vacanze di natele della prima elementare con il libro davnti... io piangevo e mia madre "che stupida, ancora non sai leggere". per fortuna che c'er mio nonno... è solo lui che mi aiutò veramente... mi vengono i lacrimoni a ripensarci...

  • 10 anni fa

    mah. ti saprò dire!!!

    ahahh!!

    io ho cammianto a 10 mesi, gianluca a 15 penso....diego a 8 mesi non gattona: ce la possiamo fare!!

    parlare? io alle elementari ho fatto il tema d'esame con dentro Berlusconi, Cirino Pomicino, Craxi... Gianluca non so ma è un gran timido.

    comunque secondo me, le femmine sono mmmooolto più sveglie e attive dei maschi!

    non so, saranno che magari sono più magrine ma si alzano prima e di conseguenza avendo un buon controllo del corpo possono dedicarsi anche al parlato!

    ...staremo a vedere!

    un bacio

    ary e diego

  • 10 anni fa

    Bella domanda. Io sono molto "genetista", nel senso che credo fermamente che il patrimonio genetico che tramandiamo ai nostri figli gli regali un pezzo della nostra vita e della nostra storia.

    Io spero tanto che prenda più da mio marito che da me. Io sono troppo impulsiva, lui è molto paziente, riflessivo, maturo. In parte, questa "serietà paterna" la vedo già in mio figlio, è un bambino molto a modo, ubbidiente, garbato, proprio come il padre. Beh... che dire, speriamo bene!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    10 anni fa

    Cri nel parlare mi assomiglia molto. Sono una gran chiaccherona e lei non è da meno!

    Però è anche curiosa come una scimmietta!! Questo è merito del papà, penso di aver trovato uno dei pochi uomini pettegoli più di una comare di paese!! ;)

    Da me vorrei che prendesse la passione per la lettura, il mio compagno ne è intollerante!

    Da lui invece vorrei che prendesse l'arguzia!

  • ?
    Lv 5
    10 anni fa

    domanda interessante....

    mi devo informare con mia madre e mia suocera sui tempi che abbiamo avuto io e il mio compagno...

  • Anonimo
    10 anni fa

    Assolutamente no ogni bambino è un "universo a sè" con propri tempi e progressi.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.