Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 9 anni fa

aiuto qualcuno mi potrebbe fare un tema di pasqua vissuto da me quei giorni di pasqua perpiacere, nn ci riesco?

Si tratta di un tema della pasqua vissuto da me almeno 15 righi perpiacere a me nn viene nulla da scrivere però nn voglio viaggi, solo festa in casa con parenti a me nn viene nulla da scrivere. 10 punti al migliore. Perpiacere :(

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Si avvicinava il giorno di Pasqua, e io (cioè tu) cominciavo a sentire qualche moto interiore, alla stregua di quelli che si sentono nel cielo prima che si rovesci un temporale. Non ci feci caso, lì sul momento, ma avrei dovuto. Fui stretto da una sciolta così grande che i rumori del mio intestino si sentivano a miglia di distanza: mia sorella, che dorme in camera con me, si è svegliata per dirmi di smetterla di russare, ma ero sveglio. Ero talmente contorto su me stesso da non osare fare un solo movimento, quindi nemmeno scendere dal letto, certo che se avessi concesso luce tra le natiche mi sarei immediatamente smerdato il sedere. Nel frattempo cercavo di scoreggiare, per fare in modo che la pressione si allentasse, ma contestualmente mi uscì uno zampillo di diarrea, che non riuscii a fermare. Fui tutto avvolto dalle feci; allora cercai di guadagnare il bagno, gettandomi giù dal letto e procedendo a carponi, mentre dietro di me lasciavo una scia giallognola. Non feci in tempo a raggiungere la tazza, la mollai tutta in mezzo al corridoio, e per l'ingente sforzo crollai sotto il peso del sonno. La mattina successiva fui ritrovato dai miei genitori, alzatisi di buon mattino per timore che si fosse intasata ancora una volta la fossa biologica in giardino, mentre giacevo a terra tra i miei escrementi orma solidificati. Mio padre andò a prendere la canna con cui dà da bere alle piante in giardino, e mi spruzzò con il getto al massimo, cercando di pulirmi e di pulire il pavimento. Poi fecero un fagotto dei miei vestiti e li bruciarono. Il giorno successivo mi porsero solo un cucchiaio di semolino: questo è stato il mio pranzo pasquale, mentre gli altri commensali si cibavano delle più succulente prelibatezze.

    Fine.

    (tratto da una storia vera)

  • 9 anni fa

    ma deve essere su di te?????

    FACCIO FINTA CHE PARLI TU

    Il giorno prima di pasqua non vedevo l'ora di aprire le uova di cioccolato nella mia mente assomigliavano molto a cioccolato sciolto da quanto aspettavo........non ce la faccevo più!!!!!!!!!!!!! Il giorno dopo finalmente era pasqua ma quando io andai a prendere le uova per aprirle....

    BHOOOOO

    erano scomparse! io le cercai da tutte le parti ma non le trovai, allora andai al supermercato ma quando sono arrivato il supermercato era chiuso (non ci avevo pensato)allora tornai a casa triste, triste e quando io entrò in casa mia.......le uova c'erano di nuovo erano dietro alla borsa per fare la spesa!

    Andai subito ad aprirle e dentro a un'uovo trovai un pc......allora mi iscrissi a yahoo, molto divertente!

    Dentro a l'altro uovo avevo trovato un libro intitolato LA STORIA DI.......PASQUA!

    Andai su yahoo e mi chiesero cosa avevo trovato nell'uovo di pasqua,io gli dissi un pc e un libro allora loro mi chiesero di andare con loro al mare.....io ci andai e ci divertimmo a tirarci l'acqua facendo finta che fosse cioccolato!

    Alla fine presimo il gelato al cioccolato e cantando un'allegra canzone ci divertivamo a tirarci anche i pezzetti di cioccolato del gelato!

    è stata un'esperienza molto ciccolatosa....

    SPERO DI AVERTI AIUTATO E SPERO ANCHE CHE TI PIACCIA

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.