Perchè tutta questa avversione contro la religione?

Parlo in generale di tutte le religioni, ma logicamente essendo noi in Italia e parlando io per cose che ho notato qui, mi riferisco in particolare alla Cattolica.

Non riesco a capire perchè ultimamente vedo una profonda avversione verso ogni religione: oltre alle solite idee trite e ritrite (non mi potete dire che non credete nella chiesa perchè avete sentito che in un paesino sperduto sul cucuzzolo di una montagna c'era un prete pedofilo, per ogni prete così ce ne sono centinaia nel terzo mondo che costruiscono scuole, case e ospedali) vedo che c'è una vera e propria mobilitazione di massa contro la religione.

Venendo al succo, voglio chiedere (SERIAMENTE, niente cose del tipo "perchè i preti so cattivi" ecc ecc) a questi sempre contro qualsiasi cosa faccia qualsiasi chiesa, perchè? E a quelli che credono, come vi spiegate questo "fenomeno"?

è un argomento che mi interessa molto, il fatto che sono credente non mi farà creare pregiudizi su quelli che risponderanno e quindi gradirei che lo stesso accadesse per questi: niente cose volgari e di cattivo gusto perfavore, so che è qualcosa di piuttosto delicato, ma penso che oltre ad essere un dibattito molto interessante è bello ogni tanto confrontarsi con chi la pensa diversamente da noi.

Aggiornamento:

@Aless: non so se ho capito bene, ma da quel che ho letto tu parli di fanatici della religione più che di credenti, e non mi sembra giusto odiare indiscriminatamente tutte le religioni per una piccola percentuale di persone malata.

@Baphomet: rispetto il tuo pensiero, ma lasciati dire che a mio parere le premesse sono sbagliate: io sono credente, pratico normalmente e sono una persona tranquillissima, per niente insicura e con un bel caratterino, senza contare che non fuggo le conversazioni religiose, anzi, tanto che spesso i miei amici hanno piacere di parlare con me di certe cose proprio per sentire i miei pensieri sempre fermi e precisi, mai vaghi o confusi.

La religione è malattia per quelli che non sono veri credenti, quelli che ci si aggrappano solo quando stanno male e la vedono come una scappatoia a tutto: quelli che hai descritto te insomma, che però ripeto, non sono i veri credenti.

@Giuliano: ho apprezzato il fatto che hai specificato che le persone di cui parli sono una p

Aggiornamento 2:

parte, ma come ho già detto ai due sopra non sono d'accordo sul fatto che confermino la regola: queste persone non sono veri credenti, o almeno non ancora, sono persone che magari credono in ciò che la loro religione dice ma che non si sono mai interrogati profondamente sul significato di queste parole, e ti assicuro che, almeno nella religione Cattolica, questo non è proibito, anzi. Comunque, il Cattolicesimo è una religione, o meglio, il Cristianesimo è la religione "di base" e il Cattolicesimo è una sua "suddivisione", precisamente quella a cui fa capo il Papa (se avessi parlato di Cristianesimo in generale avrei incluso anche le chiese ortodosse ecc.).

@Umberto: Comprendo ciò che dici, ma ti devo contraddire: ciò che è scritto nella Bibbia è ritenuto storia solo qualora ci siano altre fonti certe ad attestarlo (per esempio, Gesù è un personaggio Storico perchè altre fonti insieme alla Bibbia attestano la sua esistenza). Per il resto, non tutto deve essere preso come oro colato: sp

Aggiornamento 3:

spesso, bisogna avere la capacità di andare più affondo e leggere il messaggio tra le righe.

Per quanto riguarda i preti pieni d'oro, è vero, c'è questo problema enorme: ma sulle stime pedofili - (falsi) benefattori non concordo.

Basta farsi un giretto per le associazioni di preti all'estero e ti ricrederai: ovviamente però per avere una vera stima di com'è la situazione si dovrebbe andare a vedere di persona il luogo.

In ogni caso, per quanto riguarda il fatto di case, ospedali e scuole cattolici, cosa c'è di male? Di sicuro, a differenza di come pensi te, i bambini o i malati lì dentro non verranno frustrati se si rifiutano di dire il rosario ogni giorno.

Ti farò un'esempio poco calzante, ma spero chiaro: fai conto che tu hai una "ditta", e vai a costruire scuole, case e ospedali nel terzo mondo.

Aggiornamento 4:

Non metteresti il logo della tua ditta sui materiali ecc?

Lo stesso si può dire per i preti: perchè gli ospedali non dovrebbero essere cattolici dal momento che li hanno costruiti loro? L'importante è che funzionino, di chi sono poi non ha importanza. E, guarda caso, gli unici che stanno facendo qualcosa in quei paesi sono proprio i preti: direi che se lo stato o qualcun altro spende soldi per questo non è proprio un male.

@Aldaliè: Sono molto contenta di aver letto la tua risposta: fino ad ora avevo sentito solo di atei che però, a conti fatti, nemmeno sapevano cosa voleva dire religione. Ora che so che qualcuno si informa prima di fare una scelta, sono un po' più rincuorata

Aggiornamento 5:

@Fra88: Mmm, una posizione piuttosto particolare: figurati, non sei assolutamente banale, io mi aspettavo cose della serie "perchè Dio è male" punto xD Comunque, anche io che sono credente, anzi, soprattutto io che mi tengo informata, non nego che ci sono parecchi impicci nella Chiesa: è vero, è una cosa che bisogna eliminare, ma non credo che questo sia più importante di tutto il bene fatto dalla Chiesa.

Aggiornamento 6:

@Mortimer: l'avversione di cui parlo è proprio questa:

-come a te danno fastidio i crocifissi nelle scuole, ai cristiani potrebbe dar fastidio che non ci fossero. E poi, essendo tu laico o credente di altre religioni, che fastidio ti danno? La religione più praticata in Italia è il Cristianesimo, è giusto che i crocifissi ci siano.

-la contraccezione è "ostacolata" solo per i cristiani, e nemmeno quel termine è giusto in quanto un cristiano non fa sesso fuori dal matrimonio o sesso senza preservativo per questioni morali, non perchè glie l'ha detto il Papa. Se te sei laico puoi fare quello che ti pare.

-l'aborto, così come l'eutanasia, sono questioni anch'esse morali, e le leggi su di esse sono decise dallo stato: la chiesa dà solo un parere, che può essere seguito o meno.

-l'otto per mille lo puoi dare a chi vuoi.

-il divorzio e la fecondazione assistita sono appunto regolati da LEGGI: la chiesa non fa le leggi Italiane.

Aggiornamento 7:

@Andrea: figurati, non mi hai offesa, anzi, hai detto la tua opinione ;)

11 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Migliore risposta

    E, come hai visto, c'è chi non ha potuto fare a meno di esprimere il suo "disprezzo"...Mah.

    In genere chi non apprezza la religione è diverso da chi non apprezza la Chiesa.

    Chi critica la religione, lo fa anteponendo la sua idea che non ci sia Dio (io sono Buddista, Dio non c'è, eppure è una religione). Siccome non si ragiona con la Fede (perchè non è ragione, non c'è verso, sono due strumenti diversi),non hanno argomenti se non appunto un "odio" che non è nemmeno tale. Si odia cosa ci fa del male, e una religione, in quanto tale, non produce male. La mia religione non mi produce sofferenza, perchè dovrei odiarla? Il principio che la anima non mi produce del male. Nè mi rende schiavo. La mia pratica è volontaria, io la attuo e io la conduco. Servono impegno, costanza, anche forza. Quindi chi mi dice che seguo delle regole imposte da altri...Non so, credo abbia paura di scoprire che ha ancora TAAAAANTO da imparare sulla natura delle cose, Ha proprio PAURA della sua ignoranza. Sia mai che invece potrebbe imparare qualcosa, eh?

    Inoltre faccio presente che gli Atei NON DEMONIZZANO la religione, solo che non vogliono essere considerati malvagi. Tutto qui. La Fede c'è o non c'è, la si sente o no.

    Chi odia la Chiesa fa chiacchere da Bar. Si attacca alla ricchezza (e il calcio? Dai! Paghiamo MILIONI di euro gente per GIOCARE...QUELLO fa vergogna) della Chiesa come se un'organizzazione di persone non avesse il diritto di appunto organizzarsi.

    Io sono in una regione molto "mangiapreti", ma sono cose storiche, dovute al conflitto Comunisti-Democristiani che ora non esiste. Lo sentono dai vecchietti alle bocce e lo ritirano fuori.

    Tutte cose fatte solo per affermare il proprio orgoglio. Riuscire a "sconfiggere Dio" è una bella sensazione di autostima. Infantile, però.

  • 9 anni fa

    La questione è molto semplice: Se Tizio e/o la sua organizzazione limita, esplicitamente con la forza o implicitamente con le leggi, le libertà personali di Caio è chiaro, lapalissiano direi, che Caio odierà Tizio.

    È chiaro che se nel 2011, per colpa delle pressioni delle gerarchie vaticane sui politici, noi laici dobbiamo subire discriminazioni poi ci sia non dico l'odio ma quantomeno ostilità verso la chiesa.

    Se nel 2011 si devono ancora:

    avere crocifissi nelle scuole, ospedali e tribunali

    se la contraccezione è avversata e ostacolata

    se l'aborto è ostacolato

    se si devono volente o nolente finanziare le religioni con l'otto per mille

    se non esiste ancora il divorzio breve (che altrove in Europa esiste da decenni)

    se esiste una legge sulla fecondazione assistita che è quanto di più bigotto sia possibile

    se non si può parlare di eutanasia e rifiuto delle cure

    noi laici sappiamo bene con chi prendercela.

  • Eis
    Lv 7
    9 anni fa

    Non credo nelle religioni e tanto meno nella chiesa cattolica, ma non disprezzo il bene che fa. Disprezzo il male che ha fatto, che fa e che farà; così come in tutte le altre religioni; non riesco a vedere solo il "bello", vedo, invece a differenza di molti, entrambi i lati della medaglia, ma non per questo "ho una certa avversità nei confronti della chiesa".

    Io sono atea, ma ho forse studiato più religioni di quanto abbiano fatto molti credenti, compresa quella cattolica. La mia è una scelta, come può essere quella del credente, semplicemente è differente e spesso, posso dirti che i credenti disprezzano spesso chi non crede, più di quanto chi non crede disprezzi la chiesa.

    Comunque.

    Lasciati dire che il "disprezzo" per la chiesa cattolica non dipende solo dal prete pedofilo [che non si trova sul cuccuzzolo della montagna, ma in mezzo a noi], ma da altre piccole cose di cui ti accorgi osservando. Nel momento in cui lo stato vaticano non sarà più uno degli stati più ricchi del mondo e vivrà in povertà, allora la parte di disprezzo che provo per la chiesa, probabilmente potrà smettere d'esistere.

  • Lv 7
    9 anni fa

    L'ostilita' che senti verso la religione e' dovuta fondamentalmente all'istruzione.

    Piu' le persone sono istruite e meno facilmente credono a promesse di vita dopo la morte, chi studia giustamente ritiene che racconti come quello di Noe', o del figlio di un dio che moltiplica il pesce e risorge, siano solo fiabe e supertizioni (ti ricordo che la chiesa considera STORIA perfino questa famosa fiaba del serpente parlante che offre la mela alla donna creata da una costola).

    Di fronte a tanta decrepita voglia di tenerci nel medioevo, di fronte alle insistenze dei religiosi per far prendere decisioni in baste a queste favole di pecorai del deserto di 5mila anni fa, di fronte alle ingerenze nelle nostre vite attraverso le pressioni e i ricatti su nostri politici affinche' assicurino fondi e privilegi al clero e facciano leggi restrittive, e' ovvio che sempre meno persone abbiamo intenzione di a dare ascolto a uomini scapoli coperti d'oro che parlano di famiglia e di modestia e siano sempre piu' critici verso le religioni in generale.

    E non hai visto ancora niente: con le prossime generazioni la disistima verso le religioni aumentera' ancora. Sappiamo infatti attraverso le numerose fonti di informazioni che ora disponiamo che le tue proporzioni non sono solo false ma perfino ridicole.

    Infatti per ogni prete nel terzo mondo (che non scava aquedotti ma e' li' per indottrinare i giovani poco istruiti) ce ne sono centinaia pedofili (eh si, dati alla mano dei processi) e migliaia che costruiscono scuole (cattoliche), case (per preti) e ospedali (cattolici), per giunta con i soldi dello stato.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    Non credo nelle religioni perché anche chi crede in un dio, chiudendo gli occhi si immagina un dio che nessun altro ha mai immaginato prima, leggendo un libro "sacro" interpreta le parole a modo suo. Insomma, credo che nella storia non ci siano state due persone capaci di credere nella stessa religione e nello stesso dio, ergo le religioni non esistono in quanto a fede. Le persone però hanno la necessità di appartenere, di farsi accettare, e tal volta alcuni rischiano di perdere la propria identità pur di essere accettati da qualcuno. Il problema del perdere l' identità è grave perché si cessa di essere persone e si diventa soldati, semplici barattoli pieni di regole che non ricordano nemmeno più perché proteggono quei dogmi, anzi è di cattivo gusto anche solo chiedersi il perché, bisogna solo obbedire. Ribadisco, non parlo di tutti, ma di alcuni, quegli alcuni però non fanno l' eccezione che conferma la regola, loro sono la regola stessa. Non mi soffermo a parlare del Cattolicesimo perché preferisco non divagare (non essendo il Cattolicesimo una religione). Ma sarebbe bello se le persone fossero capaci di vivere la propria fede senza perdere se stessi, senza perdere la ragione.

  • 3 anni fa

    Bè GIà CHE HAI MESSO la FRASE IO NON SONO LESBICA CHIARIAMO NON MI PARI MOLTO APERTA ANCHE SE LO FOSSI NON è CHE CE NE FREGHEREBBE MOLTO , COMUNQUE VISTA la SEZIONE LGBT CREDO CHE la MAGGIOR PARTE la PENSI COME TE

  • Andrea
    Lv 4
    9 anni fa

    ciao, ora io ti parlo da forte ateista; io rifiuto fortemente tutte le religioni perché:

    -da sempre il potere spirituale cerca di sovrastare quello temporale, e di conseguenza frena(e anche molto) lo sviluppo tecnologico;

    -le persone non possono fare affidamento della propria vita e della propria anima ad un ''essere'' inesistente o di cui non si può verificarne l'esistenza( e questo fa si che le persone,soprattutto gli anziani, siano deboli moralmente)

    -la chiesa vuole imporre le sue regole d'appertutto( no bunga-bunga prima del matrimonio, niente preservativi,etc...)

    -è sempre stata la causa di molte guerre e stragi(le guerre sante, le crociate, le spedizioni spagnole in america, l'inquisizione,...)

    -e la cosa che più mi fa inczzare è che la chiesa fa tanta elemosina quando i preti e soprattutto il papa hanno dei vestiti,anelli, chiese che sono costati somme immaginabili

    -

    Fonte/i: spero chetu non ti sia offeseso, ma hai chiesto il nostro parere e io l'ho dato
  • Fra88
    Lv 6
    9 anni fa

    Parlando delle religioni in generale,basta vedere la storia da prima fino ad oggi.Ti chiedo scusa se vado sul banale,ma le cose effettivamente stanno così.Buona parte di questi credi (in particolare le religioni abramitiche) hanno fatto tanto di quei danni,tanti crimini e tanti imbrogli e sotterufggi che le parti positive e le buone azioni vengono completamente ricoperte.Riguardo la chiesa cattolica in particolare,bè da dove cominciare XD.Anche qui la storia è maestra di vita,e se guardiamo dalla sua nascita fino ad oggi possiamo dire lo stesso,possiamo vedere che alla fine è solo manipolazione di potere.Guarda che trattamenti e privilegi ha la chiesa cattolica,come influenza notevolmente la politica (basti pensare al nostro presidente del consiglio che nonostante la sua immoralità e furberia,si mette a dire di essere cattolico e di difendere i valori cristiani,CHE SCHIFO DI IPOCRITA).Ma la cosa peggiore delle religioni e della cattolica in particolare,è che sono troppo conservatrici,sono anacronistiche.E ciò è una cosa assurda in un mondo fatto di evoluzione e cambiamenti.Non si può pretendere di portare delle idee che non sono più applicabili e condivisibili oggi,è come se volessimo riportare oggi i feudalesimo.Ho cercato di essere più sintetico possibile ma se vuoi altri dettagli,farmi altre domande,chiedimi pure.

    @Aless P.

    Io non dò la colpa di tutto il male del mondo alle religioni,però non vi lamentate quando invece gli si danno i meriti positivi.E riguardo la chiesa cattolica,direi che un altra accusa che gli si può fare è quella di essere stata in silenzio durante la storia,con tutto quello che succedeva,visto i suoi principi cristiani.Non capisco questo visto che invece,per altre cazzattine invece si permettono di fare le crociate.

    Fonte/i: Agnostico razionalista
  • Anonimo
    9 anni fa

    Hai visto come sono i religiosi, i credenti ?

    GENTE debole, fallita CHE NON HA CARATTERE E NON STA IN PIEDI CON LE PROPIRE GAMBE, GENTE PIENA DI Insicurezze, frustrazioni, complessi che deve aggredire e sentrisi migliore degli altri, un figlio di dio ad immagine e somiglianza di un dio che ci ama alla follia, prhcè simo speicali, lo meritiamo,,,infantile, vero ? Devono sentirsi importanti e riprendere gli altri, per sentirsi superiori a loro e compnesare l'insicurezza e le frustrazioni, la propria debolezza di carattere e l'inadeguatezza alla vita senza la stampèella di un padre che li faccia sentire importanti.

    Non sanno neanche rapportarsi agli altri, basta che tu contrasti quello che dicono cercano un dialogo argomentato, che si chiudono nella paura che si evidenzino le loro deboli convinzioni basta non su razionalità, ma sul credere ciecamente e sul dogma e rifiutano il dialogo, vogliono solo andare avanti a dogmi e frasi fatte e vogliono che anche TU lo faccia, altrimenti sei un blasfemo dannato...questo è il modo di discutere dei credenti che hanno bisogno non di interlocutori alla pari, adulti e maturi, ma di bimbi , di peccatori da redarguire e da...arrricchire per sentirsi finalmente importanti, neli loro spaventosi complessi d'inferiorità che li consumano, li rodono, rovinano loro l'esistenza.

    E che stessero uoni invece per secoli hanno bruciato,torturato, conquistato, si sono arricchiti, ora voglino leggi dell stoto per tutti, non solo per i cattolici,giudicano chi non lo è una bestia dannata...

    La religione è malattia, credere al nulla è pazzia.

  • Anonimo
    9 anni fa

    è un alibi per delegare le colpe delle guerre, della sfortuna, del mal di vivere...c'è una guerra in oriente? è colpa di Dio o delle religioni, non del profitto che si copre dietro queste capisci, il duce si fece col fascismo amici i sacerdoti, è colpa della religione non delle persone sporche capisci, e in tutto questo la religione, ovvero: un insegnamento teoricamente almeno della parola di Dio cioè pace e spezzare il pane dividere, invece storpiano il significato andando a legittimare i potenti.."ma no no è il capo di stato il dittatore il benessere , è il fondamentalismo dei fedeli" capisci come fanno.

  • 9 anni fa

    E' vero che la chiesa fa molte cose buone.

    Ma alla base cosa si puo' vedere?

    I libri sul vaticano che si trovano in tutte le librerie secondo te dicono cose infondate?

    Non lo dico per mancarti di rispetto, cerco solo di capire il tuo punto di vista sulla base della chiesa

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.