tesina sulla moda !!! aiutoooooooo?

Ciao ragazzi !!! fra poco dovrei consegnare la mia tesina ai prof ma sn un po indietro .. ho bisogno del vostro aiuto !!!! allora mi manca da collegare ECONOMIA AZIENDALE ,DIRITTO , SCIENZE DELLE FINANZE, INFORMATICA E MATEMATICA ... ahm dimenticavo io frequento l^istituto tecnico commerciale !!! graziee in anticipoooo !!!

1 risposta

Classificazione
  • Sara
    Lv 5
    10 anni fa
    Risposta preferita

    PER QUANTO RIGUARDA LA MATE MI VERREBBE DA FARTI UNA BATTUTA:

    In statistica, la moda o norma della distribuzione di frequenza X è la modalità caratterizzata dalla massima frequenza. Per intenderci, è il valore che compare più frequentemente!!!

    Ah ah ah, ovviamente non potrai fare questo collegamento XD

    Posso aiutarti a collegarla con l'economia in generale e, per il resto, ti ricordo che il modo più semplice per collegare un argomento ad un altro è quello di inquadrarlo nel contesto storico:

    //Dopo l'affermazione del Cristianesimo: non molti mutamenti nella moda per parecchi secoli e i canoni dell'abbigliamento rimasero fissati a quelli dell'epoca tardo romana (motivo: la depressione economica dell'Europa fino all'anno Mille........).

    //Durante il "barocchetto" o "rococò" : influenza della moda aristocratica della corte di Francia. Grazie alla potenza economica (per il colonialismo e per la Rivoluzione industriale), l'Inghilterra diventò molto import per la diffusione delle mode.

    //XIX secolo: la moda ottocentesca diventa espressione del ceto borghese (dopo la rivoluzione francese conquista il potere politico ed economico in Europa, imponendo i suoi ideali e il suo stile).

    //Dopo la fine della prima guerra mondiale: la guerra aveva lasciato un'economia traumatizzata e molti problemi (sociali, psicologici, ecc ecc). Gli speculatori ne approfittarono: i grandi patrimoni aristocratici prebellici scompariono e al loro posto avanzò una nuova classe sociale arricchita e quindi una diversa clientela per le case di moda.

    Scrivi che emergono milionari, psichiatri, pittori surrealisti e cubisti................

    Le mode americane invasero ogni settore: cocktail, whisky, jazz band, blues, gioia di vivere, nuovi balli, il cinema, lo star sistem, gli attori......

    //////////FENOMENO + IMPORTANTE!!! (anni 20): EMANCIPAZIONE DELLA DONNA. Iscrizione all' Uni e nuove professioni (medicina). Fumo, trucco, locali notturni... Ecc

    // Intorno al 1930 (poi ricontrolla tu le date precise): crisi economica: case di moda francesi, che avevano avuto la loro migliore clientela oltre oceano, si videro imporre drastiche misure protezionistiche che gravarono pesantemente sugli abiti esportati. Il lavoro degli atelier parigini diminuì notevolmente, con conseguenti licenziamenti di personale. Una ulteriore conseguenza della crisi fu la necessità di usare filati di minor pregio: si diffusero così le fibre sintetiche, come il rayon o il nylon. Quest'ultimo, in particolare, sostituì la seta con cui fino ad allora erano state fatte le calze.

    //Dopo la Ii guerra mond

    (Stai Uniti) jeans.

    //Durante la ricostruzione (Europa): nuove tecnologie: la televisione, il frigorifero, l'automobile. Si diffusero i modelli dalle riviste femminili con l'aiuto di cartamodelli e di provvidenziali sartine. Stava nascendo a Firenze l'Industria della moda italiana, e nel 1952 a Palazzo Pitti, si tenne la prima di molte sfilate e manifestazioni. L'organizzazione si rivolse a cercare nuovi sarti non tra le storiche case di moda italiane, ma tra quelle che più tentavano di distaccarsi dai modelli parigini come Jole Veneziani, Carosa...

    //Anni 60: i giovani, misero sotto critica la società patriarcale e dei consumi, proponendo nuovi modelli. gruppi giovanili di amore e pace, le prime contestazioni studentesche, eskimo, sciarpe, jeans sdruciti, maglioni sformati, scarpe da tennis. Molti indimuneti furono presi in prestito dalle uniformi di guerra, come il famoso Montgomery, giacca in lana pesante chiusa da alamari della Royal Navy che il generale Bernard Law Montgomery portava sempre; oppure la t-shirt, inventata dalla marina americana come canottiera per i soldati. I giovani salirono alla ribalta delle cronache e la moda si accorse di loro, che pure la rifiutavano. Ma la società dei consumi è stata capace di incanalare la protesta e renderla commerciabile.

    //Oggi: Nascita di nuove generazioni giovanili, droga, alcol... ecc

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.