Si è espressa la Chiesa sulle Madri surrogate usate da Attrici di Hollywood?

Donne in grado di procreare che si servono di uteri in affitto per non sfigurare il loro corpo...

Nicole Kidmann...Angelina Jolie...

Aggiornamento:

Si prepara una società di Robot....secondo me.

Il feto sente le emozioni della Mamma, non assorbe solo nutrimento, assorbe anche le emozioni e l'Amore, ma quale emozione può trasmettere una donna che lo fa solo per lavoro??

http://www.corriere.it/cronache/08_marzo_16/utero_...

Aggiornamento 3:

@certamente no, ma visto che si cura di ogni cosa, perchè su questo non dovrebbe parlarne?

6 risposte

Classificazione
  • MeMo
    Lv 5
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Riporto alcune citazioni che indirettamente possono essere associate al problema per il quale non ho trovato un riferimento esplicito.

    >>>>> Donum vitae, 22/2/1987, II B 4 _____________

    La persona umana dev'essere accolta nel gesto di unione e di amore dei suoi genitori; la generazione di un figlio dovrà perciò essere il frutto della donazione reciproca che si realizza nell'atto coniugale in cui gli sposi cooperano come servitori e non come padroni, all'opera dell'Amore Creatore. L'origine di una persona umana è in realtà il risultato di una donazione. Il concepito dovrà essere il frutto dell'amore dei suoi genitori. Non può essere voluto né concepito come il prodotto di un intervento di tecniche mediche e biologiche: ciò equivarrebbe a ridurlo a diventare l'oggetto di una tecnologia scientifica.

    Questo documento tratta la questione in modo più ampio:

    http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_acade...

    9. L'eventuale sterilità, per una coppia di sposi desiderosi di trovare "nel figlio una conferma e un completamento della loro donazione reciproca" (Donum vitae, II, 2), indubbiamente può costituire un reale motivo di grande sofferenza ed essere fonte per loro di ulteriori problemi. Non v'è dubbio che un tale desiderio sia, in se stesso, più che legittimo e segno positivo di un amore coniugale che vuole crescere e compiersi in ogni sua espressione. Tuttavia, occorre ribadire che un più che comprensibile e lecito "desiderio del figlio" non può mai trasformarsi in un pretenzioso "diritto al figlio" e, per di più, "a tutti i costi". Nessuno uomo può vantare il diritto all'esistenza di un altro uomo, altrimenti quest'ultimo sarebbe posto su un piano di inferiorità valoriale rispetto a colui che vanta il diritto. In realtà, un figlio non può mai essere inteso come un "oggetto del desiderio" da avere ad ogni costo, bensì come un preziosissimo dono da accogliere con amore, qualora giunga.

    Gli sposi sono chiamati a creare tutte le condizioni necessarie, attraverso il loro reciproco dono d'amore coniugale, perché possa iniziare una nuova vita, ma non possono lecitamente determinarne il sorgere fino a commissionarne la "produzione" in laboratorio, ad opera di tecnici che nulla hanno a che vedere con la coppia stessa.

  • 9 anni fa

    La chiesa ne ha parlato, (penso con Paolo VI quando aveva detto che la pillola è peccato), non era bene che per avere gravidanze i mariti o conviventi si accoppiavano con donne che dopo i 9 mesi lasciavano i figli alle attrici, modelle o riccone, l' impianto dell' embrione non era ancora sicuro.

  • Penso che non conti molto su come si esprima la Chiesa, ma su come si esprime la coscienza umana e non è che brilli molto da qualche anno a questa parte.

    Che dire allora quando nel passato donne benestanti, per non rovinare il seno facevano allattare i figli dalle balie e poi li affidavano alle cure delle nurs "magari -tetesche-", oppure a quelle donne incinte che gridano improperi al marito o litigano furiosamente con i familiari? cosa possono trasmettere quest'ultime ai propri figli? come vedi è solo una questione di punti di vista e a volte quei figli che chiami robot a volte crescono anche meglio che con una madre che da madre non sa comportarsi.

    ______ In verità la Chiesa se ne è occupata già da diversi anni fa riguardo l'utero in affitto, quindi pronunciarsi sulle atrici che senso potrebbe avere quando non sono solo loro a farlo? penso comunque che ormai buona parte non tenga più conto dell'opinione della Chiesa ma delle proprie convinzioni e tornaconto, d'altra parte procreare è l'istinto dell'essere e non conta tanto il modo quanto la voglia e la convinzione di farlo in qualsiasi maniera sia possibile a seconda della propria coscienza, anche se per altri risulti discutibile.

  • paolo
    Lv 4
    9 anni fa

    ... le attrici di Hollywood, strapagate ed impegnatissime (o forse no), smetterebbero forse di servirsene solo perché lo dice tale Benedetto XVI? Non credo

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • stix
    Lv 7
    9 anni fa

    la chiesa in molte occasioni si è espressa su questi temi, anche senza fare nomi e cognomi

    s

  • 9 anni fa

    Sicuramente la chiesa avrà detto la sua visto che non perde occasione per farsi i fatti degli altri.

    Conosco però la sicura risposta delle attrici di Hollywood ai moniti dei gonnelloni:

    PRrrrrrrrrrr (pernacchia).

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.