Shahla ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 10 anni fa

tema italiano urgente premetto 10 punti e 5 stelle?

1) un'altro anno scolastico volge al tempo considerazioni su 8 mesi di lavoro comune

2) un articolo di giornale che mi ha particolarmente colpito

3) come spero di trascorrere le prossime vacanze

premetto 10 punti e 5 stelle a chi me ne fa 1 o di + grazie mille

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Risposta preferita

    IL GIALLO DI AVETRANA. Media e cronaca nera

    La morte di una quindicenne, Sarah Scazzi, un'adolescente come tante che conosciamo o incontriamo per strada, fragile, carina e con ancora tutta una vita davanti, morte causata con tutta probabilità da conflitti familiari dai contorni non ancora ben chiariti, ha colpito profondamente l'emotività dell'opinione pubblica. L'attenzione che i media hanno prestato alla vicenda, fin dai suoi primi sviluppi, dal momento cioè della scomparsa della ragazza, sono andati di pari passo con l'interesse del pubblico. E' stato via via un proliferare di servizi giornalistici e televisivi, che hanno messo letteralmente sotto assedio una famiglia e una cittadina, fino ad allora estranee al clamore mediatico, in una rincorsa a chi strappava l'audience più alta. Contemporaneamente, il portone del garage, presunto luogo del delitto, era meta quotidiana di torme di "turisti dell'orrore".

    Di fronte a tanto clamore, un po' volgare, i moralisti hanno protestato in nome del decoro, del rispetto della privacy, del corretto svolgimento delle indagini. Hanno criticato il giustizialismo per cui i processi si svolgono ormai in televisione e non nelle sedi più opportune e cioè i tribunali. Hanno stigmatizzato il metodo abietto del "sbatti il mostro in prima pagina", che in troppe occasioni ha finito per mettere alla gogna e distruggere l'esistenza di persone poi rivelatesi innocenti.

    Chi ha criticato il comportamento dei mezzi di comunicazione di massa, in questa e in analoghe circostanze, lo ha fatto con delle buoni ragioni. L'audience non può essere invocata per mostrare i particolari più truci, macabri e morbosi di una vicenda. Sappiamo tutti che l'audience serve alle varie testate giornalistiche e televisive principalmente per ottenere maggiori introiti pubblicitari; l'audience porta soldi, per cui potremmo amaramente concludere che, nella società contemporanea, si arriva a mercificare persino il crimine efferato.

    Non è vero poi che i media rappresentino la realtà esattamente qual è. In verità, essi influenzano profondamente la nostra percezione del reale. In poche parole, i media contribuiscono, in misura preponderante, nella società odierna, alla costruzione della realtà.

    Personalmente penso che il "giallo di Avetrana", così come prima i casi di Novi Ligure, Cogne, Erba, Garlasco, Perugia abbiano colpito genuinamente l'interesse della maggior parte di noi, proprio perché si tratta di delitti maturati non nell'ambito della criminalità più o meno organizzata, ma in contesti, almeno in apparenza, normali. In altre parole, ci hanno messo in contatto con la nostra "follia" quotidiana, con aspetti inquietanti del nostro io e del modo in cui viviamo e dei valori in cui crediamo. Quegli aspetti, percepiti dalla nostra psiche come spiacevoli e che tendiamo a non voler vedere, a ignorare, a negare, a rimuovere.

    Negli studi televisivi, anche in quelli dove vengono proposti imbarazzanti plastici dei luoghi del delitto, non c'è soltanto la compiaciuta rappresentazione della violenza, ma si cerca di imbastire un racconto, una narrazione, si cercano dei significati, intervengono gli esperti con le loro spiegazioni , si cerca di fornire al pubblico, insomma, oltre alle informazioni complete, un orientamento che attenui il suo stato di insicurezza e di paura.

    D'altro canto, la democrazia si fonda sulla pubblica discussione, sulla trasparenza, sul crollo di quei veli di finzione e di mistificazione che sono così funzionali e utili al potere.

    Concludendo, l'attenzione degli italiani per la cronaca nera, suffragata anche dal grande successo che sta riscuotendo nel nostro Paese la narrativa noir, nasconde a mio avviso in realtà una attenzione ai nostri moventi interni e a come stiamo cambiando mentalità e costumi nel corso degli anni.

    Il giallo di Avetrana, così come gli ormai quotidiani omicidi delle donne per mano di mariti e fidanzati, ci dimostra, per esempio, un'inquietante tendenza della società italiana, ossia, come ha sottolineato il giornalista e scrittore Giorgio Bocca, in un suo articolo sul settimanale L'espresso, l'incapacità di "risolvere i suoi conflitti e le sue contraddizioni se non alla maniera barbara di levar di mezzo gli avversari e i contraddittori".

    Perciò non è per mere pulsioni voyeuristiche, se rimaniamo incollati per ore, talvolta fino a tarda notte, allo schermo televisivo. Ma è per scoprire la verità.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.