promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 9 anni fa

Credenti: Perché tanto terrore nel libro dell' Apocalisse? Perché non distruggere "dolcemente"?

Dal diluvio a Sodoma e Gomorra... racconti di tortura e di distruzione orrenda di masse! Comunque pensavo che con la venuta di Gesù e il suo amore incondizionale le cose si fossero calmate, finchè non abbia letto l'Apocalisse (vi lascio alcuni esempi). Essere distrutti è già brutto, ma essere torturati prima, terrorizzati, e poi distrutti orrendamente è ancora peggio. Ce n' era veramente bisogno di tutto questo spettacolo? (Non sarebbe meglio farsi vedere in cielo adesso, invece che dopo, per convincere gli increduli?)

Mi chiedo: Considerando il Suo senso di giustizia, ma anche la Sua misericordia, Dio non dovrebbe uccidere il peccatore con "dolcezza"?

Da buoni credenti, non mi dite che tutti questi segni siano solo metafore! Se no dovremmo dire che tutte le profezie sono metafore.

Ap 8, 8-13 (I tre angeli stanno per suonare):

[8] Il secondo angelo suonò la tromba: come una gran montagna di

fuoco fu scagliata nel mare. Un terzo del mare divenne sangue, [9] un terzo

delle creature che vivono nel mare morì e un terzo delle navi andò distrutto.

[10] Il terzo angelo suonò la tromba e cadde dal cielo una grande stella,

ardente come una torcia, e colpì un terzo dei fiumi e le sorgenti delle acque.

[11] La stella si chiama Assenzio; un terzo delle acque si mutò in assenzio e

molti uomini morirono per quelle acque, perché erano divenute amare. [12] Il

quarto angelo suonò la tromba e un terzo del sole, un terzo della luna e un

terzo degli astri fu colpito e si oscurò: il giorno perse un terzo della sua luce e

la notte ugualmente. [13] Vidi poi e udii un'aquila che volava nell'alto del cielo

e gridava a gran voce: "Guai, guai, guai agli abitanti della terra al suono degli

ultimi squilli di tromba che i tre angeli stanno per suonare!".

Ap 9, 1-4 (Gli uomini che non hanno il sigillo di Dio)

[1] Il quinto angelo suonò la tromba e vidi un astro caduto dal cielo

sulla terra. Gli fu data la chiave del pozzo dell'Abisso; [2] egli aprì il pozzo

dell'Abisso e salì dal pozzo un fumo come il fumo di una grande fornace, che

oscurò il sole e l'atmosfera. [3] Dal fumo uscirono cavallette che si sparsero

sulla terra e fu dato loro un potere pari a quello degli scorpioni della terra. [4]

E fu detto loro di non danneggiare né erba né arbusti né alberi, ma soltanto

gli uomini che non avessero il sigillo di Dio sulla fronte.

Ap 9, 5-10 (Il potere di far soffrire gli uomini)

[5] Però non fu concesso loro di ucciderli, ma di tormentarli per cinque

mesi, e il tormento è come il tormento dello scorpione quando punge un

uomo. [6] In quei giorni gli uomini cercheranno la morte, ma non la

troveranno; brameranno morire, ma la morte li fuggirà. [7] Queste cavallette

avevano l'aspetto di cavalli pronti per la guerra. Sulla testa avevano corone

che sembravano d'oro e il loro aspetto era come quello degli uomini. [8]

Avevano capelli, come capelli di donne, ma i loro denti erano come quelli dei

leoni. [9] Avevano il ventre simile a corazze di ferro e il rombo delle loro ali

come rombo di carri trainati da molti cavalli lanciati all'assalto. [10] Avevano

code come gli scorpioni, e aculei. Nelle loro code il potere di far soffrire

gli uomini per cinque mesi...

[17] Così mi apparvero i cavalli e i cavalieri: questi avevano

corazze di fuoco, di giacinto, di zolfo. Le teste dei cavalli erano come le teste

dei leoni e dalla loro bocca usciva fuoco, fumo e zolfo. [18] Da questo triplice

flagello, dal fuoco, dal fumo e dallo zolfo che usciva dalla loro bocca, fu

ucciso un terzo dell'umanità. [19] La potenza dei cavalli infatti sta nella loro

bocca e nelle loro code; le loro code sono simili a serpenti, hanno teste e con

esse nuociono.

7 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    E peggio che il film di orrore !

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 5 anni fa

    Ho trovato diversi libri su Amazon che parlano di astrologia. In questa pagina c'e' un elenco nutrito di titoli che fanno al caso tuo e che credo possano dare una risposta alla tua domanda http://amzn.to/1HLPJgD

    Leggi anche le opinioni e i commenti dei lettori, ti aiuteranno a chiarire ulteriormente i tuoi dubbi.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Magari vuoi pure tè e biscotti mentre ti distrugge?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Non credo che le cose si ripetano in corsi e ricorsi storici: tutto è nuovo.

    Credo che l'Apocalisse sia una rivelazione, una lettura di tutta la storia dell'Umanità e dove va a finire.

    Il linguaggio apocalittico e drastico, più che essere preso per realistico deve essere letto come profetico.

    Per un bruco, diventare farfalla deve essere qualcosa di sconvolgente, per quanto lo trasformi in qualcosa di stupefacente.

    Vaglielo a dire al bruco, in termini da bruco, che cosa gli capita....

    Se gli parli da farfalla rischi di non essere capito...

    Il linguaggio dell'Apocalisse è un modo di comunicare dalla parte del bruco e non della farfalla...

    A volte anche un esame prima di farlo è una Apocalisse...

    Dopo sei il primo a dire: E questo era?

    L'Apocalisse è una rivelazione della storia dell'umanità alla luce del mistero di salvezza operato da Cristo per mezzo della sua Chiesa.

    E' un cambiamento radicale della Storia, la nascita della Chiesa, che tra l'altro all'epoca di Giovanni, era di pochissime unità....

    Eppure, lo Spirito Santo ha ispirato Giovanni a vedere in essa il "cambio" nella storia della salvezza.

    Banalizzare l'Apocalisse è prenderla in mano e dire :"Questo è accaduto, questo sta accadendo..."

    La portata di questa Rivelazione è molto più profonda e reale.

    La stessa conversione a Cristo è un qualcosa di Apocalittico...cioè di epocale e fa parte dell'economia della salvezza....

    Certo, c'è molto di simbolico e metaforico, è proprio il linguaggio apocalittico, sviluppato dai profeti e in alcune opere apocrife molto lette all'epoca di Giovanni..

    Però, il riferimento è sempre a realtà che furono, sono e saranno.

    Cristo ieri, oggi e sempre.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    considerando il senso di giustizia e di misericordia che l'uomo ha attribuito a Dio per sua convenzione e quindi il senso di giustizia che l'uomo concepisce.

    come può esistere una punizione doce? se è dolce non è una punizione, dato che il nostro sentire dolcezza in qualche cosa che ci viene imposto implica un senso di piacere e quindi dov'è la punizione?

    se per l'uomo "inferno" e "paradiso" sono indifferenti se nessuno fa paura non ci sarebbe il senso dell'errore ma l'errore permarebbe, solo noi non saremmo in grado di distinguerlo.

    perchè quando ci si da una martellata su un dito sentiamo dolore? per avere il senso di una azione sbagliata che ci danneggia, che danneggia la nostra integrità e funzionalità fisica.

    lo stesso accade a livello psichico e spirituale.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    evvai scemo

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Il libro dell'Apocalisse è un concentrato di tutte le cose che sono già accadute, dalla Creazione fino alla Pentecoste, e se riguardano anche il futuro, esso va letto come ripetizione di cose già passate. Tipo i corsi e i ricorsi storici di Gian Battista Vico.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.