Cosa ne pensate del discorso della madre che ha perso la figlia perchè dimenticata dal padre in auto?

Personalmente ho il massimo rispetto per una madre che ha perso il figlio, e ancora di più per una moglie innamorata che cerca di difendere il marito accusato.....ma non ha forse sbagliato l'approccio?

Da padre e marito quale sono posso capire la sua disperazione, ma andare in tv a dire che NON E' COLPA DEL MARITO, e che POTEVA SUCCEDERE A CHIUNQUE mi pare OFFENSIVO....

Personalmente non ho mai dimenticato mio figlio da nessuna parte, tantomeno in auto sotto il solo per ore.......e dubito che possa capitare a qualsiasi persona equilibrata......

Posso anche capire che in un momento di disperazione si possano dire cose assurde e offensive, ma i giornalisti-sciacalli non potevano evitare di trasmettere una intervista tanto delirante?

Negli ultimi anni in Italia si assiste a DIFESE A OLTRANZA nei confronti di familiari oltre ogni ragionevole dubbio e logica.....ma possibile che quando succede qualcosa di grave nessuno (o almeno pochi) nutra dubbi o perplessità (ricordiamo anche il caso di Cogne in cui il marito della Franzoni esordì all'indomani della tragedia in TV difendendo a spada tratta la moglie contro ogni evidenza, e così ha continuato anche dopo) ?

Personalmente credo che se fosse un mio familiare accusato di qualcosa di grave gli starei vicino, ma non andrei contro ogni evidenza dei fatti....

L'Amore può essere così cieco da non lasciare spazio ad un minimo di dubbio o perplessità?

Aggiornamento:

NON TRAVISATE LA MIA DOMANDA.....NON DATE LIBERE INTERPRETAZIONI: IL SOGGETTO DELLA DOMANDA E' LA MADRE-MOGLIE, NON L'UOMO.....

24 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Migliore risposta

    simone, sarai poco amato e tutto, ma a me piaci perchè hai le palle per dire cose scomode.

    è vero, tutti difendono tutti.

    sembra che il legame di sangue non faccia vedere le cose per quello che sono.

    per me il sangue conta poco, contano i fatti.

    puoi anche avermi donato la vita, ma se sei un testina lo dico.

    è vero, non si può dire "può capitare a chiunque", lo scrissi anch'io.

    a chiunque può capitare di dimenticare di portare fuori il cane e che questo pisci sul tappeto, ma a chiunque NON capita di lasciar morire una figlia.

    poi per carità, come sempre qua quest'uomo starà soffrendo come un cane e non merita accuse e insulti, questo no...però io non credo che capiti a chiunque, e il fatto che in 4 anni sia successo solo a 2 persone ne è la prova.

    poi per carità, tutti possiamo avere un incidente, cadere, prendere un fulmine, avere i nostri problemi.

    ma sono cose diverse.

    anche mio marito, alle parole di questa donna, si è sentito come te.

    ti ricordi erika e omar? e il padre di lei?

    una figlia assassina, una moglie e un figlio morti, e lui che perdona e protegge...mah.

  • 9 anni fa

    Le distrazioni dei genitori uccidono i figli.

    Capita.

    Ed è così da sempre.

    Dimenticarsi una bambina in auto sa di evento eclatante, ma di fatto ogni anno accadono migliaia di incidenti, domestici e non, che vedono vittime i bambini.....i quali ingurgitano sostanze nocive, soffocano, volano giù dai balconi, si perdono, si ustionano, annegano in un palmo d'acqua, si feriscono a morte.

    E tutto, per momentanea distrazione dei genitori.

    A volte bastano un paio di minuti.

    Tutto questo, non fa necessariamente di loro dei cattivi genitori.

    Un padre e una madre (e chi ha figli lo sa) spendono gran parte del loro tempo ad avere duecento occhi, a pensare a tutto, a cercare di anticipare pericoli e guai.

    Ma sono fallibili. Sono umani loro stessi, non sono robot. A volte sono stanchi, a volte abbassano la guardia, non lo fanno con intenzione o per incuria.....

    ...e quella volta, quell'UNICA volta, può risultare fatale.

    Io lo capisco, il discorso di lei.

    Non è un discorso da donna innamorata che difende ciecamente il suo uomo, è un discorso da donna consapevole del fatto che anche le persone più che degne possono commettere sbagli letali.

    Ed è vero.

    Anche io sono stata una madre dai duecento occhi, quando i miei figli erano piccoli, eppure anche a me me l'hanno fatta sotto il naso, a volte.

    Anche io mi sono distratta.

    Anche io ho avuto delle dimenticanze.

    Il caso, e nient'altro, ha voluto che i miei errori non avessero ripercussioni gravi.

    Eppure, non mi sono mai considerata una cattiva madre.

    Non dico che dobbiate per forza giustificare una persona che compie un errore simile.....nè che dobbiate comprendere il discorso della sua donna (io sì, lo comprendo.....ma nel contempo credo che sarà difficile per entrambi sopravvivere con questo trascorso nel cuore, nei tempi a venire): quello che dico, invece, è che non dovreste essere così sicuri che a voi non succederebbe mai.

    Non vi conviene.

    Persino in chi si crede infallibile è piantato, ben profondo, il seme dell'errore.

    E' in tutti noi.

    Tanto vale prenderne coscienza.

    Per il resto, trovo totalmente incongruo paragonare questa vicenda a quella di Cogne o quella di Novi Ligure.

  • 9 anni fa

    penso che sei la milionesima persona che posta la stessa domanda e penso che non possiamo nemmeno immginare cosa stia provando questa famiglia e quindi mi guardo bene dal giudicare..

    sentirsi offesi per le parole della madre?direi che in questa tragedia sia l'ultimo dei problemi di chiunque...

  • 9 anni fa

    Un conto è uccidere il proprio figlio, un altro è se il proprio figlio muore a causa di una disattenzione che provoca un incidente.

    Ma come fai a mettere le due cose sullo stesso piano??

    Un assassino è un assassino.

    Un genitore distratto, stanco, disattento... mai al mondo pensa di poter causare un danno al figlio e, se accade, vivrà per sempre ucciso dal senso di colpa e dal dolore.

    Non mi sembra che ci voglia una laurea in psicologia per capire la differenza... a me quel povero padre fa una pena infinita (e non è questione di amore, non sono la moglie!)

    Sinceramente provo molta meno compassione per chi, dal di fuori, dall'alto del proprio piedistallo, fa tanto presto a giudicare e mettere alla gogna.

    E questa è circa la 20esima domanda del genere in questa sezione.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    Non credo si tratti di un'intervista delirante nè di un uomo squilibrato. Ho visto invece un grande amore di una coppia che sta affrontando una tragedia senza senso, e finchè non ci si trova nei loro panni (e mi auguro non accada mai a nessuno) non si può capire realmente il senso del loro dramma.

    Alla maggior parte delle persone è vero che non accade di dimenticare un figlio. Io però mi ricordo di alcuni episodi della mia infanzia, in cui è capitato di trovarmi davanti all'oratorio o in piscina ad aspettare a lungo i miei genitori...i quali, pur essendo una coppia estremamente equilibrata e premurosa, magari avevano dimenticato a chi dei due toccava venirmi a prendere. Sarò successo tre volte in tutto, ma comunque è successo. Non ho mai visto in questo loro atteggiamento menefreghismo o non curanza nei miei confronti, anzi. Si trattava di una coppia come tante che con due figlie, le attività extrascolastiche, le malattie di una o dell'altra, senza nonni o babysitter che potessero aiutarli.

    Non è certo paragonabile l'essere dimenticata in piscina rispetto a rimetterci la vita in una macchina, lo so. Ma nonostante tutto non mi sento di condannarli, provo solo una grande pena.

  • joxyg
    Lv 6
    9 anni fa

    Lei vuole stare vicino a suo marito perchè sa che quella brutta mattina oltre ad aver perso la figlia ha perso anche il marito. Lui sarà morto dentro, solo immedesimarmi in lui per un attimo mi manca il respiro. Ha la sua colpa, ma il black out che avuto il suo cervello non è una sua colpa.

    Fermatevi un secondo, immaginate, immedesimatevi e poi giudicatevi.

  • 9 anni fa

    Occhio a dire "A me non potrebbe mai capitare".....penso che anche quest'uomo lo avrebbe detto fino al giorno prima...

  • 9 anni fa

    Rispetto il dolore di questa donna, ma la voglio vedere tra 2 mesi, appena dopo il parto, nervosa e stanca, per vedere se sarà ancora così dolce col marito che ha dimenticato la figlia

  • LeMarc
    Lv 5
    9 anni fa

    Tu pensa solo che il padre dovrà convivere per il resto della sua vita con questa colpa. Che genere di vita credi che gli aspetti non riuscendo più a guardare negli occhi sua moglie o qualunque altra persona sulla faccia della terra

    So che è difficile da credere ma sono tante le storie di bambini e bambine dimenticate dai genitori un pò ovunque (autogrill, scuole, ecc.).

    La mia non è una difesa verso il padre, ha sbagliato. Ha commesso un errore indescrivibile dal quale non si può tornare in dietro.

  • dinole
    Lv 5
    9 anni fa

    assassino volontario come nel caso di cogne o assassino per "sbaglio" come in questo caso...io farei una gran fatica la sera a sdraiarmi accanto a chi in un modo o nell'altro è responsabile della morte di mio figlio.

    Lo so che quest'uomo è già morto, lo so che sta affrontando un gran dolore, sono cose che sono state dette e ridette...non voglio crocifiggere nessuno, però io farei fatica a guardare negli occhi mi marito senza pensare alla cosa più bella del mondo che ora non ho più....mi sembra una cosa troppo grande da poter sopportare per me!

    Mentre invece nel caso di un assassino volontario, anche avere il solo sospetto su un mio familiare, mi ucciderebbe, non potrei difenderlo...l'ho già detto un 'altra volta: amare non siglnifica alterare la realtà, ma accettarla e capire che anche le persone che amiamo sbagliano e DEVONO pagare i loro errori....non accettare la realtà non pulisce le mani dal sangue di un innocente, ma nasconde quel sangue sotto un guanto!

    Non potrei accettarlo! Mi ucciderebbe!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.