R C
Lv 5

Se con la morte abbandoniamo le nostre spoglie mortali, come fanno i dannati a soffrire i tormenti infernali?

7 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Risposta preferita

    IL FUOCO DELL'INFERNO

    Così seppi continuamente scacciare da me la Grazia ogni volta che bussava.

    Lasciavo libero sfogo al mio malumore in modo particolare su certe rappresentazioni medioevali dell'Inferno nei cimiteri o altrove. nelle quali il demonio arrostisce le anime in braghe rosse e incandescenti, mentre i suoi compagni, dalle lunghe code, gli trascinano nuove vittime. Clara! L'Inferno si può sbagliare a disegnarlo, ma non si esagera mai!

    Il fuoco dell'Inferno l'ho sempre preso di mira in modo speciale. Tu lo sai come durante un alterco, in proposito. ti tenni una volta un fiammifero sotto il naso e ti dissi con sarcasmo: "Ha questo odore?".

    Tu spegnesti in fretta la fiamma. Qui non la spegne nessuno. lo ti dico: il fuoco di cui si parla nella Bibbia, non significa tormento della coscienza. Fuoco è fuoco! è da intendersi letteralmente ciò che ha detto Lui: "Via da me, maledetti, nel fuoco eterno!". Letteralmente.

    "COME PUò LO SPIRITO ESSERE TOCCATO DA FUOCO MATERIALE", domanderai. Come può l'anima tua soffrire sulla terra quando ti metti il dito sulla fiamma? Difatti non brucia l'anima; eppure che tormento ne prova tutto l'individuo!

    In modo analogo noi qui siamo spiritualmente legati al fuoco, secondo la nostra natura e secondo le nostre facoltà. L'anima nostra è priva del suo naturale battito d'ala, noi non possiamo pensare ciò che vogliamo né come vogliamo.

    Non meravigliarti di queste mie parole. Questo stato, che a voialtri non dice nulla mi riarde senza consumarmi.

    Il nostro maggior tormento consiste nel sapere con certezza che noi non vedremo mai Dio.

    Come può questo tormentare tanto, dal momento che uno sulla terra rimane così indifferente?

    Fintanto che il coltello giace sulla tavola, ti lascia fredda. Si vede quanto è affilato, ma non lo si prova. Immergi il coltello nella carne e ti metterai a gridare dal dolore.

    Adesso noi sentiamo la perdita di Dio, prima la pensavamo soltanto.

    http://www.genitoricattolici.org/dannata.htm

  • prete
    Lv 6
    10 anni fa

    Perché non esistono soltanto le sofferenze fisiche. La sofferenza principale dei dannati è l'odio che li divora: odio per tutto ciò che esiste e odio anche per se stessi, perché ci si rende conto di fare schifo e di aver fallito tutto anche se non lo si vuole ammettere.

    Pensa a uno che si suicida: una disperazione tale che ti rende la vita insopportabile. Un dolore squisitamente interiore. All'inferno è un po' così; soltanto che non c'è via d'uscita. Non puoi neanche suicidarti.

    Brrr.

    Ciao

  • 10 anni fa

    questa testimonianza può aiutarti a capire

  • 10 anni fa

    Perchè con anima si intende "coscenza" quindi anche coscenza dei sensi... ecco perchè l'anima pur essendo immortale trattiene tutti i sensi, compreso il dolore.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    10 anni fa

    giusto, questo l'ha capito bene Dante, leggiti un po' la Comedia (per conto tuo è forte, è a scuola che diventa 'na pizza).

    per esempio, pensa a un inferno dove per l'eternità sei interrogato dalla tua peggiore prof., oppure devi stare per sempre a una catena di montaggio... :)

  • Anonimo
    10 anni fa

    Nell'inferno sono più dolorose le fiamme ustionanti o le inforcate dei diavoli!?

  • 10 anni fa

    Ma che ***** mentali ti fai? O.o goduti la vita tromba un po di più ;)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.