CURRICULUM: la griglia di autovalutazione ci deve essere per forza?

e come devo scrivere se cerco lavoro come commessa o barista?

4 risposte

Classificazione
  • ReDa
    Lv 7
    9 anni fa
    Migliore risposta

    No, la griglia di valutazione non deve sempre esserci. Ovviamente quando fai la lista delle lingue che parli devi indicare il tuo livello, ma non deve necessariamente specificare il livello scritto, orale, etc. Puoi semplicemente dire “conoscenza elementare, intermedia, avanzata” etc.

    È invece importante includere tutti i dettagli che sono rilevanti al lavoro che cerchi... ad esempio, per lavori come commessa o barista metti bene in evidenza se hai esperienza di lavoro a contatto con il pubblico.

  • 9 anni fa

    ciao, concordo in pieno con Cinz Red. quando scrivi un curriculum devi ricordarti una cosa fondamentale: il curriculum non è un documento dove deve esserci "per forza" qualcosa... ognuno lo scrive come meglio crede, e soprattutto lo cambierà in funzione della persona che dovrà leggerlo. La cosa fondamentale è scrivere un curriculum in linea con l'azienda a cui lo devi mandare, e unire SEMPRE una lettera di accompagnamento. Uno degli errori più comuni da parte di chi manda curriculum è quello di farne solo uno, di stamparne 1000 copie e di mandarlo a chiunque. Male. A seconda della ditta/azienda a cui stai scrivendo, nella lettera e nel curriculum dovrai dare ampio risalto alle tue competenze che possono risultare di interesse per quella azienda, e sintetizzare invece tutto il resto. La griglia di autovalutazione, tipica del curriculum in formato europeo (pessimo e odiato da molti selezionatori) può essere utile se ti devi candidare per un lavoro in cui la conoscenza delle lingue è rilevante. Altrimenti, ti basterà inserire nel curriculum la voce "lingue straniere" e scrivere solamente quali lingue conosci e a che livello, senza griglie e altre amenità che non sarebbero di interesse.

    Se cerchi un lavoro in particolare, la cosa migliore è scriverlo nella lettera di accompagnamento, che non dovrebbe MAI mancare. Nel curriculum lo puoi accennare, scrivendo dopo i tuoi dati personali la voce "aspirazioni" e quindi il lavoro che vorresti fare. Ovviamente, se scrivi ad un negozio dirai una cosa, se scrivi ad un bar ne dirai un'altra. Non mi stanco di ripeterlo: MAI lo stesso curriculum, ne occorre uno personalizzato e specifico per ogni posto in cui ci si candida.

    Nella lettera di accompagnamento puoi scrivere qualcosa del tipo "con la presente intendo manifestarvi il mio interesse a lavorare presso la vostra azienda in qualità di commessa/addetta alle vendite". oppure "presso il vostro locale in qualità di barista". Specifica anche perchè ti proponi per quel lavoro, che tipo di disponibilità puoi dare (esempio: turni, flessibilità oraria, etc etc). insomma, devi fare in modo che chi legge il curriculum si convinca che tu possa essere la persona giusta per quel lavoro, o quantomeno che valga la pena chiamarti per un colloquio.

    saluti

  • 9 anni fa

    ...............e' un mistero per tutti............

  • Anonimo
    9 anni fa

    boh.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.