promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 9 anni fa

cosa sono i principi morali?

non sono naturali ma sono creati dalle religioni...

Per quanto riguarda me io sono senza principi morali riguardo al sesso e mi sento mooolto libero (tra l altro che non sono neanche religioso e quindi l unica mia regola è non fale del male agli altri a meno che non gli faccia bene... Ovviamente nei limiti mica sono saw) quindi la mia domanda è: che tipo di virus sono i principi morali? Sono un pò come il pudore?

Aggiornamento:

era meglio se stavi zitto .-.

Aggiornamento 2:

i principi morali e il buon costume sono innaturali perchè non esistevano nella natura e possono creare dei danni psicologici alle persone perchè va contro la natura del corpo

la coscienza è diversa lei ci aiuta a vivere assieme ed è naturale non è stata creata da nessuno... Anche se si può modificare

Aggiornamento 3:

@lunagattina si che esiste una verità unica perchè sappiamo che le basi della giustizia sono: non fare del male agli altri perchè se tutti pensano così allora nessuno si farà più male

prima non seguivano queste basi o perchè non l avevano capito oppure perchè era scomodo per loro questa verità...

Ma è da queste basi che si costruisce una società

Aggiornamento 4:

@lunagattina si che esiste una verità unica perchè sappiamo che le basi della giustizia sono: non fare del male agli altri perchè se tutti pensano così allora nessuno si farà più male

prima non seguivano queste basi o perchè non l avevano capito oppure perchè era scomodo per loro questa verità...

Ma è da queste basi che si costruisce una società

Aggiornamento 5:

@Cuochella se fai del male al prossimo e te ne accorgi la persona che ha fatto male a quella persona in natura si sentirebbe male per averlo fatto... la coscienza non è un principio morale... la coscienza è uno strumento che appartiene a tutti... i bambini quando fanno del male ad altri bambini non capiscono che gli stanno facendo del male perchè sono ancora troppo piccoli... sta a noi dirgli che così facendo gli fai del male...

Ovviamente per quella cosa della mela hai ragione ma più che un principio morale è una sorta di evoluzione della coscienza: se tu gli rubi la mela fai del male al venditore... è anche una cosa di logica la coscienza

Poi la cosa della bella tipa io credo che se tu vuoi fartela si dovrebbe chiedere esplicitamente: vuoi sco.pare? O se vuoi instaurare una relazione più seria potresti sempre chiederglielo direttamente oppure come dici tu la si invita a cena...

Io sono dell'idea comunque (è un aggiunta) che le persone dovrebbero andare in giro nudi se la temperatura

Aggiornamento 6:

consente... e anche sco.pare dove si vuole... dopotutto ognuno ha il diritto di sco.pare dove vuole anche davanti a tutti... è probabile che ti sembrerà strana questa affermazione perchè la nostra società è stata infettata dalla religione in un modo o nell'altro ma io no

5 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Alcuni principi morali sono dettati dalla religione, altri dal semplice senso civico o dal buon costume.

    Non è del tutto vero che tu sia totalmente privo di principi morali, per esempio hai affermato di rifiutarti di voler fare del male al prossimo, questo di per se è un principio no?

    I principi legati alla sessualità forse sono più legati alla religione, ma tanti altri non lo sono.

    Ad esempio aiutare chi ha bisogno non è un principio legato solo alla fede, ma può essere dettato anche da semplice empatia: ti spiace che una persona stia male e vuoi aiutarla per farla stare meglio.

    I principi morali non sono tutti dei virus, ognuno segue quelli a cui si riconosce maggiormente. Se questo lo fa sentire meglio perchè no? Mi preoccuperei piuttosto quando il "principio morale" è seguito più per paura (punizione divina o similari) che per naturale propensione.

    ________

    Vedo che ti stai perdendo un po’ lungo il percorso.

    La coscienza è la capacità di valutare se le proprie azioni e i propri comportamenti rispondono a determinati principi morali. Va da se che la parola “principio” indica di per se una norma di comportamento.

    Quelli che tu non condividi per esempio sono alcuni dei principi cristiani (in particolar modo quelli riferiti alla sessualità).

    Ma un principio, se è atto a contenere un certo comportamento che in natura avverrebbe spontaneamente, non è necessariamente causa di trauma psicologico.

    Per esempio se io avessi fame, agendo senza principi in preda all‘istinto, prenderei una mela da un fruttivendolo e la mangerei (senza pagarla), ma da piccola mi è stato insegnato che se non si paga un prodotto ad un negoziante significa che si sta rubando, e rubare non è una cosa giusta. Dubito che questo principio possa turbare qualcuno. Tuttalpiù se ne potrebbe essere contrariati (certo è più facile prendere una mela gratis piuttosto che lavorare per guadagnarsi il denaro per acquistarla).

    Altri principi invece, e qui ti do ragione, possono generare dei danni a livello psicologico, ma questo non preclude che ogni principio morale ne crei automaticamente semplicemente per il fatto che limita l’istinto naturale.

    Per esempio se al supermercato tu incontrassi una bella signorina non te la ingropperesti li davanti al banco gastronomia. Al limite la inviteresti a prendere un aperitivo insieme e poi chissà...

    Morale della favola: non condividerai i principi cristiani legati alla sessualità, ma almeno un principio ce l'hai: non fare del male al prossimo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Quando nasciamo Dio ci infonde la morale naturale, ossia in poche parole ci fa comprendere ciò che è bene e ciò che è male.

    Va da sè che anche gli atei oppure le persone che non conoscono Gesu' Cristo, capiscono che uccidere è male, che offendere è male, che calunniare è male.

    Semplicemente sono principi che sono insiti nella natura dell'uomo, perchè Dio li ha infusi, perchè Dio ci vuole suoi, perchè Dio ci ama e ci mette nelle condiqioni di partenza ottimali per raggiungerlo.

    Se tu sei libero sessualmente e hai questi dubbi, è proprio quello il principio morale, vuol dire che dentro di te capisci che la tua condotta è amorale che non rispetta i 10 Comandamenti .

    Ciuao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    I principi morali sono i figli dei re morali

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    personalmente sono agnostica e credo che, principalmente, l'essere umano sia un animale e che, come tale, risponda principalmente ai suoi istinti.

    Anche in quello che riguarda i principi morali.

    L'essere umano è un animale sociale. Significa che è biologicamente programmato, attraverso la selezione naturale, per essere un animale che vive in gruppo.

    Evidentemente la selezione naturale e l'adattamento all'ambiente, negli anni, hanno portato a selezionare quegli individui che aveva caratteristische tali per vivere in gruppo.

    Gli essere più solitari e asociali non sono sopravvissuti, mentre sono sopravvissuti gli esseri più comunicativi, sociali e adatti a vivere in gruppo. Probabilmente perchè l'uomo è un animale che ha bisogno degli altri animali per cacciare, riscaldarsi, sopravvivere ecc.. Come i primati.

    Quindi, nei millenni, gli essere umani che provavano empatia, che desideravano stare assieme agli altri, che riuscivano a compiere gesti positivi e ad aiutare il gruppo, sono sopravvissuti e si sono riprodotti, gli altri no.

    In questo modo siamo diventati animali sociali. Bisognosi del gruppo e biologicamente portati a cercare il bene del gruppo e della comunità.

    Con la nascita di società più complesse e di un pensiero filosofico, secondo me, l'uomo si è interrogato su questi istinti e ha diviso gli istinti in principi morali buoni e cattivi. Quelli "buoni", se ci fai caso, sono tutti quelli che tendono a mantenere la società unita e dediti alla cura di tutti i membri del gruppo. Al contrario, quelli "cattivi", sono quelli che creano disequilibrio nel gruppo e portano a uno smembramento della società.

    Certo, non è che una mattina un tizio si è svegliato e ha detto: "ecco, questi sono i principi morali".

    Si tratta di un processo complesso fatto di leggende, tabù, stili di comportamento tramandati di padre in figlio, a volte imposti da regimi di potere centrale, a volte imposti da certe categorie su altre.

    Ogni società, inoltre, ha necessità diverse, quindi i principi morali variano da società a società, a seconda di cosa risulta più importante per il gruppo o per la coesione della società stessa.

    Ti faccio un esempio?

    I principi morali riguardanti la sessualità delle donne e il tradimento.

    Per molti secoli, nella società occidentale, la sessualità delle donne è stata repressa fortemente. E il tradimento femminile giudicato in modo molto peggiore rispetto a quello maschile. Perchè? Probabilmente perchè in occidente si era sviluppata una società patriarcale in cui le donne sono diventate un mezzo di scambio per creare alleanze e un mezzo per ottenere figli. Una donna che tradisce è una donna che genera figli di altri uomini e quindi che indebolisce il potre del capogruppo, di suo marito. (E' un discorso un po' complesso, se vuoi prova a leggere qualche manuale di antropologia e sociologia).

    Per quanto riguarda i principi morali sulla sessualità in generale che ci sono oggi, anche quelli sono creati dalla nostra società che ha un retaggio cattolico molto consistente. Queste sono regole di comportamento dettate dall'alto, per mantenere un controllo superiore sulla popolazione e, probabilmente, per contrastare, nei primi anni dell'insediamento della chiesa cattolica romana, il paganesimo che era ancora molto forte e che prevedeva una libertà maggiore nel comportamento sessuale (l'atto sessuale era vissuto come sacro e buono).

    Quindi, per mantere unita la società cattolica è stato necessario, per la chiesa cattolica, reprimere dei comportamenti legati al paganesimo, o sostituirli con qualcosa che potesse rientrare nell'ordine del cattolicesimo e riequilibrare il desiderio delle persone di avere certi atteggiamenti con la coesione della società (ad esempio le festività come il natale o il carnevale o l'istituzione dei santi, che sono retaggi di feste e costumi pagani trasportati all'interno della società cattolica).

    In altre culture e in altre società, i principi morali si sono sviluppati in maniera diversa, ma in generale, tendono a svilupparsi per mantenere equilibrio e unità nel gruppo.

    Tutto questo, come dicevo, visto dal punto di vista di una persona agnostica e che si interessa di sociologia. Un credente o un filosofo o chiunque altro può avere idee completamente diverse dalle mie.

    Devi essere tu a decidere cosa ti sembra più giusto e più credibile.

    Perchè la verità pura e semplice, in realtà, non ce l'ha nessuno

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    Secondo me bisogna fare una distinzione fra PRINCIPI MORALI e MORALISMI!! I moralismi sarebbero quell'insieme di "regole" che possono derivare dalla religione o dal pensare comune. I principi morali sono invece personali e sono quelli che ti senti dentro e in base ai quali agisci. Nel tuo caso sia il fatto di fare del sesso libero e sia il fatto di non arrecare male agli altri, rientrano nei tuoi principi morali. E fai bene ad agire secondo quelli. Sai quanta gente si copre di moralismi per poi alla fine agire in tutt’altro modo. Nella vita ciò che conta è quello che senti e bisogna vivere per quello che si sente e non per quello che gli altri vorrebbero che tu senta!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.