Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaStoria · 10 anni fa

è vero che l'arca dell'alleanza è radioattiva?

Aggiornamento:

perchè oggi la prof.di religione ci ha detto che un sacerdote una volta all'anno in quell'arca e poi dopo 5 anni muore x un tumore alla pelle e poi muore

io ho visto una foto dell'arca quindi cosa mi accadrà tra 5 anni?

6 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    - E' la terribile arma di Mosè. L'arca è nascosta in Etiopia. Tre italiani la trovano ad Axum. Ricomparirà nel giorno del giudizio.

    La scena si svolge su un monte sacro dell'antico Egitto, nella penisola del Sinai, lungo un sentiero il cui passaggio è proibito alla gente comune. Inginocchiato davanti ad un roveto ardente, il profeta Mosè sta ascoltando gli ordini del Dio di Israele. "Farai un'arca di legno d'acacia e la rivestirai di oro puro. E dentro vi porrai la Testimonianza che io ti darò", comanda il Signore Jahweh.

    E Mosè obbedisce. Aiutato dal fido Bezaleel, e seguendo alla lettera le indicazioni del suo Dio, il patriarca ebraico costruisce una cassa di 125 centimetri di lunghezza per 75 di altezza e larghezza e la riveste di oro purissimo, sia internamente che esternamente. Quindi la copre con un coperchio dorato, chiamato propiziatorio. Sopra di esso colloca poi due piccole statuine, raffiguranti dei cherubini. E ai lati della cassa incastra quattro anelli in modo che questa possa essere trasportata più agevolmente, senza toccarla, inserendovi due pali.

    All'interno dell'arca della testimonianza, l'oggetto più sacro della tradizione religiosa ebraica, il profeta depone un po' della manna raccolta durante la traversata del deserto, la magica verga con cui erano state scatenate le piaghe contro l'Egitto e separate le acque del Mar Rosso, ma soprattutto le Tavole dei Dieci Comandamenti, il segno tangibile dell’alleanza con Dio.

    Proseguendo nella lettura del libro biblico dell’Esodo, scopriamo poi che, da quel momento, Mosè impone al suo popolo, per la custodia del sacro oggetto, tutta una serie di disposizioni tanto precise ed insidacabili quanto incomprensibili. Dell’arca si occuperanno i figli di Aronne ed i leviti non vi si potranno avvicinare se non dopo che questa sia stata coperta dai sacerdoti; durante l’esodo la cassa sarà collocata all'interno della Tenda del Signore (una specie di tempio smontabile) nelle soste e portata alla testa del popolo durante le marce; nessuno dovrà mai toccarla. E soprattutto, in particolari momenti spetterà solo a Mosè servirsene per lasciarvi comparire Dio in trono nello spazio fra i due cherubini.

    Le disposizioni di Mosè vennero seguite alla lettera sino alla scomparsa dell’arca, avvenuta probabilmente nel 587 a.C. In quell’anno, infatti, le armate babilonesi sconfissero gli ebrei e li depredarono di ogni bene. Prima di quella data, una volta raggiunta la Terra Promessa, i leviti collocarono l’arca nel sancta sanctorum, una segretissima cella sotterranea di venti cubiti per venti nel Tempio di Gerusalemme.

    A nessuno era concesso di accedervi e l’arca stessa veniva mostrata in pubblico solo in casi eccezionali.

    Ed il motivo di tanta segretezza era legato alla pericolosa ed incontrollabile potenza attribuito a questo oggetto.

    Si diceva che l’arca, in particolari momenti, si aureolasse di luce e fosse in grado di scatenare la potenza divina, annientando migliaia di persone. In che modo questo avvenisse non è chiaro. Ma è certo, se prestiamo fede alle antiche cronache bibliche, che con l’arca alla loro testa gli ebrei riuscirono ad annientare le decine di tribù ostili incontrate durante l’esodo nel deserto del Sinai. Il resoconto biblico al riguardo ci presenta un vero e proprio bollettino di guerra: le folgori dell’arca avrebbero distrutto le armate degli etei e dei gergesei, dei gebusei e degli evei e di un’altra decina di popolazioni che vivevano nella fascia di Canaan nel XIIIº a.C.

    Che cosa fossero queste folgori divine non è chiaro. In alcuni passi la Bibbia sottintende la presenza di un non meglio identificato angelo sterminatore, mentre in vari versetti dell’Esodo e nel Secondo libro di Samuele si dice chiaramente che chiunque toccava l’arca moriva percosso da Dio. Come accadde ai figli di Aronne, sebbene fossero proprio loro gli esperti custodi della reliquia, e ad un certo Oza che, volendo impedire che l’arca si rovesciasse durante un trasporto, la afferrò con le mani e morì all’istante, tra la costernazione generale.

    Ma la più grande vittoria dell’arca resta la distruzione della città di Gerico. Riguardo questo episodio il Libro di Giosuè è molto chiaro. Per ordine di Dio per sei giorni le armate di Israele, guidate da sette sacerdoti che recavano sette trombe di corno d'ariete e l’arca dell’alleanza, girarono attorno ai bastioni ciclopici. "E al settimo giorno, sonate le trombe, le mura crollarono", afferma la Bibbia....

  • 10 anni fa

    Secondo me è una gran boiata! Inoltre l'Arca dell'Alleanza originale è stata distrutta nel 586 a.C. quando i Babilonesi conquistarono Gerusalemme...molte tradizioni dicono esista ancora, ma non ci sono prove. Se ti rifersici a quella che c'è ad Axum in Etiopia è di sicuro un falso storico!

    E poi non c'è un motivo per cui dovrebbe essere radioattiva...nell'Antico Testamento semplicemente era vietato toccarla (chiedere al levita Oza, che durante un trasporto dell'Arca la toccò e rimase fulminato...).

    PS cmq forza Dea!!!

  • 10 anni fa

    i' arca di alleanza. secondo diceerie famatiche dei cristiani copti,

    fu portata da menelix, un imperatore ddi fantasia popolare copta,

    da quesi, che sarebbe stato il figlio ddella regina di saba d del

    giudeo re salomone, in etipia dove tuttora si troverebbe.

    radioattivitá dell' arca hanno lo stesso valore storico

  • ci sono state tantissime storie su quell'arca ad esempio chi non era ebreo non poteva toccarla altrimenti sarebbe stato incenerito da un fulmine emanato dall'oggetto.

    Poi un fatto realmente accaduto è che ogni 5 anni il guardiano dell'arca muore e secondo me sotto avvelenamento per far si che la leggenda rimanga viva.

    Fonte/i: Le Mie.
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Gianni
    Lv 7
    10 anni fa

    Vedo che la tua prof è bene informata: privilegio di chi ha contatti diretti con i protagonisti.

    Per quanto riguarda te, con la sola visione di una foto puoi stare tranquillo: al massimo ti viene un neo. Benigno però, niente melanoma.

  • Ilcoso
    Lv 4
    10 anni fa

    scommetto 100 euro che non è vero

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.