Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

RIsparmiandosul non nucleare potremmo sviluppare l'industria dell'eolico, fotovoltaico e termico?

cominciando dall'affinazione del silicio, la produzione, taglio, metallizzazione degli elettrodi, ecc.

ripristinando le conoscenze di radiofrequenza di potenza, pompe a vuoto, strumentazione di misura, controlli di processo automatici, visto l'enorme capitale risparmiato?

Nonchè reimparare tutto il Sapere e la tecnologia di elettronica di potenza e di impianti di distribuzione per produzione diffusa.

Saremmo indipendenti dall'esborso verso l'estero per il semilavorato, creeremmo posto per i nostri tecnici che se ne vanno, riutilizzeremmo capannoni vuoti (in certe zone del trivento uno su tre è vuoto per alcine centinaia di migliaia di metriquadri, certi già attrezzati di carroponte e macchine utensili, servizi, uffici.

La dimensione del mercato dovrebbe permetterlo, viste le potenze elettriche, il numero di impianti e la complessità per razionalizzare in termini economici gli impianti e la modifica degli esitenti.

O no?

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Sai gia' come la penso, la risposta e' no

    Con l'attuale normativa e' impossibile realizzare fabbriche che producano il silicio in italia. vorrei sapere come smaltire,cadmio arseniuro di Gallio, tellurio, acido fluoridrico, piombo che hanno la caratteristica di essere tossici, cumulativi e non avere tempo di dimezzamento. Vorrei vedere anche i costi di smaltimento per mandare i rifiuti in germania perche' in Italia non ci sono discariche adatte

    Non abbiamo terre rare (neodimio, ecc) per costruire magneti permanenti ad altre prestazioni per i motori elettrici e per i generatori eolici, La Cina ha bloccato l'esportazione, le altre miniere in USA e Australia sono state chiuse per i bassi rendimenti e i cinesi si sono comprati le miniere in africa.

    Ammesso poi che qualcuno sia cosi' pazzo da costruire in italia dove il costo del lavoro e' molto piu' alto che in cina dovremo comunque compare la tecnologia delle fabbriche dal Giappone che in questo momento sta ricostruendo le sue e che non sarà disponibile per i prossimi dieci anni causa tsunami

    Le silicon farm sono talmente automatizzate comunque che non ci sono piu' lavoratori. I robot non perdono peli e non hanno la forfora e le dimensioni per essere redditizie sono talmente grandi che non si riutilizzerebbero molti capannoni.

    Non solo ma per ogni watt di rinnovabile installato bisogna averne uno di riserva per il momento in cui non c'e sole, vento o acqua nelle dighe che ,visto che non avremo nucleare, sarà a gas petrolio o se vogliamo risparmiare qualcosa carbone. Le doppie centrali costano il doppio e l'energia non sarà competitiva con quella francese nucleare e non potremo neanche esportarla.

    Ci diamo le martellate sugli zebedei e godiamo perche' non sentiamo male ma e' perche' siamo come i dinosauri e il dolore prima di arrivare al cervello ci mette del tempo

  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa

    L'eolico credo ci sia poco da sviluppare. Gli studi aerodinamici del settore sono ormai giunti a un limite, è difficile immaginare grandi sviluppi. Il problema è che in Italia purtroppo non abbiamo abbastanza vento.

    Sul fotovoltaico la ricerca magari troverà qualcosa che lo renda più appetibile, ma ora come ora ha rendimenti troppo bassi...

  • 1 decennio fa

    Credo proprio di si, l'utilizzazione razionale dell'energia e il miglioramento dei rendimenti delle apparecchiature è la forma migliore di risparmio, perché è quella che influisce di meno sulle nostre abitudini di vita...Che a sua volta è la forma migliore di "produzione" dell'energia.

  • 1 decennio fa

    si parla anche di centrali al Torio....ma del torio si e' parlato tanto come fattore cmq inquinante e pericoloso....si e' parlato di costruire come negli Usa le case di legno.....qui si parla sempre...ma nn si fa nulla...evidentemente qualcuno nn puo' guadagnarci pui' di tanto.....o l'impegno a fare le cose per bene cmq nn soddisfa....

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.