Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaRoditori · 10 anni fa

cerco informazioni per la cura dello scoiattolo giapponese.?

salve ho acquistato da un giorno uno scoiattolo giapponese e vorrei alcune informazioni per poter prendermene cura in maniera ottimale per esempio:

1- che orari ha? perchè oggi si è svegliato tardissimo

2-come devo nutrirlo, cioè con quanta frequenza e devo bilanciare frutta secca con frutta fresca?

3-in che periodo va in letargo?

4-deve fare vaccini o controlli vari?

5-posso dargli i semi di girasole?

Aggiornamento:

6-per farlo bere devo mettergli un beverino simile a quello per criceti/conigli o va bene una ciotolina?

Aggiornamento 2:

10 punti a chi mi sa aiutare =)

1 risposta

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Ok, proverò a risponderti al meglio.

    1) Lo scoiattolo giapponese è un animale diurno che passa molto tempo del giorno a cercare del cibo da mangiare, poi, lasciando stare qualche pisolino, quando è sarà andrà a dormire tranquillamente, sopratutto se lo tieni fuori. Dipende da quando lo hai preso, magari è ancora un po' stressato e devi lasciarlo stare perché si ambienti, comunque il ciclo giorno-notte se lo tieni in casa le luci artificiali posso disorientarlo e modificare il suo stile di vita.

    2)Lo scoiattolo è un onnivoro. E’ importante quindi un’alimentazione equilibrata e con un basso contenuto di grassi per evitare l’insorgere di problemi legati all’obesità.

    La sua dieta è costituita da frutta, semi, verdure e pochi alimenti di origine animale. Tra la frutta fresca sono particolarmente indicate le ciliegie (a cui è stato tolto il nocciolo che risulta essere tossico), le mele ma anche le pere, le pesche, le arance, i mandarini, le clementine e le melagrane. E’ sempre bene lavare ed asciugare questi frutti e somministrarli non freddi appena tolti dal frigorifero ma a temperatura ambiente. Tra la frutta secca, invece, le più gradite sono le arachidi, le noci, le nocciole, le mandorle, le castagne e i pinoli che non devono essere né tostati né salati.

    L'apporto di fibra e sali minerali viene fornito dalle verdure. Le più indicate sono le carote, molto apprezzate dallo scoiattolo, foglie e fiori di tarassaco, pomodori ed insalate come lattughe, indivia, cicorie e radicchi.

    In commercio si trovano mangimi confezionati appositamente per scoiattoli a base di semi e granaglie. Sono estremamente appetibili per tuo scoiattolino ma se somministrati come unico alimento non soddisfano i suoi fabbisogni nutrizionali.

    Una piccola quota di proteine viene fornita da alimenti di origine animale come larve di insetti (camole della farina), crocchette "light" per cani, petto di pollo e yogurt.

    3) In natura questi scoiattoli cadono in un sonno invernale nel periodo compreso tra ottobre ed aprile in relazione all’abbassamento delle temperature. Per prepararsi a questo periodo non accumulano grasso corporeo come accade ad altri mammiferi, ma immagazzinano cibo all’interno della propria tana durante la bella stagione. Gli scoiattoli alternano periodi di sonno profondo (circa cinque - otto giorni) a brevi periodi di veglia durante i quali si nutrono o compiono brevi escursioni all’esterno.

    In cattività generalmente questo atteggiamento si manifesta meno. Le diverse temperature ambientali presenti nel nostro Paese fanno si che lo scoiattolo senta meno la necessità di rimanere nascosto nella propria tana per ripararsi dal freddo. Inoltre, la presenza del cibo che quotidianamente gli somministri fa sì che esca dalla tana almeno una volta al giorno.

    Sicuramente nel periodo invernale noti una minore attività del nostro scoiattolo, che è meno vivace e passa molte ore nascosto a dormire (questo atteggiamento è del tutto naturale e non deve essere confuso come uno stato di malattia) ma durante la giornata può capitare vederlo girare nella sua gabbia o all’interno della voliera alla ricerca del cibo che hai lasciato apposta per lui. In ogni caso, per qualsiasi animale il sonno invernale è una dura prova. Per sopravvivere devono essere in piena salute. Se sono ammalati o magri o deboli non dovrebbero passare l’inverno fuori al freddo ma in un posto riscaldato.

    4)Gli scoiattoli non richiedono nessun tipo di vaccinazione, è invece bene fare un esame delle feci per controllare che non ci siano parassiti intestinali.Bisogna evitare gli sbalzi di temperatura, le correnti d’aria ed in estate i colpi di calore. Se vuoi introdurre un soggetto nuovo in una gabbia o voliera dove sono già presenti altri scoiattoli striati è meglio prima fargli fare un periodo di quarantena per evitare la possibile trasmissione di malattie. Sono animali estremamente puliti che non necessitano essere lavati.

    5) Alcuni semi come quelli di girasole sono ricchi di grasso ma carenti di proteine, vitamine e calcio. Per questo motivo possono essere utilizzati saltuariamente ed in quantità ridotte, quindi se non vuoi ritrovarti un botolo di ciccia che rotola sii parsimoniosa.

    Se il suo mangime ne è pieno togliglieli e dagliene uno qualche volta quando ti sale sulla mano ad esempio, al massimo se è un tipino molto attivo gliene puoi dare uno al giorno, tanto lo brucerà.

    6)Gli abbeveratoi a goccia sono da preferirsi alle ciotoline poiché potrebbe sporcare l'acqua con la lettiera o con gli escrementi. L'acqua va rinnovata tutti i giorni e deve essere sempre fresca e pulita.

    Spero di esserti stato d'aiuto =)

    Fonte/i: Ne ho avuti 3!!!
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.