promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in ViaggiItaliaItalia - altro · 9 anni fa

urgente campeggio in montanga?

ciao sono di napoli potete dirmi per un campeggio fai da te ovvero su un luogo sperduto della montagna tra amici cosa bisogna portarsi oltre la tenda??? mi consigliate un luogo adatto?

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Iniziamo con l’attrezzatura che riguarda la tenda. Ricordate di comprare dei picchetti degni di questo nome, e non quei ridicoli “spilli” che in genere danno insieme alla tenda. I veri picchetti sono più pesanti e robusti, e garantiscono una maggiore sicurezza di montaggio, e una minore probabilità di rottura. Poi è utile portare alcune corde, sia per legare meglio la tenda, che per stendere la biancheria. Infine, è utile portare il martello, anche se spesso si riesce a rimediarlo dagli automobilisti, più forniti dei motociclisti per ovvie ragioni! Personalmente lo porto sempre, per non trovarmi a piantare i picchetti con le mani!

    Poi è fondamentale la torcia, che deve consumare poco, e avere un fascio luminoso abbastanza ampio, cioè non concentrato, altrimenti illuminerà solo una piccola porzione di tenda in maniera eccessiva, lasciando al buio il resto. Tra le torce migliori, più utili e decisamente comode per il campeggio, ci sono quelle che si fissano alla testa mediante un elastico, come quelle per i minatori. Per non consumare sempre le pile, noi portiamo anche delle candele, per fare delle romantiche cene a lume di candela! E’ facile costruire una protezione per la fiamma con un bicchiere di plastica bucato, nel quale infilare parzialmente la candela. Sempre il mio amico Ruggero mi suggerisce di portare anche una piccola lampadina-portachiavi, da appendere al gancio che talvolta è presente sul “soffitto” della tenda: in questo modo si ha sempre una luce di scorta, e per le piccole necessità notturne è più che sufficiente, però non sempre tale gancetto è presente nella tenda (per esempio quella che ho avuto fino a poco tempo fa ne era sprovvista).

    Per le punture di insetto è bene portare Autan, nella versione spray perchè più duratura e efficace rispetto allo stick profumato.

    Infine, per capire subito se qualcuno è entrato nella tenda, potete chiudere la zip con un piccolo lucchetto.

    Per il pernottamento, praticamente da subito, dopo la prima, traumatica esperienza fatta con l’Interrail anni fa, usiamo dei materassini gonfiabili, da due anni quelli da trekking della Ferrino: piccoli, leggeri, ma un po’ porosi, cioè si sgonfiano leggermente dopo un paio di giorni che li si tengono gonfiati. Se optate per questa soluzione, ricordate di portare i ricambi per ripararli in caso di foratura! Per un paio d’anni ho portato con me anche un piccolo gonfiatore, poi vi ho rinunciato perchè ho visto che non ne valeva la pena. Per coprirmi ho sempre usato un sacco a pelo di piume d’oca, dato che la notte fa fresco in qualunque paese europeo. Per legare meglio il sacco a pelo dentro il baule, uso delle cinghie per stringerlo bene e occupare il meno spazio possibile.

    Per quanto riguarda il mangiare, vendono delle bellissime popotte molto piccole, ma complete di tutto: lo scorso anno ne ho comprata una in acciaio (non prendete quella piccola della Ferrino: costa tanto ed è in alluminio; ne ho presa una di una marca sconosciuta in acciaio), che ha due pentole che si incastrano l’una nell’altra (una grande abbastanza per cuocere anche la pasta!) e all’interno ci sono due piatti. Poi ci ho fatto entrare anche i bicchieri presi dalla vecchia popotte, mentre le posate le ho costruite io: ho usato le forchette e i coltelli da dolce, segandoli e limandoli al punto giusto, per far entrare bene tutto, mentre per i cucchiai ho preso quelli normali (non mi andava di mangiare il riso con un cucchiaino!!) accorciandoli a dovere: sono bellissimi! Ovviamente, è indispensabile un bel coltellino multi-funzione con apribottiglie e apriscatole, ecc. ecc. Oltre ai cibi pronti, è bene portare anche una boccetta con l’italianissimo olio d’oliva e un piccolo barattolo di spezie. L’anno scorso, per fare onore alle nuove pentole, abbiamo portato anche un piccolo scolapasta, che in realtà è uno “scolariso”, sufficiente a scolare la pasta per due persone. Quest’anno, dato che quasi certamente legherò la tenda fuori, invece che tenerla nel baule posteriore, riusciremo a portare anche la caffettiera, per la gioia della mia ragazza!

    Come ultimo aspetto da considerare per il mangiare, c’è la ricarica del fornello a gas: se andate in paesi poco forniti, è meglio portare una cartuccia di ricambio, per non rimanere (come ci è successo un paio di volte) con la frittata o la pasta cotti a metà! Ovviamente, per lavare le stoviglie è necessario portare del detersivo per i piatti e una spugnetta (utile anche in altre occasioni).

    Per quanto riguarda il bagno, consiglio di portare la carta igienica, dato che nei campeggi è una merce rara venduta a caro prezzo e, per occupare poco spazio, due asciugamani: uno piccolo (normalmente usato per il bidet) per i capelli, e uno medio (di quelli per la faccia) per il resto del corpo. Per asciugare bene i capelli, e non prendersi un malanno, si può portare un asciugacapelli da viaggio, piccolo e rumorosissimo!!

    Fonte/i: Spero di esserti stata d'aiuto :)
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.