Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Angelo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 10 anni fa

Perchè i figli devono scontare le pene dei genitori?

come pediatra vedo ogni giorno bambini piccolissimi che soffrono di crisi d'astinenza perchè la madre faceva uso di droghe, bambini malmenatati.

15 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    E' un problema doloroso, che mi fa soffrire, perchè mettendomi nei panni di un pediatra ti immagino impotente davanti a bambini inermi in balia di genitori allo sbando di fronte ai quali è impossibile intervenire. Se poi penso che il piccolo inizia la sua vita dal concepimento mi vengono davvero i brividi al solo pensiero. Però alcune riflessioni le faccio e sono soprattutto sul post, su quando questo ex bambino diventerà grande, e avrà modo, glielo auguro, di riscattarsi da piccolo bambino malamato che è stato, uscire dal bozzolo e diventare colorata farfalla. Non sarà facile, anzi sarà dolorosissimo, dovrà spogliarsi di tante cose e curare ulcere profonde, prima tra tutte liberarsi della morale convenzionale, quella che dice che i genitori che toccano in sorte vanno amati sempre e comunque. Se un genitore ti ferisce a morte, affonda il coltello nella carne fino all’osso ed è lui non va perdonato. Non mi stancherò mai di dirlo, da adulti si può essere abbastanza intelligenti per non metterlo alla gogna ma non perdonarlo. La morale cristiana impone il perdono, il quinto comandamento, ma il corpo ferito di ex bambino maltrattato reclama un’altra verità e merita di essere ascoltato, curato col migliore dei balsami, coccolato e custodito da qualcuno. Se non hai avuto un padre e una madre buoni, lo devi fare tu stesso, e il primo passo è proprio riconoscendo chi ti ha fatto del male, se sono stati loro, papà e mamma, bene, sono stati loro, mica no! Perché devono essere buoni a tutti i costi? Vogliamoci bene, siamo tutti fratelli, perché quando mia madre si faceva le spade non sapeva niente ed è rimasta incinta perché non si accorgeva del ciclo mestruale e sono nato per sbaglio? Bene, sono qua, ora ci sono e reclamo il mio esserci, da piccolo mi ha fatto soffrire, ora posso fare senza di lei e lo faccio. Ovviamente questa visione non è mia, o meglio è mia, ma ispirata, principalmente a Jung, alla Miller “La Rivolta del corpo”, opera rivelatrice per me che, purtroppo, ho una certa dimestichezza .. con l’argomento. La Miller sostiene pochi punti ma chiarissimi. Ogni bambino che viene al mondo ha bisogno di ricevere dai genitori amore, ovvero, dedizione, attenzione, protezione, gentilezza, cura e disponibilità a comunicare. Le funzioni corporee, come il respiro, la circolazione del sangue, la digestione, reagiscono soltanto alle emozioni vissute e non alle prescrizioni morali (per me è stata la chiave di volta per tutto). Il corpo si attiene ai fatti. Il corpo, forte di questi doni, ne terrà vivo il ricordo positivo e consentirà all'individuo divenuto adulto di elargire lo stesso amore ai propri figli. In mancanza di ciò, invece, il bambino di un tempo conserva dentro di sé per sempre vivo il desiderio inappagato di quei primi bisogni vitali. Desiderio che nella vita futura proietterà su altre persone. Il corpo è il custode della nostra verità poiché porta dentro di sé l’esperienza di tutta la nostra vita e fa in modo che ci sia possibile vivere con la verità del nostro organismo. Il sintomo è un aiuto molto valido, perché ci costringe ad ammettere tale verità anche a livello cognitivo, per consentirci di comunicare con il bambino che è vivo in noi e che in anni lontani è stato disprezzato e umiliato. Il corpo ha completa memoria di ciò che abbiamo vissuto e che grazie al lavoro terapeutico sulle emozioni non siamo condannati a ripeterne ciecamente l'esperienza a danno dei nostri figli o di noi stessi. La morale può senz'altro prescrivere quello che dobbiamo o non dobbiamo fare, ma non quale debba essere il nostro sentire. Ancora la Miler: “Non possiamo produrre sentimenti autentici e nemmeno sopprimerli, possiamo soltanto operare una scissione, ingannare noi stessi e il nostro corpo.

    Io ho avuto la fortuna di incontrare un Testimone consapevole e di liberarmi piano piano, è quello che auguro ai bambini maltrattati e umiliati con cui hai a che fare tu. Mi rendo conto che il mio discorso è complesso, non condivisibile da molti, poco sintetizzabile e forse verrà frainteso, ma è talmente tanto vissuto sulla mia pelle e importante per me che non posso leggerti e passare oltre, ne va di me, della bambina che sono stata e della donna di ora. Grazie e fai una carezza a quei cuccioli d’uomo, è tutto quello di materiale che puoi dare loro, oltre alla tua professionalità: le emozioni passano attraverso il corpo e il corpo ricorda ogni cosa scambiata, forse un giorno anche una carezza data con affetto sincero da un pediatra preoccupato. Ciao e buon lavoro! P.s. non rileggo perché temo che cancellerei tutto e invece so che devo postarlo così come mi è venuto, di getto e d’impulso, scusa gli errori che saranno tanti, lo so

  • 10 anni fa

    Ti parla una che pene dei genitori ne sta scontando parecchie.Forse i genitori non si rendono conto che qualsiasi cosa fanno,qualsiasi azione,qualsiasi litigio o urlata di troppo poi ha ripercussioni inimmaginabili nel futuro del figlio,parlano anche di droga.La gente non capisce che i bambini non sono giocattoli e molto spesso vengono sottovalutati,pensando che quello che si fa mentre il bambino è piccolo poi in futuro questo non lo ricorderà.Ma invece proprio ora padre e madre si dovrebbero occupare della salute,mentale e psicologica del figlio.In quanto alle madri che usano droga avendo un bambino..............vergogna soltanto.

  • ?
    Lv 5
    10 anni fa

    perché purtroppo non viviamo più in una società responsabile... che vergogna! -.-

  • Anonimo
    10 anni fa

    Il perchè me lo sono sempre chiesta anche io, ma non ho mai trovato risposta.

    I genitori dovremmo essere più responsabili! Pur commettendo errori, perchè siamo esseri umani, dovremmo sempre pensare che prima di tutto ci dovrebbero essere i figli come priorità, non noi!

    Purtroppo siamo malati di egoismo ed egocentrismo, e non vogliamo abituarci a rinunciare a tutto ciò che il nostro essere immaturi pretende da ognuno di noi.

  • 10 anni fa

    Ciao Angelo, io fin dalla tenera età ho dovuto scontare le pene dei miei genitori, o così si dovrebbero chiamare.. ma credo che, fare il genitore non sia un ruolo che possono fare tutti, c'è chi è portato e chi no, fare il genitore è un impegno, mettere alla luce un figlio credo sia una delle emozioni più indescrivibili della vita, ma ormai ha perso di importanza, come il matrimonio e io ho solo 17anni, ma non mi ritrovo per nulla nei giovani di oggi. Avevo scritto tempo fa una domanda su Yahoo, che in realtà era solamente un mio sfogo, ma che mi è servito. Ti inserisco il link ; http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=At...

  • 10 anni fa

    Credevo he ti riferissi a livello morale e psicologico....come una separazione in casa o divorzio....

    Questo...proprio faccio fatica a pensarlo...

    Come si fa nel 2011 essere conciati cosi'!!!

    Cosa ti porta a metter al mondo un figlio cosi'....

    Solo soffente! Mahhhhh

  • 10 anni fa

    Ognuno di noi è stato affidato ad uno o due genitori; a molti di noi è andata bene, a troppi no. Sinceramente non so darti una risposta per queste gravissime pene inflitte a chi non ha nessuna barriera, nessuna difesa. Resta la coscienza di chi soccorre, di chi può intervenire (altri parenti, assistenti sociali, ecc...) nella speranza di non togliere tutta l'innocenza a questi meravigliosi doni che sono i figli.

    Fonte/i: il mio cuore di mamma
  • 10 anni fa

    I figli devono scontare le pene dei genitori perchè fino alla maggiore età sono tutelati da loro (anche se non in modo corretto) i figli non possono fare niente finchè non arrivano ad' avere l'età in cui possono scappare di casa avendo un posto dove andare, o adirittura chiamare il telefono azzurro.

  • 10 anni fa

    purtroppo sono situazioni tuttora inevitabili,

    ma fortunatamente è possibile, giusto e doveroso intervenire!

  • 10 anni fa

    Perchè i genitori non sanno comportarsi nel migliore dei modi per farsì che i loro figli nascono sani e felici.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.