Patri ha chiesto in Matematica e scienzeIngegneria · 9 anni fa

aiuto progettazione piccolo impianto fotovoltaico 12v!!?

salve, vi spiego il mio caso, sono sicuro che riuscirete a trovare la soluzione piu adatta alle mie esigenze:

vivo in un condominio composto da 7 villette, e l'illuminazione esterna (condominiale) è composta da 8 lampioncini alti circa 1,20 m, alimentati a 220v attivabili da un temporizzatore, si accendono poco prima del tramonto e si spengono alle prime ore del mattino, in pratica rimangono accessi 10 ore al giorno circa.

A causa di vari diverbi tra vicini (pagamento unica bolletta) si sta per decidere che ognuno si paga la propria illuminazione esterna, allora ho in mente di proporre l'installazione di un panello solare per alimentare le lampade esterne, che anziché alimentate a 220v si potrebbero alimentare a 12v, allora mi servirebbe un progetto per questo caso, e se eventualmente non ci fosse un comune accordo tra i vicini, un altro progettino per l'illuminazione di una singola lampada (di quelle da 11 - 15w), senza dimenticare che ci vorrà un relè crepuscolare o un temporizzatore.

attendo una vostra risposta

cordiali saluti

Aggiornamento:

aggiungo i seguenti dettagli:

- 1° la verità è che qualcuno aveva già proposto di collegare il proprio lampioncino alla rete domestica, però ho guardato che su internet con circa 100 euro senza manodopera a persona si può fare, e i soldi rientrerebbero all'incirca dopo 3/4 anni visto quello che si spende

-2° sono un perito elettrotecnico perciò il progetto potrei farlo io vista la semplicità, e le altre formalità non verrebbero prese in considerazione, sappiamo come funziona, sembra chissà che cosa ma è molto piu semplice di quello che vi ho illustrato, quello che volevo sapere era un dimensionamento di massima, ho controllato e i lampioni sono 7, tutti con lampade da 11w, quindi accesse per 10 ore la notte risulterebbe un consumo (aggiungendo un 20%) di circa 0.85 - 0.9 kwh

Aggiornamento 2:

ah ecco allora forse mi sbagliavo con i calcoli, avevo trovato un kit con un pannello da 90w, un regolatore di carica con crepuscolare e 6 lampadine da 12v, cosa potrebbe fare questo kit? inoltre in garage (quello condominiale) ho trovato una scatola di derivazione con i cavi che provengono proprio dai lampioni!

Comunque non è che ci siano rogne tra noi vicini, solo diverse maniere di pensare, quindi qualsiasi tipo di proposta viene sempre discussa amichevolmente perciò non sarebbe questo il problema.

2 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Migliore risposta

    Forse è meglio che paghino un consulente esterno che li convinca a pagare pochi soldi all'anno per un impianto comune esterno condiminiale. Se la cavano con 2.000 Euro+IVA 20% e Cassa Previdenza 4%+ eventuali spese da ripartire fra 7 condomini.

    Suddividere un impianto significa per 1 utenza ridicola fare 7 impianti esterni ancora più ridicoli con cavi sotterranei, interruttori differenziali o trasformatori di isolamento, linee e tracce nella pavimentazione con ripristini. E probabimente con tutte le carte in regola perchè i condomini si farebbero la "sguaita" a catena.

    Per l fotovoltaico ci vuole un impianto con pannello, caricabatterie con regolatore I/U e funzione di tensione di matneimento di carica della batteria, dimensionamento del pannello e della batteria per almeno 20 gg invernali (casisitica di nuvolosità ogni 5,5 anni media Italia Settentrionale), manutenzione dela batteria e sostituzione della stessa ogni 5-10 anni. Il tutto attenuabile con lampade LED 12V, diminuendo i consumi del 70% rispetto le alogene 12V.

    Interruttore crepuscolare a piacimento.

    O trovi un lampione LED autoalimentato o per il progetto il professionista ti costa il sopralluogo, l'esame dela situazione, della parte tecnica, della parte giuridica (servitù, parti comuni, regolamento condominiale ....) della parte esecutiva (layout, attraversamento impianti, ecc,), delle presentazione ai condomini ecc.

    Fammi sapere, nelle cose serie si lavora poco e una bella diatriba fra vicini è un lavoro che si fa in anni di magra.

    Beh. se trovi con 100 EUro su Internet qualcosa che ti soddisfa, buon acquisto.

    Nel mio studio a dimensionare con requisiti di affidabilità di funzionamento 11W*14ore invernali*20 giorni sono 3 kWh, cioè una batteria da 250Ah 12V, da ricaricarsi in 3 giornate di sole da 6 ore utili con 25A (I=costante) iniziali e a scendere quando la batteria ha raggiunto i 14,4V (U=costante) per non danneggiarla e poi mantenerla a 13,3V come carica di mantenimento. Considerando ciò, l'incidenza solare, i rendimenti, significa un pannello da 400 W pari a 4 metriquadri per una affiabilità ragionevolmente vicina a quella di un impanto da rete elettrica cittadina.

    Poi si vede in giro di tutto.

    Se conosci l'impianto e i rapporti con i vicini e i punti di forza per risolvere, buon lavoro

    Fonte/i: Elettronica di potenza, circuiti a bassa tensione, consulenze in campo indistriale e civile con computi metrici, normative e leggi
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Non do una risposta tecnica, la mia è quella di chi ha vissuto per 27 anni in condominio e sa come avvengono le liti tra condomini. Pensi che condomini che protestano per 8 lampade accese per 10 ore (e la spesa poi viene divisa per 7) si sobbarcherebbero la spesa, anche se una tantum, per installare un impianto fotovoltaico? Secondo me l' unica soluzione che il tuo condominio accetterà sarà collegare ogni lampada all' impianto domestico del condomino che fruisce della luce di quella lampada.

    Fonte/i: Esperienza di vita in condominio
    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.