Facile via di uscita?

Ciao a tutti, cosa direste a qualcuno che afferma che il ricorrere a divinità varie è soltanto un modo per evitare di rispondere "non lo so, ma mi impegnerò a far luce in merito" e che quindi in linea di massima porsi su posizioni teiste è soltanto una facile via di uscita per evitare di dover cercare risposte a "domande scomode"?

Specifico che questa non vuole essere una provocazione, sono davvero interessato a sentire la vostra opinione in merito.

3 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Io penso che sia esattamente il contrario.

    Non è un modo per evitare di rispondere o cercare via di fuga a "risposte",

    ma al contrario è un modo per avere facili "risposte".

    Perchè se ragionassero un po di più si renderebbero conto che le risposte che danno le varie posizioni Teiste, non sono sufficienti a spiegare le cose e i misteri della vita.

    O in molti casi sono incomplete, in conflitto con altre regole o dogmi della stessa tesi.

    Se ci pensiamo è facile e logico credere ad un Dio che sia il creatore di tutto. Perchè di fatto solo questo già giustifica tutto.

    Il Credere da senso alla vita, perchè crea speranza, e la speranza è l'unica cosa che non muore.

    Io penso che queste persone cerchino piu che altro una giustificazione alla vita ed ai misteri dell'universo nei dogmi e nelle varie teorie Teiste/Religiose, una risposta facile insomma.

    Ma se fosse così facile tutti i misteri del mondo sarebbero sciolti ma tutt'oggi così non è!

    Se Dio esiste o meno spetta a Voi dirlo.

    Le religioni non lo confermeranno mai...

  • 10 anni fa

    La fuga è -all'opposto di quello che la tua domanda sostiene-, il rinvio della risposta.

    La risposta è già dentro di noi, così come il manuale di istruzioni di un computer.

    Sta a te cercarla dentro. Chi non vuole andare in crisi trova tante soluzioni alternative. Chi si pone seriamente il problema del senso della sua esistenza ad un certo punto si imbatte nel divino.

  • Anonimo
    10 anni fa

    Non mi piace proprio quel genere di persone. Sono una persona credente ma credo solo perchè pensare a Dio mi fa sentire bene e mi da forza nei momenti di difficoltà però sono convinto che l'uomo deve sempre ricercare la verità senza nascondersi dietro alle sue credenze personali. Alle superiori mi ricordo di aver studiato una cosa che si chiama scommessa di Pascal e sono scioccato a vedere che molte persone la credono giusta ancora oggi. Tu credi: se Dio c'è ti salvi, se Dio non c'è comunque hai vissuto una vita giusta. Ma che discorso èèè? Boh io credo che sia bello credere perchè ci si sente di farlo non per ottenere una ricompensa, per nascondere la polvere sotto il tappeto o per non ammettere di non sapere delle cose.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.