Ipertiroidismo.........................?

Domanda per chi soffre di ipertiroidismo: quali sono stati i primi sintomi?

2 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Di solito chi soffre di ipertiroidismo ha tutte le caratteristiche di un metabolismo eccessivamente accelerato, quindi iperattività e irritabilità, debolezza, perdita di peso, sensazione di caldo e sudorazione e nausea frequente. A questo si aggiunge un costante stato di tachicardia.

    Quindi non si può parlare di primi sintomi, ma del riconoscimento di uno stato che si protrae nel tempo. Non farti spaventare da una stanchezza momentanea, ma allo stesso tempo tienila sotto controllo ;)

  • Anonimo
    10 anni fa

    I sintomi più caratteristici dell’ipertiroidismo includono una diminuzione di peso oppure una magrezza costituzionale assai spiccata e resistente all’aumento di peso (nonostante i pazienti siano spesso veramente voraci); una tendenza al nervosismo e alla labilità emotiva, con facili rapidi passaggi da un umore ad un altro, del tutto diverso; una tendenza all’insonnia, che caratteristicamente però non lascia il paziente eccessivamente stanco; la comparsa di tremori muscolari a riposo e durante movimenti, di carattere fine; un aumento della sudorazione su tutta la superficie cutanea ma soprattutto a livello ascellare e palmare; una intolleranza verso il caldo ed una tendenza a coprirsi il meno possibile (gli ipertiroidei sono tipicamente pazienti “”calorosi”"). A questi sintomi si associa spesso una debolezza profonda, che si esprime anche negli atti più comuni della vita di ogni giorno (affaticamento nel salire le scale o nel compiere piccole passeggiate, etc.) É anche frequente la comparsa di una sensazione di “”mancamento di fiato”" (dispnea) accompagnata da palpitazioni cardiache ben evidenti e fastidiosissime per il paziente. A livello oculare compaiono dei segni caratteristici dell’ipertiroidismo; sono frequenti un particolare sguardo fisso e ad occhi spalancati, una certa rarità dell’ammiccamento, una apertura maggiore del normale della fessura palpebrale. A livello neurologico c’è un aumento generalizzato dei riflessi; se si esegue una misurazione precisa delle caratteristiche temporali di un riflesso (reflessogramma achilleo, per esempio) si osserva un accorciamento caratteristico del tempo di risposta che è di per sé sufficiente a porre la diagnosi che viene comunque confermata dalla presenza nel sangue di alti livelli di ormoni tiroidei accompagnati da livelli variabili di TSH (ormone ipofisario che regola la secrezione tiroidea) a seconda della malattia che determina l’ipertiroidsmo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.