adMaiora ha chiesto in Animali da compagniaPesci · 9 anni fa

Prendere un pesce combattente?

Vorrei delle informazioni sui pesci combattenti, sarei interessata a comprarli, e so già alcune cose ma vorrei qualche dettaglio: so che avendo un polmone vivono bene anche in un'acquario senza filtro, non vanno presi 2 maschi, vivono anche in vaschette 10x10 ...

Vorrei anche sapere se si accoppiano facilmente, se fanno tante uova, essendo pesci tropicali vivono nell'acqua calda suppongo, ma questo mi preoccupa un po' perchè non ho mai avuto a che fare con pesci tropicali, e so che sono molto delicati; insomma tutto quello che vi viene in mente su di loro vorrei saperlo, anche la cosa più stupida (quanto vivono, che mangiano,...).

Mi informerò anche dal rivenditore, ma intanto per avere un'idea più chiara chiedo a voi. Grazie.

2 risposte

Classificazione
  • Pixel
    Lv 5
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Intanto complimenti per aver deciso di informarti prima di comprarlo, peccato che ciò che sai è quasi tutto sbagliato. In natura i betta splendens vivono nelle risaie, in pochi cm di profondità ma con un'estensione di diversi km. Per questo motivo hanno sviluppato un organo chiamato labirinto che gli consente di respirare ANCHE aria atmosferica, ma non è un polmone e non sostituisce le branchie: il pesce respira di base con le branchie, e ogni tanto mescola aria atmosferica a quella disciolta nell'acqua. Per allevare un maschio da solo (o con una coppia di femmine) servono almeno 20 litri, mai meno.

    E' vero però che fra maschi si uccidono, mentre un maschio può convivere con diverse femmine litigandoci ma senza conseguenze serie. Il filtro poi è dannoso se li si vuole fare riprodurre, perchè distrugge il nido di bolle che il maschio crea a pelo d'acqua, ma se non li vuoi riprodurre conviene metterlo.

    Ti spiego come allestire una vasca da riproduzione: Compri un fauna box in plexiglas da 20 litri (o un acquario in vetro, se aumenti le dimensioni il pesce sta solo bene), e stendi sul fondo 4/5 cm di ghiaia decorativa NON fertilizzante ben risciacquata. Procurati almeno 6 Hygrophila Guanensis (una pianta molto robusta), scava un buco per ogni pianta, metti sul fondo del buco mezza pastiglia di Sera Florenette A (un fertilizzante per piante d'acquario), inserisci le radici nel buco e coprile di ghiaietto. Inserisci diverse anfore spaccate (alle femmine serviranno dei nascondigli) e riempi d'acqua la vasca. L'acqua di rubinetto va bene, ma devi trattarla con un biocondizionatore che elimina cloro e metalli pesanti, io uso il Sera Aquatan.

    Dopo averla riempita inserisci le piante galleggianti. Ti servirà della Ceratophyllum Demersum (una pianta galleggiante a crescita rapida che assorbe molte sostanze inquinanti, in pratica sostituisce il filtro) e delle lenticchie d'acqua (aiutano il maschio a rendere più solido il nido).

    Le piante necessitano di una buona illuminazione, diciamo 12 ore al giorno con almeno un watt al litro (quindi ti serve un neon da almeno 20w). Una volta finito di allestire il tuo acquario, lascialo maturare una settimana per dare all'Hygrophila il tempo di radicare. Ricordati di non piantare la Ceratophyllum o marcirà, va lasciata libera in acqua.

    Non appena la settimana è trascorsa, puoi inserire un maschio e due femmine. Tempo di ambientarsi, e il maschio inizierà a costruire nidi di bolle per corteggiare le femmine. Una volta avvenuta la deposizione il maschio diventa aggressivo e le allontana dal nido, per quello servono i nascondigli (anforine), e si prenderà cura delle uova finchè i piccoli non saranno in grado di nuotare da soli, poi tenterà di mangiarseli quindi preparati a toglierli appena li vedi nuotare.

    Come alimentazione puoi usare chironomus secche, surgelate o (te lo sconsiglio perchè inquinano l'acqua se non hai il filtro) liofilizzate. I nuovi nati possono essere alimentati con chironomus secche sbriciolate finissime.

    Eventuali lumachine infestanti fra le piante non saranno un problema: si riproducono a dismisura solo se esageri col cibo, e ogni tanto ai betta piace mangiarsene una.

    Il termoriscaldatore è indispensabile in autunno, inverno e primavera, va regolato dai 24 ai 26°.

    Riguardo ai rivenditori, fidarsi di loro non è MAI una buona idea: si inventerebbero di tutto pur di vendere, tipo che i pesci rossi vivono bene in una boccia (quando gli servono almeno 100/200 litri ciascuno) o cose simili. A Milano una volta ne ho visto uno che cercava di vendere delle rane TOSSICHE ad un bambino, fai tu.

    Fonte/i: Esperienza personale
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Le dimensioni variano dai 5 agli 8 centimetri, secondo l'estensione delle pinne. Il corpo è cilindrico, le femmine sono tozze, con piccola pinna dorsale, lunga anale, pettorali tonde, così come la coda, tondeggiante ma sfrangiata tra i raggi. Il maschio è più grosso, con lunghe pinne. La livrea originaria prevede testa nera, corpo verde blu metallico e pinne rosse con riflessi blu-verdi metallizzati. Tuttavia l'uomo ha selezionato numerosissime qualità colorate con le pinne estremamente sviluppate (le più conosciute sono la blu, la rossa, la verde, la blu-rossa, la nera blu...) con svariate forme, tanto da arrivare a riconoscere standard qualitativi regolati da associazioni internazionali.

    Tra tutte le Betta, il pesce combattente presenta il più spiccato dimorfismo sessuale: le femmine hanno un corpo di piccole dimensioni, più o meno cilindrico con le pinne dispari (dorsale, caudale ed anale) meno sviluppate rispetto al maschio; il colore della livrea varia dal bruno al blu-nero, al rosso, al verde.

    SI ACCOPPIANO MOLTO FACILMENTE CON MIGLIAIO DDI UOVA!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.