Depressione e ansia per la scuola, come risolvere questo problema? Perfavore entrate a dare un occhiata,grazie?

Buonpomeriggio a tutti, volevo fare questa domanda da tanto tempo ma la faccio solo ora perchè non ce la faccio più ad andare avanti così.

Tra un po’ inizia la scuola(tasto dolente) e quest’anno farò il terzo ragioneria. Io soffro molto d’ansia(alle volte se il giorno dopo ho un compito in classe la sera mi sento male con la pancia e stomaco,ho problemi di reflusso e mi viene acidità di stomoco,e ho anche problemi con la pancia e mi sento male) e un po’ di depressione per la scuola( ovviamente non intendo la depressione che vuoi ucciderti, ma sono triste,piango e mi agito), quando c’è il periodo scolastico la maggior parte delle domeniche mi deprimo pensando che il giorno dopo ricomincia la settimana. Io durante la settimana non esco mai ,solo il sabato pomeriggio o sera, ma per la 10,30 sto sempre a casa. I miei sono molto rigidi sul fatto delle uscite, infatti (già me lo hanno detto) che da quando inizierà scuola dal lunedì al venerdì si uscirà solo per andare a fare sport, e poi o si esce il sabato o la domenica. Io non mi lamento di questo, però se un giorno ho finito i compiti prima devo rimanere a casa per forza e non posso andare da nessuna parte. Voi penserete che visto che sto sempre a casa a studiare sarò bravissima a scuola ma non è così, non sono una capra, ma non sono nemmeno bravissima, ho la media del 6.

Come vi dicevo soffro molto d’ansia infatti in prima sono stata rimandata a matematica perché hai compiti andavo sempre male, però poi a casa sapevo fare le cose che al compito non ero in grado di fare perché andavo nel pallone, e la stessa cosa succede parecchie volte nelle interrogazioni. Alcune volte vado nel panico anche a casa quando per esempio sto ripetendo e mi blocco perché non mi ricordo qualcosa, avvolte succede che piango anche, per questa stupidaggine. Inoltre il fatto che tutti dicono che nel terzo bocciano parecchie persone non mi aiuta. Questi problemi è probabile che li ho ereditati dalla mia famiglia, infatti mio padre è molto ansioso(sottolineo molto) spesso ha periodi depressivi,si chiude in se stesso,mangia poco, ed è capace di non parlare con nessuno per parecchi giorni e spesso ti risponde male. Mio padre sta curando questa cosa andando ogni tanto dallo psicologo,ma non si è risolto molto , anche perché la cosa è più difficile di quanto pensiate perchè ha avuto dei problemi familiari che non sto qui a spiegare… Anche mia madre spesso è nervosa e frustrata per il suo lavoro, anche perché quando torna dal lavoro deve pulire la casa che è veramente grande ( 3 piani, io e mio fratello l’ aiutiamo ovviamente) e vorrebbe spesso andare fuori, anche per un week-end, e portarsi tutta la famiglia, ma alla fine per un motivo o per un altro non lo fa mai . In più io non ho un buon rapporto ne con mia madre e ne con mio padre. Domani è il mio compleanno e invece di essere felice perché lo passerò con il mio ragazzo, penso a questo e sono triste… Come faccio a superare questa cosa? Devo andare per forza dallo psicologo o posso risolvere questa cosa da sola? Anche perché io sono una ragazza riservata e timida quindi non mi troverei a mio agio a stare insieme a una persona che non conosco e dirgli le mie cose… Grazie in anticipo a tutti :)

Aggiornamento:

Per i i primi quattro campioni che hanno risposto, ora che avete ricevuto questi due punti vi sentite bene vero? No sul serio, adesso avete due punti in più e potete conquistare il mondo di yahoo,quanto vi invidio. Dubito che voi leggiate quello che sto scrivendo(primo perchè è troppo lungo per il vostro standard del cervello),e secondo sarete andati a rompere le scatole ad altri.

9 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Comincio dal pulse, "sono sicura che 9 persone su 10 non la leggeranno e quei pochi che la stanno leggendo probabilmente lo fanno per compassione", questa in psicologia viene chiamata esagerazione o minimizzazione.

    Se vuoi ridurre l'intensità dell'ansia scarica da questo sito: http://www.addio-timidezza.com il training del Rilassamento Muscolare che è gratis.

    Personalmente ritengo che la cosa migliore da fare è di rivolgersi a un psicoterapeuta che però deve essere cognitivo comportamentale (in questo sito puoi trovarne uno vicino alla tua zona http://www.psicologi-italiani.it/prestazioni/psico...

    Temo che la tua ansia sia o di origine ambientale (familiare) o di origine genetica, ma questa paura dei compiti, delle interrogazioni e credo anche degli esami, mi rimanda all'idea che tu non abbia molta fiducia nelle tue potenzialità, capacità e abilità nel fare le cose, nell'apprendere e nel comprendere o nell' esprimerti.

    Sappi che questi problemi si verificano perché concentri la tua attenzione (e ciò anche senza rendertene conto) sulla paura o preoccupazione che provi e che riguarda in modo che hai di percepirti in merito alle tue capacità. Questo fatto sottrae energia di concentrazione per le cose che dovresti fare, ecco perché vai nel pallone.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Anche io devo fare il terzo anno di ragioneria e ti dico che più o meno sono messa come te. Con mia mamma non ho mai avuto quel rapporto che mi piacerebbe avere.. Ci odiamo e mi costringe a stare in casa anche in estate e mi fa fare brutte figure davanti ai miei amici.. Con mio padre e diverso invece lui mi fa da padre e da amico.. La cosa brutta è che abita lontano 700km da qui.. E la cosa mi rattrista tutti i giorni, soprattutto in questi in cui mi sento sola e abbandonata da tutti i miei amici che si sono rivelati amici non veri. Ti capisco e ti dico che anche io volevo andare dallo psicologo per parlargli dei miei problemi, tra l'altro simili ai tuoi. Ti consiglio di andarci, anche se non ci sono mai andata secondo me puoi sentirti capita e aiutata con una persona che è capace di ascoltarti. Metti da parte la timidezza e prova a fare una seduta, vedi come ti trovi. Ti auguro il meglio. Buona fortuna, un bacio!

  • cobb
    Lv 4
    4 anni fa

    Se soffri di ansia puoi liberartene consultando questa guida http://SconfiggiAnsia.givitry.info/?8WbA

    L'ansia è una compagna di vita sempre più diffusa, ma liberarsene non è difficile come sembra. L'importante è sapere come agire per affrontare e superare la crisi, seguendo alcuni consigli, e imparare a conoscere le proprie emozioni.

  • 6 anni fa

    M st venend o cicl' anc s sognu mascl'!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • vivi la vita cm viene........la scuola nn è tutto!!! io dovro fare il 4 ragioneria e onestamente nn mi importa.......studiero certo................ma sn felice di riprendere l'anno cn i miei compagni!!!

    VIVI LA VITA, NN TI COMPLESSARE ;)

    Fonte/i: ME
  • 9 anni fa

    scusa ma non c'è l'ho fatta a leggerla tutta sono arrivato a meta poi i miei occhi hanno detto basta...

  • Anonimo
    9 anni fa

    troppo lungooo

  • Anonimo
    9 anni fa

    a me piace il prosciutto.

  • 9 anni fa

    SPARATI

    +2 punti

    ;)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.