Anonimo
Anonimo ha chiesto in Gravidanza e genitoriNeonati e bambini · 8 anni fa

Giuro che è l'ultima volta che mangio fuori con mio figlio...?

Non ne posso più.

Oggi ero a pranzo dai miei nonni, l'asilo inizierà giovedi, eravamo da soli io e Alex e ci hanno invitato, poi si è aggiunta anche mia madre.

Non sarebbe nulla di male se non fosse che da qualche settimana Alex fa diventare matti per mangiare, rifiuta tutto a priori, non vuole assaggiare niente, fosse per lui camperebbe a pane, frutta, pizzette e succhi.

Io mi sono posta di tenere il polso fermo.

Hai un bel piatto pieno di roba che ti piace davanti a te, non mangi, ergo non hai fame.

Non hai fame, ergo non mangi neppure la pizzetta.

L'ora del pasto passa, ergo mangi al pasto successivo (se vuoi, se no a quello dopo ancora).

Peccato che per i miei, quando faccio così, sono peggio di un violentatore cattivo e spietato, sembra che il bambino lo torturo, mi guardano male, si impicciano, addirittura ho beccato qualcuno che cercava di passargli di nascosto un pezzo di pizzetta avanzata dalla merenda.

Mia sorella è l'unica che mi dia un pò di sostegno, dice "il figlio è il tuo, fai bene a fare come credi"...certo, però la vogliamo spargere sta voce che il figlio è mio?

Perchè evidentemente qualcuno non se n'è accorto.

Cerco di ragionare con calma col bambino, già a 19 mesi è dura che stia a sentire, ma poi tutti mi parlano sopra, io cerco di parlargli e tutti a fare quelle cose tipo "bruuum arriva l'areoplanino", "dai cocco mangia", "ciuf ciuf il trenino apri la galleria"...

Col risultato che Alex si incaxxa come un biscia, pretende di scendere dal seggiolone e non ne vuole più sapere.

Scusate lo sfogo ma non ne posso più, ognuno a dire la sua, ma non a me, ok, lo accetterei...la dicono proprio sopra la voce mia mentre cerco di mediare con mio figlio, cosicchè quello che cerco di dire io Alex non lo sente proprio.

A voi capita, questa cosa?

So che a Titty, ad altre ragazze giovani, la famiglia passa sopra con la scusa dell'età (sbagliando spesso clamorosamente, perchè sarebbero perfettamente in grado di fare da sole).

Ma io ho 29 anni, vivo sola da un bel pezzo, mi sono fatta la mia vita di esperienze, gestisco casa, lavoro, marito, figlio senza problemi...cavoli perchè non mi puoi dare un pò di credito o quanto meno stare ZITTO mentre cerco di trattare con mio figlio?

DAE: qual è l'intromissione coi vostri figli che più vi ha fatto girare le balls?

Baci, Si.

Aggiornamento:

@ lavinia: bentornata!!! anche per i miei ero così, tra l'altro loro i figli li hanno tirati su con l'assioma "sei già forte ma per sicurezza ti prendo a calci in cùlo ancora un pò, così ti fortifichi di più"...io a 2 anni e mezzo volevo la maionese sulla pizza, mio padre disse no diverse volte, piansi, sai cosa fece? prese un post-it, ci scrisse "maionese", lo spiaccicò sulla mia margherita e mi ci spinse la faccia contro.

non loi ricordo io, me lo racconta mi madre, e poi ho le foto perchè c'era mia zia presente e siccome stava morendo dal ridere fotografò la scena.

poi in famiglia la bastarda sarei io.

17 risposte

Classificazione
  • Migliore risposta

    Ciao Silvia, si, anche a noi succede. L'ultima volta che abbiamo mangiato con mia suocera, si è inorridita e mi ha classificata "affamatrice". A casa era una principessina: dopo mesi di lavoro ero riuscita a ottenere risultati significativi: mangiava addirittura composta, non prendeva il cibo con le mani (se non per rimetterlo nel piatto se l'aveva fatto uscire con il cucchiaino, va beh) e mangiava tutto da sola. Siamo stati a Bologna una settimana e mi è tornata a casa come se non avesse mai preso in mano un cucchiaino.

    A pranzo con mia suocera, 15 agosto a pranzo festa all'asilo parrocchiale di dove stanno i miei, sotto tendone. Gradi all'ombra 33-34: la pupa aveva un piattone da adulto di tagliatelle al prosciutto davanti. Le piacciono e di solito le mangia che è un piacere. Ok, ne ha mangiate un pochino (comunque almeno metà di quello che avrebbe mangiato come "dose" normale diciamo), poi inizia a giocare con le taglie. E io già non la vedo bene. Quando ha pensato di mettersele in testa le ho tolto il piatto, avevo anche paura che avrebbe lanciato qualcosa a quelli che stavano seduti di fianco a noi. Mia suocera ha piantato una lagna tremenda sul fatto che la bambina non aveva mangiato NIENTE. Le ho dato la frutta e poi via, nel giardino a giocare. Finiamo di mangiare, ci fiondiamo nell'unico posto aperto e condizionato che c'è, Giulia dorme nel passeggino. Ore 14, Giulia si sveglia e comincia a gironzolare. Mia suocera compra un gelato alla crema, inizia a INSEGUIRE la bambina e glielo ficca a FORZA in gola, non so quale delle due cose mi ha dato più ai nervi. Ti devo dire quali erano i miei istinti? Tralasciamo la "discussione animata" (chiamiamola così) che è seguita. Da allora (quindi 2 settimane?) mia suocera chiama ogni giorno per assicurarsi che abbiamo dato da mangiare a "quella povera creatura".

    Piccolezze: ore 14.30, andiamo al parchetto. La suocera prende in braccio Giulia mentre siamo per strada perchè " é stanca". Ma se si è appena svegliata e scalcia perchè vuole stare a terra??? Altro discorsone.. Da allora Giulia fa i capricci quando è stanca per strada, non vuole stare nel passeggino, ovviamente vuole stare in braccio. Da allora quando si assicura che la bambina mangi, mia suocera ci avverte anche di "non farla stancare troppo " (volesse Dio che invece fosse così stanca da dormire una notte filata e fino almeno alle 6!).

    Quest'altra teoria secondo cui i bambini non vanno fatti stancare e te non risulta tra gli annali delle rotture nonniche???

    Ma, in generale, la cosa che mi urta di più in assoluto è quando mi chiedono se possono fare/darle/lasciarla fare qualcosa, io dico di no e loro, rivolgendosi a Giulia "Ah, io te lo darei/farei..., ma la mamma non vuole!" Eh, si, com'è cattiva la mamma... (ti tralascio quella dei 2 etti di cioccolato dato alla bambina mentre le preparavo il pranzo, perchè ne avrei che ne avrei, che ne avrei)

    SONO TUTTI UGUALI

  • Anonimo
    8 anni fa

    Dai miei sono sempre stata trattata come una persona forte e intelligente, che sa il fatto suo.

    Questo dagli 0 ai 24 anni.

    Non appena sono diventata mamma, invece, sono diventata una povera piccola indifesa che ha bisogno dei consigli preziosi dei genitori per campare i figli.

    Quando la pediatra a 13 mesi ha tolto il bibe delle 23 ai gemelli, perché troppo grassi, e perché la loro cena era fin troppo sostanziosa e il bibe era fuori luogo, mio padre ha passato il pranzo domenicale a urlarmi nelle orecchie, che stavo facendo deperire i suoi nipoti e che non capivo niente.

    "La pediatra dà dei suggerimenti, poi sta alla madre CAPIRE quel che è meglio" mi ha detto.

    Non riesco ancora farmene una ragione, dopo 7 anni.

    Ma ho adottato la tattica "Homer Simpson": mentre i miei parlano, il mio cervello va a farsi un giro e fumare una sigaretta.

    Silvia, quando da piccola cadevo mio papà non si voltava nemmeno.

    Mi diceva: "dai non fare storie per niente. Se sanguina sputaci su"

    Se cadono i nipoti invece fa delle sceneggiate ridicole.

    Almeno fa piacere sapere che non solo i miei si sono rincoglioniti:)

  • 8 anni fa

    La prossima volta non andare (oppure quando è ora di pranzo tu ed Alex andate a casa) e quando tichiedono spiegazioni rispondi:

    non rimango perchè non sopporto le vostre interferenze nel pasto di Alex

    Vedrai che basterà una volta e dallasuccessiva cambieranno registro.

    (a me personalmente, per quello che può contare, vista la mia non esperienza, il tuo metodo per gestire il cibo, riproponendo ciò che non ha mangiato, sembra eccellente)

  • Dory
    Lv 4
    8 anni fa

    Sembri davvero arrabbiata e hai ragione , il figlio e tuo e devi gestirlo ed educarlo tu.Non sopporto neanch'io quando cerco di essere dura che gli altri mi dicano "lascia stare, sono bambini" uuuuh, li mi arrabbio davvero...

    Forse intromissione peggiore non e quella dei amici o parenti ma e quella dell mio marito, nel senso io voglio fare in una maniera e lui in un altra e se stiamo davanti ai bambini e io dico a bassa voce quello che per me e giusto fare in quel momento lui continua a brontolare ad alta voce tutto davanti ai figli ma secondo me se litighiamo sulla educazione davanti a loro non va bene per niente, mah....mi sa che devo educare prima il marito e poi i figli, hehehe....

    Tieni duro e se serve alza pure la voce con questi parenti, devono capire che fai sul serio.

    Baci!

    Fonte/i: Mamma
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • beh mi hai nominato...quindi lo sai e che rispondo a fare? XD

    sai dall ultima lamentela che ho fatto qui delle loro intromissioni la situazione è migliorata...da quando invece che dire si va be io voglio fare cosi..dico sono io sua madre e me la vedo io...e funziona a meraviglia!è diverso perchè nella seconda frase precisi che TU sei la madre e TU decidi!e poi ho anche cominciato a tenere alla larga chiara da mia zia...lei era quella peggio..sempre a criticare... ma per fortuna è nato il figlio di mia cugina e si spera che mi lascino stare..

  • 8 anni fa

    Beh, che dire, è un classico! Mio padre fortunatamente non è il tipo, se io dico così è così e basta, idem la sua compagna, ma per la parte di mio marito... apriti cielo... anche se dopo un paio di volte che li ho trattati male hanno capito che non devono rompere!!! la mamma sono io e so io quello che è giusto per lui! ma non perdono mai occasione.. ad esempio domenica tutti a pranzo a casa mia, mio figlio tira 4 rastrellate in testa a mia nipote di 5 anni e la fa piagere, io vado di la e gli do una bella sculacciata... mi hanno guardato come un mostro.. mentre lui piangeva in braccio a me me lo hanno portato via per distrarlo, quando lui in lacrime diceva:"Voglio la mamma"... ma volete lasciarlo stare??? Insomma, è mio figlio, si è meritato una pacca perchè ha fatto male a sua cugina e poteva farle ancora più male con il rastrello, metti che gli infilava una punta in un occhio... ed io sono la cattiva??? Come Lavinia ho imparato il metodo homer simpson, prova, è molto efficacie!

  • Carmen
    Lv 4
    8 anni fa

    Io parto dal principio che la gente non si dovrebbe mai impicciare delle decisioni dei genitori di un bambino, su quello che riguarda i metodi educativi, compresi quelli legati all'educazione alimentare.

    Detto questo la penso come te e faccio la stessa cosa, una volta mia figlia si è impuntata ed è stata una setitmana senza mangiare quasi niente, quando ha capito che non avrei ceduto e i morsi della fame iniziavano a darle un certo fastidio, ha ricominciato a mangiare senza mettere su commedie.

    Non ti dico quante me ne hanno dette, questa storia ha fatto il giro del parentado e tutti a parlarmi dietro e darmi della pazza.

    Quando hanno visto che ho ottenuto i miei risultati, invece di ammettere che avevo agito per il bene di mia figlia, hanno preferito dire che era una fase di inappettenza ed era passata.

    La gente non ha il coraggio di educare i figli, di avere polso ed è invidiosa quando vede che qualcuno riesce ad imporsi sui loro capricci.

    Se avessi dato retta ai parenti (nonni in primis), il discorso pasti si sarebbe svolto secondo le seguenti modalità:

    Amore di nonna, ecco la pasta, la vuoi? Non ti piace il sugo? E come la vuoi che nonna te la fa di nuovo? La vuoi con il pesto? Aspetta che nonna scende subito a comprarlo. Amore la pasta con il pesto non è buona? Ti prendo una mozzarella? Non ti piace, lasciala pure che nonna ti prepara la frittatina.

    E via dicendo, fino a sprecare quintali di cibo inutilmente e doversi piegare a nutrire i pargoli con: una barretta di kinder cereali, 2 morsi di pizza, un fruttolo e mezzo bicchiere di aranciata.

    Io dico che fai bene e ti consiglio di tenere duro, perchè i parenti si impicceranno sempre lo stesso, ma il bene di tuo figlio lo devi decidere tu.

  • 8 anni fa

    ciao si!volevo postare una domanda simile...meno male,allora non solo i miei genitori sono permissivi!

    il mio leo non mangia quasi mai nulla,a volte neanche le cose che gli piaciono e i miei che fanno?lo assecondano in tutto...non vuole la pasta in bianco?la facciamo al sugo,che ci vuole...non la vuole al sugo e si mangia la carne non vuole la cane?gli diamo il gelato...IL GELATOOOOOOO!!!e io no,non ha mangiato nulla,non va premiato ma loro invece dicono che il bimbo è magro,che deve mangiare(ti risparmio la storia del rincorrerlo per tutta casa col piatto in mano O.oe si perchè se vuole scendere dalla sedia il bimbo scende...non bisogna farlo innervorire eh!)insomma non mi danno mai retta,mia madre fa 800 cucine al giorno!pensare che con noi erano severissimi,ricordo ancora le sere a letto senza cena e magari il giorno dopo mi rimetteva a tavola la stessa cosa...

    poi non puoi nemmeno dire niente perchè si offendono e magari mi dice di farlo mangiare come voglio a casa mia che lei non vuole disperarsi,il fatto è che lo tengono loro per la maggior parte del tempo,che faccio?meno male che il12 inizia l'asilo sperimo bene!un bacio

    marta mamma di leo da 3 anni e di gineva da 15 mesi

  • ah ah sti nonni del caxxo che credono di sapere tutto ed in realta' distruggono invece anche i ns sforzi !

  • 8 anni fa

    consolati mia mamma ha 46 anni e non è considerata autosufficiente..

    si consola anche lei a sua volta perchè mia zia ne ha 51 e, se possibile, mia nonna e i prenti si comportano anche peggio..

    tesoro mio porta pazienza, provaci almeno perchè sennò esci scema!!!

    _______________

    LAVINIAAAAAA!!!!!!!!!!!!BENTORNATA!!!!!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.