Per la fotografia macro è meglio un teleobbiettivo o un obbiettivo macro?

Verrebbe ovvio da dire gli obbiettivi macro.

Ma ci sono vari problemi.

Costano molto.

Essendo appasionata di fotografia ma non conoscendo bene il mondo degli obbiettivi (aspè, ho 15 anni e sono 'fotografa da un annetto, anche se la reflex ce l'ho da giugno), non saprei quale sarebbe il migliore da comprare, se un giorno decidessi di comprarlo, tenendo conto sia del prezzo che delle caratteristiche.

Invece per quanto riguarda i teleobbiettivi, non ho capito se sono degli obbiettivi 'compatti' o se sono pezzi che si montano uno dopo l'altro e a seconda di che lunghezza focale si vuole raggiungere. E quale sarebbe il migliore per me?

Tenendo conto che io ho una Nikon d3100 18-105vr.

2 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    cara Miky, la tua domanda è interessante e non banale (e per ciò ti becchi una stellina ^^).

    premessa: i teleobiettivi sono quelli con grandi lunghezze focali: partono attorno ai 70/80 mm (mediotele), attraversano i 300 (teleobiettivi) e raggiungono i 500/600 (tele spinti).

    *avviso: questo è un discorso che esula dai rapporti di riproduzione degli obiettivi: intendiamo per "macro" delle foto a piccoli soggetti, o particolari di soggetti, che è quello che più o meno facciamo tutti.

    i close-up si possono fare anche a 300mm. infatti, adottando i dovuti accorgimenti sia durante lo scatto sia nello sviluppo del RAW, è facile ottenere belle macro anche con un teleobiettivo (non macro) - di buona qualità, intendiamoci. a causa delle grandi focali il soggetto risulta ben separato dallo sfondo, bene in risalto, e se il vetro è buono otteniamo nello stesso tempo anche uno sfondo sfocato omogeneo.

    è d'aiuto dedicare qualche tempo ad imparare a sviluppare bene le tue foto in camera chiara (vale a dire sul pc).

    gli obiettivi dedicati sono naturalmente gli strumenti migliori in questo campo, ma é creatività anche cambiare gli strumenti con cui lavoriamo, e piegarli al nostro volere. occorre manico, certo, ma esso ci verrà dall'esperienza. abbiamo tutti il diritto di sbagliare: si chiama imparare.

    un buon vetro dedicato e relativamente economico (attorno ai 400 caffé) é il TAMRON 90mm 1:2.8 - un valido investimento e fonte assicurata di grandi soddisfazioni. e costa sempre meno di un buon tele.

    adesso qualcosa ti ho detto, anche se non ci si può dilungare più di tanto, qui.

    dipende da quanto sei determinata tu nel tuo hobby. volere è potere, anche con un teleobiettivo. ^^

    qui ci sono i miei esempi: http://www.flickr.com/photos/nagatobimaru/

    ciao!

  • 9 anni fa

    Per la fotografia macro ci vuole un obiettivo macro, questo è ovvio, come è ovvio che questi obiettivi costino molto. Come ti hanno già risposto i teleobiettivi con la dicitura macro non sono dei veri macro.

    Una soluzione economica ma di buona qualità per fare macro è di prendere un 50ino usato, unica condizione è che abbia la ghiera dei diaframmi e un anello invertitore, praticamente questo anello da una parte ha una filettatura che deve avere il diametro della filettatura del 50ino dall'altra ha un flangia che deve essere fatta per la marca della reflex ( nel tuo caso un attacco nikon), in questo modo si monta il 50ino al contrario sulla reflex e si focheggia manualmente e si chiude il diaframma manualmente, con un pò di pratica escono dei ottimi risultati, certo che il tutto non è ne semplice ne veloce le prime volte.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.