promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeIngegneria · 9 anni fa

ogni generatore di tensione genera una corrente diversa?

Aggiornamento:

e che c'entra scusa?

2 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Un generatore di tensione, come si deduce facilmente dal nome, genera una tensione (o differenza di potenziale) e non una corrente.

    *Se* chiuso su un carico, un generatore di tensione "genera" una corrente direttamente proporzionale alla ddp e inversamente proporzionale al carico. Cioè non è (solo) il particolare generatore di tensione a originare una diversa corrente in un carico, perché questa dipende anche dal carico stesso: a parità di ddp, maggiore l'impedenza del carico, minore la corrente che vi scorre.

    Infatti se chiudi un generatore di tensione su un corto circuito la corrente avrà un valore non misurabile e posto convenzionalmente a infinito (la resistenza di un corto circuito tende a zero), mentre se lo "chiudi" su un circuito aperto la corrente sarà zero, per via del fatto che un circuito aperto ha una resistenza infinita.

    Poniamo però di avere un circuito fatto da un generatore di tensione V in serie con una resistenza R e con una 10R: come si può facilmente calcolare con un partitore di tensione, la tensione che si ripartisce su 10R è (10/11)V, e quella su R invece (1/11)V. Mentre la corrente che scorre nei due resistori è la stessa, pari a V/(R+10R).

    Poniamo invece di avere un circuito fatto da un generatore di tensione V in parallelo con un resistore R a sua volta in parallelo con un resistore 10R: i due resistori sono posti alla stessa differenza di potenziale, di conseguenza la corrente che scorre nel ramo di 10R è V/10R = 1/10, mentre quella nel ramo R è V/R = 1. La corrente che entra complessivamente nel resistore equivalente al parallelo dei due resistori è invece la somma di queste correnti (1+1/10 = 11/10), o se lo "vedi" meglio è la corrente totale originata dal generatore chiuso su (R||10R), cioè V/(R||10R) = V/((R*10R)/(R+10R)) = V/(10R/11) = 11/10.

    "Estremizzando": se con la stessa configurazione avvessimo la R in parallelo a un corto circuito, la corrente si sfogherebbe tutta nel ramo di corto circuito (cioè nel ramo di R non ci sarebbe corrente), mentre se avessimo il parallelo di R con un circuito aperto la corrente si sfogherebbe tutta su R (e sarebbe uguale a V/R).

    Fonte/i: me
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.