Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 9 anni fa

Il problema del male: atei e credenti?

Impossibile conciliare l'idea di un Dio buono e di un Dio onnipotente. L'ateo si attiene a una dimostrazione impeccabile e implacabile fatta da Epicuro:

"O Dio vuol sopprimere i mali, ma non può. Oppure può ma non vuole. O ancora non può e non vuole. Se egli vuole e non può, è impotente, cosa che è contraria alla sua natura. Se egli può e non vuole è malvagio, cosa che è ugualmente contraria alla sua natura. Se non vuole e non può, è insieme malvagio e impotente, vale a dire che non è Dio. Ma se egli è onnipotente e misericordioso (cioè può e vuole), che è l'unica cosa che si attiene al suo essere, da dove viene allora il male, e perchè egli non lo sopprime?"

1.Secondo l'argomento religioso della compensazione nell'aldilà (cioè che nell'aldilà i malvagi verranno puniti e i buoni ricompensati) l'argomento non ha peso agli occhi dell'ateo che non crede a una seconda vita e non spiega nulla a proposito del male naturale (terremoti, maremoti, catastrofi naturali ecc..)

2.Secondo alcuni un male può avere delle conseguenze benevoli di un progetto divino ai nostri occhi troppo grande per essere compreso o giudicato. Ma quali conseguenze benevoli possiamo trovare da un bambino nato morto? O da milioni di persone che muoiono di fame? O dallo sfruttamento minorile? O ancora da una tempesta che fa naufragare una nave?

3. Il male può essere pensato anche come una prova di Dio. E allora perchè troppo spesso il male colpisce i giusti e risparmia i malvagi?

Vorrei un sapere anche voi che cosa ne pensate. Grazie in anticipo! :)

Aggiornamento:

La razza umana NON è colpevole di tutti i mali che ci affliggono. La razza umana è colpevole delle guerre, degli sfruttamenti, ecc. ecc... ma NON è colpevole delle catastrofi naturali. Sono due cose ben distinte non facciamo confusione!!

Aggiornamento 2:

Per rispondere a Marghe Zucca. Riguardo al concetto che Dio ci lascia libertà di scelta sono d'accordo con te. E infatti credo che l'uomo sia almeno all'80% colpevole dei mali di questo mondo (le guerre ripeto, il medico che ha operato ubriaco e quello che ho scritto sopra) ma il restante 20%? Quello che non possiamo controllare, che non possiamo sapere (un fulmine che colpisce una persona..??) ?

1. Tu dici "ma tu ti immagini una vita intera a soffrire e sopravvivere per poi finire nel più assoluto nulla? Non varrebbe la pena suicidarsi, a questo punto? Allora perchè nessuno si è ancora suicidato?"Epppure MOLTI si sono tolti la vita suuicidandosi!

2.Hai scritto "Le esperienze negative della vita ci fanno crescere, e noi non possiamo capire i piani di Dio, ma tu come me saprai che di fronte a cose del genere non si può restare altro che distrutti." Ed è proprio per questo che mi pongo queste domande.

3.Non ho capito bene l'esempio della tua amica cosa c'entri con il discorso. Però no

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Premetto che sono credente.

    Purtroppo Dio è Dio, e noi siamo uomini, per cui non posso darti la spiegazione che ti darebbe Dio perchè è tutto più grande di ciascuno di noi. Non sapremmo nemmeno capire.

    Male e bene coesistono da sempre, e una volta una ragazza ha chiesto "si ma se Dio è onnipotente non dovrebbe evitarlo il male?".

    Il punto è che con "il male" si generalizza un discorso che proviene dalle nostre azioni, per esempio una persona che muore perchè il chirurgo ha operato ubriaco (cosa che è successa) e poi la sua famiglia cosa dovrebbe dire? Ci si incazza, è ovvio, ma non si può dare la colpa a Dio.

    Dio infatti è onnipotente, ma c'è un passaggio in più che bisogna capire: per bontà sua, ci ha lasciato la libertà. Questa libertà è importante perchè Dio decide di non conoscere il nostro futuro fino a quando non avremo compiuto una scelta, e se volesse potrebbe farci scegliere quello che lui vuole perchè è onnipotente, ma c'è un passo in più che è quello per cui ci lascia la libertà.

    A questo punto a causa della nostra libertà le persone fanno errori che possono distruggere altre vite, e allora uno dice "ma sei Dio ci avesse fatti perfetti non esisterebbe il male", però se fossimo perfetti non avremmo la nostra umanità e quindi la nostra libertà.

    Quindi si può dire che Dio se volesse potrebbe sopprimere il male, ma così dovrebbe sopprimere noi stessi e la nostra libertà, cosa che al contrario perchè ci ama non ha fatto. Questo non gli toglie la sua onnipotenza, ma è una sua concessione per noi. Se non fosse così il mondo sarebbe un triste teatrino di burattini che fanno quello che devono fare sempre.

    1. Un ateo non crede nell'aldilà perchè non crede in Dio, e personalmente penso che sia giusto che ognuno abbia le proprie idee, ma tu ti immagini una vita intera a soffrire e sopravvivere per poi finire nel più assoluto nulla? Non varrebbe la pena suicidarsi, a questo punto? Allora perchè nessuno si è ancora suicidato? Io dico che è perchè Dio ci mette nel cuore una speranza che va oltre a ciò che facciamo, perchè per lui valiamo più di ciò che siamo in grado di fare.

    Terremoti, maremoti, catastrofi naturali, sono cose terribili e personalmente di fronte alla morte di un amico per cose del genere non saprei come comportarmi. Probabilmente darei prima di tutto la colpa a Dio, ma la verità è che i suoi piani sono cose che non si possono capire. Se non ci fosse un aldilà sarebbe tutto uno schifo, ma se c'è allora nessuno muore fino in fondo.

    2. Questo punto mi lasciava molto perplessa il mese scorso, poi ho parlato con un mio caro amico che mi ha spiegato quello che ha imparato lui: se l'uomo fa del male o se accade qualcosa di male, Dio è sempre in grado di trasformarlo in qualcosa di buono. Prendi il bambino nato morto, è uno shock, una cosa terribile, ed è l'unico di cui posso farti un esempio perchè conosco una grande persona a cui è capitato: le è morto non per cause naturali ma perchè beveva di continuo, e poi si è disintossicata e adesso fa volontariato per salvare i bambini. Ci sono voluti sette anni per tutto ciò, ma adesso è davvero una grande persona. Le esperienze negative della vita ci fanno crescere, e noi non possiamo capire i piani di Dio, ma tu come me saprai che di fronte a cose del genere non si può restare altro che distrutti.

    3. Il dolore non risparmia nessuno, giusto o malvagio, è solo che noi non ce ne accorgiamo. Non si diventa cattivi per caso, ed essere giusti non è automaticamente sinonimo di stare sulla realtà. Due mesi fa ad una mia amica è morta la mamma, una che va a messa tutte le domeniche, una che aveva tutto, ed è tragico, ma da adesso l'ho vista fare i conti con la realtà e con le cose che ha attorno finalmente.

    Spero che questo aiuti.

  • Anonimo
    9 anni fa

    quando moriro'

    verro' a dirti come stanno le cose

    per ora risposte non ce ne sono

    inutile rompersi la testa

    ciaooooooooooooo

  • Archie
    Lv 5
    9 anni fa

    Il credente cristiano ti risponderà che è tutta colpa del peccato originale. Ma è ovviamente una sciocchezza immorale, dato che è del tutto immorale dare a un innocente la colpa di qualcun altro, voglio dire, perfino un bambino o un serial killer ti diranno che ciò sarebbe immorale, invece secondo i cristicoli per Dio va bene...

    In sostanza sono d'accordo con la parte atea dei dibattenti.

  • 9 anni fa

    Me lo chiedo anche io, ma mi affido al piano di Dio che a noi non ci è dato conoscere. I giusti godranno alla fine, il contrario è per gli empi.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    ammazza,sta domanda mi fà riflettere..però io dico che Dio c'è,ma ha lasciato che l'uomo fosse artefice del suo benessere o della sua estinzione...

    poi,in mano a chi sta ora "la parola di Dio lasciamo" perdere...usurpatori..puà

    malvagio,sei veramente malvagio..oddio anche parecchio schifoso nelle tue descrizioni..ti posso consigliare magari,un pochino più di educazione e meno ancestrali apocalissi con te come protagonista..?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.