Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteSalute - Altro · 9 anni fa

Che ruolo hanno gli anti-ossidanti sull'organismo?

4 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    L’interesse scientifico verso queste sostanze è nato in seguito ad alcuni studi in cui sono emerse le virtù salutari di frutta e verdura ricche di antiossidanti. In particolare se di colore giallo, arancione e a foglia verde, consumate fresche tutti i giorni. Gli effetti positivi sono legati alla capacità degli antiossidanti, di cui sono fonti preziose, di neutralizzare i radicali liberi, molecole altamente instabili che si formano all’interno dell’organismo, note per innescare reazioni dannose a carico delle cellule, inclusi i fenomeni di invecchiamento e indebolimento del sistema immunitario. Tra le principali sostanze dotate di attività antiossidante ci sono alcune vitamine, come la vitamina A e il suo precursore betacarotene, le vitamine del complesso B, la vitamina C e la vitamina E. Altre sostanze presenti nei vegetali, quali il licopene, i flavonoidi, le antocianine, le xantofilline, i polifenoli, i monoterpeni e i tiocianati agiscono sui radicali liberi, così come il coenzima Q10, naturalmente presente nelle nostro organismo. Tra i minerali ci sono il manganese, il rame, il selenio e lo zinco; tra gli aminoacidi la cisteina. Il meccanismo d’azione di queste sostanze non è del tutto chiaro. Gli esperti pensano che in virtù della loro struttura chimica gli antiossidanti riescano a “catturare” i radicali liberi proteggendo così le cellule dal danno ossidativi. Per questo loro effetto di barriera, oltre a rallentare l’invecchiamento cellulare, aumentano anche la resistenza delle mucose della bocca, del naso e dell’apparato respiratorio in generale dagli attacchi di virus e batteri, rendendole più impermeabili ai microrganismi, compresi quelli che scatenano raffreddore e influenza. In natura le fonti più ricche di antiossidanti (in ordine decrescente) sono rappresentate da: succo d’uva nera, mirtillo, more, prugne nere, pompelmo rosa, fragole, arancia, susina, avocado, uva nera, kiwi, uva bianca, mela, pesca, banana, pera, albicocche. Tra le verdure ci sono cavolo verde, spinaci, barbabietole, cavolini di Bruxelles, patate, peperoni, carote, fagiolini, zucca, cavolfiore, cipolla, porri, melanzane e pomodori. Vantano proprietà antiossidanti notevoli anche la soia, il tè verde, l’olio d’oliva, il germe di grano, le arachidi, il vino rosso e l’aglio. La possibilità di impiegare gli antiossidanti per stimolare le difese immunitarie e prevenire le infezioni si è ritagliata uno spazio sempre più consistente, tanto da rendere disponibili in commercio diversi integratori che li contengono. Sebbene un’alimentazione molto ricca in frutta, verdura e altri cibi ricchi di antiossidanti sia senza dubbio un metodo eccellente per proteggere il nostro organismo, i processi di lavorazione industriale hanno lo svantaggio di ridurre la loro concentrazione. Per questo spesso bisogna ricorrere a una loro supplementazione. Per saperne di più basta chiedere al proprio farmacista di fiducia. Ciao!

  • 9 anni fa
    Fonte/i: clicca qui lo spiega
  • Anonimo
    9 anni fa

    .

  • 9 anni fa

    gli antiossidanti reagiscono velocemente con i radicali prima che possano "far danni". devi comunque considerare che i radicali sono fisiologicamente presenti nelle cellule, necessari per vari processi

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.